Francesco sceglie Zuppi: chi è il "progressista" che guiderà la Cei

Il Pontefice pesca il nome dalla lista stilata dall'assemblea dei vescovi. Scelto l'arcivescovo di Bologna Matteo Maria Zuppi che succede al cardinale Bassetti

Francesco sceglie il cardinale Zuppi: chi è il "progressista" che guiderà la Cei

Il cardinale Matteo Maria Zuppi, che è anche l'arcivescovo di Bologna e che è stato creato porporato da papa Francesco nel corso dell'ultimo concistoro, è il nuovo presidente della Conferenza episcopale italiana.

La decisione è arrivata dopo l'assemblea dei vescovi che, come da tradizione, ha individuato una terna di nomi da sottoporre al pontefice, che ha poi scelto. Il tutto è arrivato in tempi brevi rispetto alla prassi. Si era ipotizzato che si dovesse arrivare agli inizi di giugno.

Zuppi succede così a Gualtiero Bassetti, cardinale che aveva raggiunto i limiti d'età e che si è fatto da parte. Il nuovo presidente della Cei è considerato per lo più un "progressista", anche se la definzione può non essere esaustiva, e proviene dalla Comunità di Sant'Egidio.

Il messaggio che il neo vertice dei presuli ha voluto inoltrare per la sua nomina è stato riportato dal sito della Sir: "Comunione e missione sono le parole che sento nel cuore. Cercherò di fare del mio meglio, restiamo uniti nella sinodalità", ha dichiarato, rilanciando sul concetto di "sinodalità", che è caro all'ex arcivescovo di Buenos Aires e che dovrà accompagnare la Chiesa italiana in questi anni proprio in virtù del Sinodo nazionale che Bergoglio ha richiesto e che la Cei sta organizzando.

In chiave ecclesiastica si potrebbe dire che Zuppi sia una figura molto caratterizzata. Nel corso delle settimane che hanno preceduto l'assemblea dei presuli del Belpaese, il nome dell'arcivescovo di Bologna era rimbalzato sulla stampa in qualità di possibile nuovo vertice. Ma sono anni, a dire il vero, che si parla dell'arcivescovo di Bologna come futuro (e ora presente) della Cei.

Intanto stanno arrivando le prime congratulazioni. Tra i primi Matteo Salvini, che ha pure ringraziato l'ex presidente Bassetti: "Un doveroso e sentito ringraziamento al cardinale Bassetti. Rivolgo i miei più fervidi auguri di buon lavoro al cardinale Zuppi", ha twittato il leader della Lega.

"Gli auguri più sentiti di buon lavoro al nuovo Presidente della Cei, Cardinale Matteo Zuppi", ha scritto invece il segretario del Partito Democratico Enrico Letta, sempre via Twitter, subito dopo l'emersione della notizia, che è stata battuta anche dall'Ansa. Nel frattempo, stanno fuoriuscendo anche alcuni particolari relativi alla nomina. I vescovi italiani avevano - come da tradizione - segnalato tre nominativi al Santo Padre: oltre a Zuppi, erano stati indicati anche l'arcivescovo di Siena, il cardinal Augusto Paolo Lojudice, e monsignor Antonino Raspanti.

Jorge Mario Bergoglio, in un'intervista al Corriere della Sera, aveva in qualche modo orientato l'avvenire della Cei, dichiarando che avrebbe preferito che il presidente fosse stato un cardinale. E così è stato.

Commenti