Calano le vaccinazioni: "Mai così male dal 2003"

L'allarme del Ministero: "La situazione è preoccupante"

Sono dati preoccupanti, quelli che arrivano dal Ministero della Salute: sempre meno italiani vaccinano i propri figli. Le vaccinazioni obbigatorie (poliomielite, tetano, difterite, epatite B) e non obbliga pertosse, Haemophilus influenzae b, morbillo, parotite e rosolia) che vanno effettuate entro i due anni di età sono infatti in calo. 

I dati pubblicati dall’Istituto superiore di sanità (Iss) si riferiscono al 2013, prima cioè che scoppiasse il caso sul Fluad e si verificassero morti sospette, ed rivelano come le coperture medie nazionali raggiungano il livello più basso degli ultimi 10 anniIl fenomeno è definito "preoccupante" dall’Iss, mentre Beatrice Lorenzin lo ha definito un "allarme ed un problema serio di sanità pubblica". La diffusione delle vaccinazioni, infatti, "è fondamentale per prevenire epidemie ed evitare che si ripresentino malattie che sono state eliminate in Italia".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

obiettore

Lun, 02/02/2015 - 17:59

Forse gli "ospiti" fanno figli ma non li vaccinano oppure si è preso coscienza delle complicanze.