Chiuso il mare intorno alla Sea Watch: ma il Pd va in sfilata sulla nave

L'ordinanza della Capitaneria di porto: interdetta la navigazione e divieto di avvicinamento alla nave di Sea Watch

Chiuso il mare intorno alla Sea Watch: ma il Pd va in sfilata sulla nave

Dopo il blitz di tre parlamentari sulla nave di Sea Watch, arriva l'ordinanza che impedirà a chiunque di avvicinarsi alla nave della Ong con a bordo 47 migranti. "Non hanno rispettato le norme sanitarie", ha spiegato ieri il leader della Lega. E così stamattina la Capitaneria di porto di Siracusa ha pubblicato una ordinanza che vieta la "navigazione" al fianco della imbarcazione umanitaria. L'obiettivo sembrava quello di ostacolare la "staffetta democratica" programmata per oggi dal Pd, anche se poi i parlamentari dem hanno ottenuto dal prefetto una deroga e sono saliti a bordo. Una volta tornati a terra è arrivato l'annuncio del dem Orfini: "La procura di Siracusa non ha intrapreso alcuna iniziativa nei confronti dei parlamentari del Pd".

Il documento che avrebbe dovuto bloccare la sfilata buonista porta la firma del comandante della Capitaneria, Luigi D'Aniello, e dispone il divieto di navigazione, ancoraggio e sosta intorno alla Sea Watch olandese. Nell'ordinanza si legge che "è interdetto, anche ai fini della tutela dell'ordine pubblico e sanità pubblica, alla navigazione, ancoraggio e sosta con qualunque unità, sia da diporto che ad uso professionale e ogni altra attività connessa agli usi civili del mare non espressamente autorizzata, lo specchio d'acqua nella Baia di Santa Panagia" e per "un raggio di 0,5 miglia nautiche dalla posizione della Sea watch".

"Alla luce di quanto emerso durante l'odierna riunione tenutasi in prefettura in presenza delle forze di polizia", si legge nell'ordinanza, la prefettura ha chiesto "l'adozione di urgenti provvedimenti di disciplina della navigazione e dell'accesso nell'area di mare circostante il punto di fonda dell'unità Sea Watch 3, nell'ambito della baia di santa Panagia, mediante interdizione del tratto di mare interessato in considerazione del fatto che la presenza e/o la navigazione di altre imbarcazioni attorno alla stessa motonave possono creare problemi riguardanti l'ordine pubblico e la sanità pubblica". Ad essere vietate sono anche la balneazione, le immersioni e la pesca.

A salire sull'imbarcazione ieri erano stati Nicola Frattoianni (Leu), Riccardo Magi (+Europa) e Stefania Prestigiacomo (Fi). "Non sono certo passata a sinistra", ha spiegato oggi la sua decisione la deputata azzurra. "Da giorni c'è una nave di fronte a casa mia con 47 disperati a bordo e io che faccio? Sto a guardare?". Non sono rimasti a "guardare" neppure i parlamentari del Pd, che oggi hanno realizzato una "staffetta democratica" a bordo della nave. Insieme al segretario dem siciliano, Davide Faraone, c'eramo Maurizio Martina, Carmelo Miceli, Matteo Orfini, Fausto Raciti, Valeria Sudano e Francesco Verducci.

Commenti