Carabiniere si spara in testa con la pistola d'ordinanza a Bologna

Si è sparato in testa nei bagni pubblici dopo aver fatto visita alla madre sepolta nel cimitero di Castel San Pietro a Bologna a dare l'allarme è stata la moglie

Carabiniere si spara in testa con la pistola d'ordinanza a Bologna

L'allarme è stato dato dalla moglie del Carabiniere che non avendolo visto tornare a casa si era agitata e ha avvertito subito le autorità che lo hanno trovato morto nei bagni del cimitero

Era andato a fare visita nel cimitero di Castel San Pietro, dove è sepolta la madre, un Carabiniere di 53 anni che si è esploso un colpo di pistola nei bagni del luogo sacro ai cattolici. La depressione, secondo i famigliari, lo ha spinto all'insano gesto riferisce il Bologna Today. Dopo aver fatto visita alla madre ha deciso, stando ad una prima ricostruzione, di dirigersi verso i bagni del cimitero e spararsi in testa. I soccorsi sono stati inutili visto che il colpo era andato a segno, quindi gli uomini dell'auto medica hanno potuto soltanto constatarne il decesso.

Non è la prima volta che una persona si uccide all'interno dei cimiteri del bolognese, si contano almeno altre due persone che tra 2017 e 2018 hanno tentato o trovato la morte nei pressi o all'interno dei camposanti sparsi in tutto il territorio di Bologna. Per l'uomo dell'Arma purtroppo non c'è stato nulla da fare, la condizione di prostrazione l'ha spinto a compiere l'insano gesto.

Commenti