Camorra, scacco ai clan Polverino: arrestato il killer Gianluca Troise

L'assassino di Luigi Felaco, alias Ginetto Nazzaro, freddato in un caseificio tra Marano e Calvizzano

Grande operazione anticamorra da parte dell’Arma dei carabinieri del comando provinciale di Napoli. In manette è finito Gianluca Troise, 40 anni, noto elemento di spicco dei clan Polverino e Orlando, egemoni nei comuni di Marano, Calvizzano e Quarto.

Troise fu condannato in primo gradoCamorra, 41 arresti a Napoli alla pena dell’ergastolo e assolto in appello nel marzo del 2017. Il criminale, infatti, uccise Luigi Felaco, alias Ginetto Nazzaro, affiliato al clan Nuvoletta - Polverino, freddato in un caseificio tra Marano e Calvizzano. L’uomo fu assassinato nel 2012. Raggiunto alla testa da 4 colpi calibro 7.65, le ricostruzioni dell’epoca affermano che l’omicidio si consumò al termine di un breve inseguimento concluso proprio nel caseificio “Cinque Stelle”.

Al momento, il Troise, che era sottoposto all’obbligo di firma, è detenuto in carcere in attesa dell’udienza di convalida. Scritta la parola fine, quindi, sull’ennesima storia di sangue che ha macchiato questa terra. Un omicidio efferato che, per molto tempo, è stato al centro delle indagini degli inquirenti e che, adesso, ha trovato in Gianluca Troise l’esecutore materiale.