La Cei boccia Salvini al citofono: "Atteggiamento infelice"

La citofonata di Matteo Salvini non è piaciuta a mons. Stefano Russo, che parla di "atteggiamento non particolarmente felice"

Una delle ultime scelte operate da Matteo Salvini, in specifico quella di citofonare presso l'abitazione di un presunto spacciatore, non è piaciuta alla Cei, che ha parlato di un "atteggiamento" che "non è stato particolarmente felice". Il leader della Lega è impegnato nelle ultime fasi della campagna elettorale per le elezioni regionali dell'Emilia Romagna. La competizione vede contrapposti soprattutto Lucia Borgonzoni, che è candidata per il centrodestra, e Stefano Bonaccini, che è espresso dalla coalizione di centrosinistra. E i vescovi di quel territorio, qualche giorno fa, hanno anche presentato un documento pubblico in cui si domanda agli elettori di sbarrare la strada al sovranismo-populista. Il parere sul comportamento di Matteo Salvini è stato espresso da mons. Stefano Russo, che ha sostituito mons. Nunzio Galatino quale vertice della segreteria dell'episcopato italiano.

Il vescovo ha aggiunto tuttavia di voler "evitare di entrare nei casi particolare e dare giudizi sulle persone". Ma il giudizio emesso da Stefano Russo ha il tenore di una vera e propria bocciatura. L'ex ministro dell'Interno, poco dopo aver citofonato, aveva motivato così l'azione dimostrativa: "A che titolo l'ho fatto? - aveva argomentato, parlando con i giornalisti presenti -. In qualità di cittadino. Le forze dell'ordine fanno meglio di me il loro mestiere, quindi hanno gli elementi per decidere se quel tizio spaccia o non spaccia. Mi volevo togliere una curiosità, visto che una signora di 70 anni mi dice 'mi minacciano di morte perche' lì spacciano...". Una motivazione che per la Cei non sembra dunque essere sufficiente.

La Conferenza episcopale italiana, nel frattempo, è impegnata su più fronti. Nel corso della giornata di ieri, il cardinal Gualtiero Bassetti, che è invece il presidente dei presuli italiani, ha ribadito la linea:il cardinale ha domandato "accoglienza diffusa" per i migranti e "percorsi agevolati" per il conseguimento della cittadinanza. L'arcivescovo di Perugia non ha citato lo ius soli in via diretta, ma è complicato individuare percorsi semplici e destinati alla concessione della cittadinanza senza tirare in ballo l'approvazione del cosiddetto "diritto del suolo". La Cei, inoltre, si sta preparando alla tre giorni di Bari, dove ci si confronterà sulla situazione del mar Mediterraneo, con tanto di presenza finale di Papa Francesco.

Monsignor Stefano Russo, come ripercorso dalla Lapresse, ha concluso il suo intervento, confidando in una larga partecipazione elettorale all'appuntamento di domenica prossima: "Auspico che questo tempo sia un tempo in cui tutti possiamo partecipare in modo civile al bene comune e che i cittadini possano essere presenti in modo significativo a questa tornata democratica e dare il loro contributo sul territorio, quindi anche in Emilia Romagna".

Commenti

DRAGONI

Gio, 23/01/2020 - 13:05

Hanno ragione di essere indignati perche' è stata data la dimostrazione che si puo' fare ciò che essi non fanno perchè impegnati in una vita agiata senza conoscere il lavoro che sarebbe necessario che essi facessero per poterne godere.

Ritratto di thunder

thunder

Gio, 23/01/2020 - 13:07

Loro ... tutte cose felici.

Korgek

Gio, 23/01/2020 - 13:17

Ma tutti, proprio tutti devono dire la loro su questa cosa? Aspetto con ansia il parere dell'Omino della Michelin e di Calimero.

Ritratto di Svevus

Svevus

Gio, 23/01/2020 - 14:03

Oramai il clero progressista e il popolo cristiano sono sempre più separati da un abisso !

paolo b

Gio, 23/01/2020 - 14:46

COMINCIO A PENSARE CHE SALVINI HA FATTO LA COSA GIUSTA....SE LA CHIESA SI SCHIERA CONTRO VUOL DIRE CHE HA RAGIONE SALVINI !!!!!

MOSTARDELLIS

Gio, 23/01/2020 - 14:54

La CEI: ma chi siete? Ma che cavolo volete dall'Italia e dagli italiani? Ma non vi vergognate di intromettervi sempre a sproposito negli affari italiani? Ma perché non pensate al Vaticano e vi prendete tutti i clandestini che arrivano in Italia? Basta!!!! Non vi sopportiamo più!!!!

Ritratto di pulicit

pulicit

Gio, 23/01/2020 - 14:58

Korgek: Bellissimo post.Condivido.Regards

MOSTARDELLIS

Gio, 23/01/2020 - 14:58

Piuttosto perché non pagate l'IMU? Perché gli italiani devono pagare al posto vostro? E perché vi dobbiamo pagare anche l'acqua che usate per innaffiare i vostri floridi giardini? Rivediamo il Concordato. Basta di sfruttare l'Italia.

maxxena

Gio, 23/01/2020 - 15:30

citofoniamo nelle curie e nei vari istituti religiosi dicendo: è qui che ci sono decine di migliaia di metri quadrati di immobili vuoti per i migranti?(esentasse) secondo me non rispondono.

01Claude45

Gio, 23/01/2020 - 15:30

I preti, a qualunque livello, parlino di Gesù Cristo, della Madonna e di Dio che alle cose terrene ci pensiamo noi.

Giorgio Colomba

Gio, 23/01/2020 - 15:39

La Cei ai tempi di Bergoglio. Non c'è più religione.