Caserta, l'uomo che ha sparato rapinato 8 volte

La moglie ha raccontato agli inquirenti che non era la prima volta che si ritrovavano i ladri in casa e che erano stati vittime di furti almeno otto volte

Caserta, l'uomo che ha sparato rapinato 8 volte

Dovrebbe essere un albanese l’uomo morto questa notte mentre insieme ad altri due complici tentava un furto in una villetta a Villa Literno. Ma per una identificazione si è in attesa di riscontri alle impronte digitali prelevate sul cadavere. L’uomo che ha sparato con un’arma legalmente detenuta, meccanico di mezzi industriali, era in casa con la moglie e i due figli, di cui uno minorenne, quando ha visto arrivare in via Vecchia Aversa i tre malviventi. La moglie ha raccontato agli inquirenti che non era la prima volta che si ritrovavano i ladri in casa e che erano stati vittime di furti almeno otto volte.

Ma i militari dell’Arma hanno ritrovato nei loro archivi una sola denuncia sporta dal meccanico risalente al 2001. Secondo quanto raccontato dalla moglie dell’uomo, sarebbe stata la figlia maggiorenne a notare per prima la presenza dei ladri mentre rincasava con la sua auto e sarebbe stata lei ad avvertire i genitori con il cellulare dopo aver visto il cancello aperto. Ancora in corso le indagini la ricostruzione dell’esatta dinamica. Nella villetta di via Vecchia Aversa è arrivato anche il pm della Procura di Napoli Nord.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti