Castelleone, bimbo cade dal terzo piano: è grave

Il piccolo avrebbe raggiunto il balcone e scavalcato la ringhiera, perdendo poi l’equilibrio. Ancora da chiarire se i genitori erano presenti al momento del fatto

Tragedia a Castelleone, comune in provincia di Cremona, dove un bambino di poco più di due anni ha fatto un volo dal terzo piano schiantandosi al suolo. Trasferito in codice rosso all’ospedale di Bergamo, sarebbe in gravissimo pericolo. Il dramma è avvenuto in pochissimi minuti, senza dare il tempo ai genitori di rendersi conto di cosa stava accadendo al loro bambino di soli due anni. Nella serata di venerdì 12 luglio, verso le 20,30, un bambino è caduto dal terzo piano nel Cremasco, a Castelleone.

Secondo una prima ricostruzione i genitori del bambino, di origini senegalesi, si sarebbero allontanati dall’abitazione per fare delle commissioni. Dopo circa mezz’ora, al loro rientro a casa, avrebbero sentito le urla dei parenti che abitano al primo piano, avvertirli della tragedia. Il loro figliolo era poco prima caduto dal balcone. Il padre, una volta raggiunto il bimbo, ha deciso di trasportarlo in automobile urgentemente all’ospedale Maggiore di Crema. Vista la drammatica situazione in cui il bambino si trovava, i medici hanno preso la decisione di trasferire il paziente in elisoccorso all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo.

Date le gravissime condizioni di salute, il personale medico che lo ha al momento in cura, per il momento ha preferito non sciogliere la prognosi. Decisive saranno prossime ore. Da quanto emerso si sarebbe trattato solo di un tragico evento, una caduta accidentale. La polizia che è giunta sul luogo si sta occupando delle indagini, ascoltando gli eventuali testimoni e facendo i rilevamenti del caso per capire cosa esattamente sia successo. Ancora non è chiaro se la piccola vittima al momento della tragedia si trovasse da solo in casa o affidato a qualcuno. Nè se l’incidente si sia verificato nella mezz’ora in cui entrambi i genitori erano fuori.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.