Cronache

"Ti disprezzo...": finisce in "rissa" tra Rubio e Mentana

L'indole di chef Rubio si è fatta nuovamente sentire contro Enrico Mentana, secondo lui colpevole di non aver difeso la Palestina nei confronti di Israele

"Ti disprezzo...": finisce in "rissa" tra Rubio e Mentana

Il riacutizzarsi degli scontri tra Israele e Palestina ha riacceso anche il dibattito sulla questione nel nostro Paese. Sui social sono tornati a fronteggiarsi i sostenitori dell'una e dell'altra fazione e tra i più accaniti commentatori c'è Gabriele Rubini, in arte Chef Rubio. A onor del vero, l'ex cuoco televisivo non ha mai smesso di perorare la causa palestinese in questi anni, sempre con toni ruvidi e agguerriti, al limite (e spesso oltre) dell'insulto nei confronti di chi esprime un pensiero diverso dal suo. Uno dei personaggi di spicco maggiormente presi di mira da Chef Rubio sulla questione palestinese c'è Enrico Mentana, il direttore del Tg La7, che poche ore fa ha subito l'ennesimo attacco da parte dell'Unto e bisunto della tv.

A scatenare l'ennesima scintilla contro Enrico Mentana da parte di Chef Rubio è stato un post condiviso dal giornalista sul suo profilo Facebook: "Nel conflitto israelo-palestinese non ci sono la parte giusta e quella sbagliata, il torto di uno e la ragione dell'altro, le verità assolute di questo o di quello. Solo chi non conosce quella regione, quell'intrico di fedi religiose e di etnie, di colonizzazioni e complicità, di sconfitte e vittorie passate può trattare l'ennesimo conflitto in corso come fosse un partita di Champions tra la squadra del cuore e l'avversario più odiato: e qui sui social è l'atteggiamento dominante".

Enrico Mentana, poi, prosegue: "Per cui Israele pratica l'apartheid e e palestinesi sono terroristi, e ogni percorso di pace è un imbroglio. È il gioco del partito preso, il terreno dei fanatici, che partono da una certezza, di essere dalla parte giusta, che va presidiata con durezza e inflessibilità, mostrandosi più aggressivi di chi la pensa in modo opposto, e facendo terra bruciata nella terra di nessuno del dubbio. Sarà sempre di più così, nell'esplosione festante di odio social, finché non si darà una sicurezza di pace e di confini a Israele e di Stato e territorio al popolo palestinese. Si chiama pace".

Chef Rubio non ci ha pensato due volte ad attaccare Enrico Mentana e, come il suo solito, ha aggredito in maniera verbalmente triviale il giornalista attraverso i social: "Non posso accettare che un uomo possa anche solo pensare una roba del genere, che un giornalista possa scrivere un testo così infarcito di propaganda sionista senza che nessun collega dica nulla. Mentana, sei una delle persone che disprezzo di più al mondo, vanne fiero". La posizione salomonica di Mentana ha scatenato ulteriormente l'ex cuoco televisivo: "E giù applausi. Capito? La gente ebete gli mette il like! Io dico po... ma studiate prima e poi mettete il like. Come se io me mettessi a mette like a tweet de neurochirurghi che mostrano tesi comparative... Se non so un c... al massimo leggo e muto". Quando si dice difendere la pluralità del pensiero.

Commenti