Caso Bossetti, alla Corte una busta con due proiettili

È stata fermata al centro di smistamento della posta a Bergamo. Ora indaga la procura

Caso Bossetti, alla Corte una busta con due proiettili

Un involucro con all'interno due proiettili e una lettera che, dopo la richiesta di condanna, prende le parti di Massimo Bossetti. È questo quanto hanno trovato in uno dei centri di smistamento della posta a Bergamo. Una busta indirizzata alla Corte d'Assise del tribunale locale e al pubblico ministero Letizia Ruggeri.

All'interno una lettera scritta in stampatello, con diversi errori di ortografia, in cui l'autore si schiera con Massimo Bossetti,accusato dell'omicidio di Yara Gambirasio, con parole offensive nei confronti della presidente della Corte e del pm.

La lettera, di cui si sono accorti i dipendenti del centro di smistamento, è stata sequestrata dalla Mobile di Bergamo, che pensa all'opera di un mitomane.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti