Calais, sindaco annulla festival vegan per rischio barbecue

In Francia alcuni vegani radicalizzati hanno compiutti diversi atti vandalici contro dei negozi di carne. Per sicurezza il sindaco di Calais ha deciso di annullare il festival Vegan

Calais, sindaco annulla festival vegan per rischio barbecue

Dopo alcuni atti vandalici contro delle macellerie da parte di attivisti vegani in Francia, il sindaco di Calais ha deciso di annullare il festival Vegan. "Questa decisione — si legge in una nota del municipio — è conseguente alle informazioni su una serie di operazioni mirate a seminare caos e a perturbare l’ordine pubblico. Per garantire la sicurezza e non esporre visitatori, partner e organizzatori del salone al rischio di intemperanze, si è scelto di annullare l’evento senza che questa decisione sia legata alla natura o al tema del festival".

Tra le varie minacce ricevute dagli organizzatori del festival, anche quella più lieve di allestire davanti al loro ritrovo un enorme barbecue di bistecche, salsicce, cotolette e altro cibo a base di carne. Il banchetto avrebbe dovuto soddisfare l'appetito di 400 persone. E così il sindaco, Natacha Bouchart, ha preferito cancellare l'evento per una questione di sicurezza.

Commenti