Cani e gatti immuni al virus. Tutta la verità sugli animali

"Contro la stupidità gli stessi dei lottano invano", scriveva Schiller. Mentre l'Italia (e il mondo ormai) combatte contro un nemico invisibile e insidioso, c'è chi si diverte a diffondere le famose fake news (false notizie) su Internet

Cani e gatti immuni al virus. Tutta la verità sugli animali

«Contro la stupidità gli stessi dei lottano invano», scriveva Schiller. Mentre l'Italia (e il mondo ormai) combatte contro un nemico invisibile e insidioso, c'è chi si diverte a diffondere le famose fake news (false notizie) su Internet. Una delle più recenti riguarda l'affermazione dello stupido di turno, secondo cui sarebbe opportuno liberarsi di cani e gatti perché possono contagiare i proprietari, trasmettendo il Coronavirus. Sarà bene ristabilire alcune verità scientifiche su un argomento che potrebbe inquietare qualcuno, se non altro perché i virus di molte epidemie umane hanno trovato il loro serbatoio naturale negli animali (selvatici). Si pensa, ma non è ancora certo, che questo virus possa avere il suo serbatoio naturale in alcuni pipistrelli asiatici. Nei folcloristici ma pericolosi mercati cinesi potete trovare gabbie e ceste, contenenti decine di specie animali vive, compresi i pipistrelli. A questo punto, una miscela esplosiva di virus può sfruttare la promiscuità con l'uomo e compiere lo spillover, il salto di specie. Ora, il virus è in grado di trasmettersi anche da uomo a uomo e questo dà la stura alla possibile pandemia. Dato che la maggior parte delle drammatiche epidemie virali che hanno colpito l'uomo avevano dunque a che fare, all'origine, con qualche animale, la fake news dello stupido di turno diventa inquietante, perché confonde il pubblico che la legge, il quale si chiede: «Ma se tutte questi virus derivano da pipistrelli, dromedari, uccelli, non è che anche il cane e il gatto». La risposta è semplicemente no. Per quanto i virologi possano talvolta battibeccare su aspetti particolari delle strategie da prendere per contenere il virus, tutti i virologi medici, medici veterinari e biologi di tutto il mondo concordano sul fatto che cani, gatti, e in generale i nostri animali domestici, allo stato attuale delle conoscenze non possono infettare l'uomo con il Coronavirus e non possono essere da lui infettati. Punto. Che poi in Cina la proprietaria malata abbia starnutito sul muso di un cane e questo sia risultato positivo al tampone, non ha alcuna rilevanza, anzi ci insegna a mantenere comunque quelle norme igieniche fondamentali che sono alla base del contenimento di un'epidemia. Così come è una pessima idea starnutire vicino a qualcuno senza proteggersi con un fazzoletto monouso o le mani (meglio ancora i gomiti), così è una pessima idea quella di sbaciucchiare il cane sul muso o addirittura sulle labbra, non solo per motivi che trovo talmente ovvi da non meritare di essere delucidati, ma anche perché cani e gatti non amano essere baciati.

La conclusione dunque è che non vi può essere alcun pericolo nel possedere un cane o un gatto, anzi, soprattutto per gli anziani costretti a stare in casa dalla legge, oltre che dai malanni, la loro compagnia diventa un viatico psicologico di straordinaria importanza nell'affrontare questo difficile momento.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento