Caldaia difettosa, muore dopo aver respirato monossido di carbonio

È morta una pensionata peruviana di 72 anni in seguito alle esalazioni di monossido di carbonio che si sono sprigionate all'interno del suo appartamento a causa di un difetto alla caldaia

Caldaia difettosa, muore dopo aver respirato monossido di carbonio

È stata trovata morta nel torinese un'anziana donna di 72 anni che dopo aver subito un guasto alla caldaia è stata soffocata dal monossido di carbonio che si è sprigionato in casa

Una morte silenziosa quella avvenuta ai danni di un'anziana 72enne che, a causa di un guasto al sistema di riscaldamento è soffocata a causa della grande quantità di monossido di carbonio respirato. Lo riferisce il Torino Today, i Vigili del Fuoco sono certi che sia stato proprio un guasto alla caldaia ad uccidere l'anziana signora. I sanitari giunti sul posto non hanno potuto far nulla se non accertarne la morte, avvenuta per soffocamento. Sono stati successivamente informati i Carabinieri dell'accaduto che ora dovranno svolgere le indagini. La donna aveva 72 anni ed era di origini peruviane ma viveva in Italia da tantissimo tempo, tanto che era pensionata.

Il monossido di carbonio è molto pericoloso, soltanto a gennaio scorso furono molteplici le persone che morirono per circostanze simili.

Commenti