Cassazione: "Totò Riina troppo malato per il carcere, ha diritto a morte dignitosa"

Gli ermellini aprono al differimento della pena o ai domiciliari per il boss di "Cosa nostra", recluso al 41 bis, per motivi di salute

Totò Riina nell'aula bunker di Palermo negli anni Novanta
Totò Riina nell'aula bunker di Palermo negli anni Novanta

La Cassazione ha disposto di valutare nuovamente se sussistano o meno i presupposti per concedere a Totò Riina il differimento della pena o gli arresti domiciliari per motivi di salute.

Gli ermellini, accogliendo il ricorso presentato dalla difesa del boss di "Cosa nostra", ha annullato con rinvio la decisione del tribunale di sorveglianza di Bologna che aveva detto no alla concessione di tali benefici penitenziari, nonostante le gravissime condizioni di salute in cui il "Capo dei capi", recluso al 41 bis nel penitenziario di Parma, versa da tempo. Il giudice bolognese aveva ritenuto che le "pur gravi condizioni di salute del detenuto" non fossero tali da "rendere inefficace qualunque tipo di cure" anche con ricoveri in ospedale e osservato che non erano stati superati "i limiti inerenti il rispetto del senso di umanità di cui deve essere connotata la pena e il diritto alla salute".

Il tribunale di sorveglianza di Bologna, invece, metteva in evidenza la "notevole pericolosità" di Riina, in relazione alla quale sussistevano "circostanze eccezionali tali da imporre l'inderogabilità dell'esecuzione della pena nella forma della detenzione inframuraria". Oltre all'"altissimo tasso di pericolosità del detenuto", il giudice ricordava "la posizione di vertice assoluto dell'organizzazione criminale Cosa nostra, ancora pienamente operante e rispetto alla quale Riina non ha mai manifestato volontà di dissociazione".

Per questo, osservava il tribunale bolognese, era "impossibile effettuare una prognosi di assenza di pericolo di recidiva" del boss, nonostante "l'attuale stato di salute, non essendo necessaria, dato il ruolo apicale rivestito dal detenuto, una prestanza fisica per la commissione di ulteriori gravissimi delitti nel ruolo di mandante".

La sentenza della Cassazione

La prima sezione penale della Suprema Corte, con una sentenza depositata oggi, ha ritenuto fondato il ricorso, definendo "carente" e "contraddittoria" la decisione del tribunale di sorveglianza, che ha omesso di considerare "il complessivo stato morboso del detenuto e le sue generali condizioni di scadimento fisico".

Affinché la pena non si risolva in un "trattamento inumano e degradante", ricordano i giudici di piazza Cavour, lo "stato di salute incompatibile con il regime carcerario, idoneo a giustificare il differimento dell'esecuzione della pena per infermità fisica o l'applicazione della detenzione domiciliare non deve ritenersi limitato alla patologia implicante un pericolo per la vita della persona, dovendosi piuttosto - si legge nella sentenza - avere riguardo ad ogni stato morboso o scadimento fisico capace di determinare un'esistenza al di sotto della soglia di dignità che deve essere rispettata pure nella condizione di restrizione carceraria".

I giudici del "Palazzaccio", inoltre, osservano che "ferma restando l'altissima pericolosità" di Riina e "del suo indiscusso spessore criminale", il tribunale di sorveglianza non "chiarisce come tale pericolosità possa e debba considerarsi attuale" data la "sopravvenuta precarietà delle condizioni di salute e, del più generale stato di decadimento fisico" del boss. La decisione del giudice bolognese, secondo la Cassazione, non spiega come "si è giunti a ritenere compatibile con le molteplici funzioni della pena e con il senso di umanità" imposte dalla Costituzione italiana e dalla Convenzione europea dei diritti umani "il mantenimento in carcere" di Riina, viste le sue condizioni di salute.

Il diritto di morire dignitosamente

La Corte afferma quindi "l'esistenza di un diritto di morire dignitosamente, che deve essere assicurato al detenuto e in relazione al quale il provvedimento di rigetto del differimento dell'esecuzione della pena e della detenzione domiciliare deve espressamente motivare", anche tenuto conto delle "deficienze strutturali della casa di reclusione di Parma". Il giudice di merito, dunque, deve "verificare, motivando adeguatamente in proposito, se lo stato di detenzione carceraria comporti una sofferenza ed un'afflizione di tali intensità da eccedere il livello che, inevitabilmente, deriva dalla legittima esecuzione di una pena".

Infatti, le "eccezionali condizioni di pericolosità" per cui negare il differimento pena devono "essere basate su precisi argomenti di fatto - conclude la Cassazione - rapportati all'attuale capacità del soggetto di compiere, nonostante lo stato di decozione in cui versa, azioni idonee in concreto ad integrare il pericolo di recidivanza". Sulla base delle indicazioni e dei principi espressi della Suprema Corte nella sentenza di oggi, il tribunale di sorveglianza di Bologna dovrà riesaminare le istanze delle difesa di Riina.

L'udienza

"C'è legittima soddisfazione da parte di noi legali per un percorso di difesa, il più delle volte oscuro rispetto all'opinione pubblica, che riguarda la salute di un uomo in condizioni molto, molto critiche", così ha commentato l'avvocato Luca Cianferoni, uno dei difensori di Totò Riina, all'Adnkronos la sentenza depositata oggi della Cassazione che, ribadendo il "diritto a morire dignitosamente" di ogni detenuto, Riina compreso, ha aperto al differimento della pena per il Capo dei Capi di Cosa nostra, ottantaseienne e con diverse gravi patologie.

Ora toccherà al tribunale di sorveglianza di Bologna decidere sulla richiesta dei legali del boss: "L'udienza - ha aggiunto il legale - è fissata per il 7 luglio prossimo e noi ci saremo".

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti