Carceri italiane sempre più piene: oltre 60mila i detenuti in cella. Un terzo sono stranieri

L'ultimo dato ufficiale del Dipartimento dell'Amministrazione penitenziaria parla infatti di 60.002 reclusi nei 190 penitenziari italiani

Carceri italiane sempre più piene: oltre 60mila i detenuti in cella. Un terzo sono stranieri

Le carceri italiane sono sempre più piene e per la prima volta in cinque anni è stata superata la soglia dei 60mila detenuti imprigionati. L'ultimo dato ufficiale del Dipartimento dell'Amministrazione penitenziaria, aggiornato al 30 novembre scorso, registra infatti 60.002 reclusi nei 190 penitenziari del Paese, a fronte di una capienza regolamentare di 50.583 posti, che prevede 9 metri per singolo detenuto. Insomma, 9.419 persone in più rispetto alla soglia massina. E, di conseguenza, meno spazio vitale.

Gli stranieri dietro le sbarre, sempre secondi i dai dati raccolti dal Dap, risultano essere oltre 20mila - 20.306, per l'esattezza -, un terzo del totale dunque.

La quota dei 60mila detenuti non veniva superata dal marzo 2014, quando le presenze in galera - al 31 marzo di quell'anno - erano pari a 60.197. Alla fine del 2017, i reclusi erano invece calati a 57.608.

Tra i detenuti, infine, i condannati definitivi sono 39.658, mentre 10.265 sono quelli in attesa di primo giudizio.

Commenti