Casaleggio strappa. E i 5 Stelle implodono

Mettiamola così: il Movimento 5 Stelle, per come lo abbiamo conosciuto fino a ora, non esiste più.

Mettiamola così: il Movimento 5 Stelle, per come lo abbiamo conosciuto fino a ora, non esiste più. I segnali di una imminente implosione, sia chiaro, c'erano tutti. Ma ieri la deflagrazione è stata pirotecnica. Davide Casaleggio è uscito dal gruppo. Che si fosse ampiamente rotto le scatole della sua stessa creatura, lo aveva esplicitato con un lungo post-confessione lo scorso 4 ottobre, nell'anniversario della fondazione del Movimento. Quel giorno, informalmente, aveva messo una lapide sull'esperienza pentastellata per come, utopicamente, l'aveva concepita il padre Gianroberto. Con il post pubblicato ieri su Facebook, nel quale annuncia di non partecipare agli Stati Generali grillini, issa ufficialmente bandiera bianca e fa un passo indietro. Non è cosa da poco: almeno per due motivi.

Il primo: il Movimento nasce da una privatissima intuizione di Gianroberto Casaleggio, veicolata dal megafono Grillo, e cresce e si sviluppa fino a diventare il primo partito, alle elezioni del 2018, grazie alla sua azienda privata. È la Casaleggio Associati a selezionare e formare la prima classe dirigente del partito, ma soprattutto a fornire l'infrastruttura tecnologica che tiene in piedi la baracca. Dal blog di Grillo, agli inizi, a quello delle Stelle, oggi. Ma soprattutto è Casaleggio ad avere le chiavi di Rousseau, la piattaforma che in teoria amministra tutta la vita democratica dei pentastellati. La commistione tra azienda privata e partito pubblico è talmente fitta da risultare inestricabile. Persino i deputati, alla faccia della Costituzione, sono di fatto contrattualizzati dall'azienda e devono rispondere prima ad essa che ai loro elettori. Il ruolo di Casaleggio è talmente politico - oltre che aziendale - da essere determinante, solo per fare un esempio, alla scelta di un oscuro avvocato di provincia come premier: tal Giuseppe Conte. Più di Luigi Di Maio - allora portavoce del Movimento - e ancor più di Beppe Grillo, pesavano la sua approvazione o il suo veto. Tutto questo per spiegare quanto non sia marginale la sua uscita di scena: è come se dalla royal family fosse scappata a gambe levate la regina Elisabetta, non Harry e Meghan.

Il secondo punto: Casaleggio lascia il gruppo perché il gruppo ha cambiato genere musicale. Si possono imputare molte colpe al figlio del fondatore (dallo spirito padronale alla minima propensione alla democrazia interna), ma non lo si può tacciare di incoerenza. Casaleggio molla tutto perché, come era facilmente prevedibile, si è reso conto che i «suoi» parlamentari sono incollati alla poltrona, vogliono derogare al limite dei due mandati, non versano l'obolo a Rousseau, grattano sulle rendicontazioni, accumulano avidamente ogni prebenda, si scannano per uno strapuntino, trescano come i peggiori politici della prima Repubblica. Sono come gli altri. Anzi, peggio: perché hanno portato in Parlamento come fiore l'occhiello - come curriculum - l'incompetenza che, come tutte le cattive abitudini, sarà una piantaccia difficile da estirpare. I grillini non valgono un soldo bucato. Lo ha capito, troppo tardi, perfino Casaleggio jr. Lo hanno già capito molti italiani e ci auguriamo che siano sempre di più. L'unico che ci guadagna è Conte: Casaleggio e Grillo non parleranno agli Stati Generali. Il presidente del Consiglio si aggirerà, virtualmente, come uno sciacallo tra Crimi e Di Maio, vittime sacrificali di un grillismo che non esiste più. Volevano essere l'apriscatole del sistema e sono finiti ad essere solo un taxi (verso il sistema) per Conte. Che non ha neppure pagato la corsa.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di vince50_19

vince50_19

Dom, 15/11/2020 - 17:27

"Volevano essere l'apriscatole del sistema e sono finiti ad essere solo un taxi (verso il sistema) per Conte." Veramente aberrante una fine del genere, se cosi fosse. C'era duqnue una volta il Movimento 5 Stelle? Staremo a vedere, mentre la pandemia impazza. Stanno rispettando le norme contro gli assembramenti, mi auguro..

Savoiardo

Dom, 15/11/2020 - 17:39

Erano una bella speranza,si sono rivelati inutili per l'Italia e utili idioti per i marpioni del PD ( exPCI+ exsnDC ora tutti politicamente corretti al servizio dei supercapitalisti)

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 15/11/2020 - 17:43

Oggi leggiamo la notizia, ma già lo avevamo capito. M5S ha fatto il suo giuoco e tira avanti sperando di arrivare a finire il quinquennio, poi si vedrà e si rifaranno i conti, ma senza Conte.

Uncompromising

Dom, 15/11/2020 - 17:52

Tutto vero. Questo signore spuntato dal nulla sarà pure coerente, ma ci lascia come "regalo non gradito" quell'insieme di personaggi, creati da lui e dal babbo, che manco rispondono più ai suoi ordini. Il M5S non esiste più, ma tali personaggi cercheranno di resistere a qualsiasi costo e a nostro carico sino al 2023, per mungere tutto il possibile offerto dalla cosiddetta occasione della vita. Purtroppo per noi.

cgf

Lun, 16/11/2020 - 13:01

Formare la prima classe dirigente...? Vista la "selezione" meglio non avere tra i fornitori simile società

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 16/11/2020 - 19:02

Destinati a fallire e scomparire.

ilrompiballe

Lun, 16/11/2020 - 19:16

Un pensiero riconoscente a tutti quei concittadini che ce li hanno messi tra i piedi con un bel 33% e che ancora li gratificano di un 15%.

ex d.c.

Ven, 20/11/2020 - 18:40

Il M5S non imploderà fino a quando gli elettori lo sosterranno. Non hanno lavoro, non hanno esperienza , non hanno niente ma prendono un lauto stipendio e soprattutto sono 'importanti'. Vedere i giornalisti correre dietro a queste nullità è penoso