"Che bello stuprare i bambini". La pagina choc su Facebook, in manette l'autore

Un 21enne è indagato per istigazione a pratiche di pedofilia e pedopornografia. La pagina creata sul celebre social network incitava allo stupro e alla pedofilia

"Che bello stuprare i bambini. Sì alla pedofilia" era una pagina che si trovava senza troppi problemi su Facebook. Ora l'autore è indagato, con l'accusa di istigazione a pratiche di pedofilia e pedopornografia.

La pagina choc su Facebook

Quello del 21enne di Monza è uno dei primi casi in Italia in cui è stata applicata la norma, introdotta nel codice penale dalla ratifica del Trattato di Lanzarote, che punisce chi pubblicamente istiga a pratiche di pedofilia o pedopornografia, come sottolineato da Il Messaggero.

Il giovane 21enne disoccupato è stato indagato in seguito alle indagini eseguite dal Compartimento Polizia Postale Sicilia Orientale, scattate dopo una segnalazione dall'associazione Meter di Don Fortunato Di Noto. Ora quella pagina disgustosa è stata oscurata e grazie alle perquisizioni domiciliare e informatica compiuta dalgli agenti della PolPosta è stata appurata la responsabilità diretta del giovane lombardo. Ora dovrà rispondere delle sue colpe davanti alla legge.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.