In coda per la spesa da paura. "Due casse d'acqua? Poche..."

Inutili gli appelli, supermercati presi d'assalto all'alba per fare scorta. Anziani in coppia per portare più borse

Al discount di via Valassina, ai confini con Niguarda, la fila dei clienti in attesa di entrare gira intorno al parcheggio. È da qui che passano le ambulanze dirette all'ospedale del quartiere a Nord di Milano. «A ogni sirena, e sono tante, è un brivido lungo la schiena», ammette la signora Emma che aspetta da circa mezz'ora. Davanti ai supermercati cittadini anche ieri si sono formate lunghe code. Nonostante l'appello del sindaco Beppe Sala: «Restano aperti, non c'è motivo di accalcarsi». La gente non è tranquilla. Le file sono molto lunghe anche perché ogni persona è ben distanziata dall'altra e gli ingressi sono contingentati. Gli acquisti si sono concentrati nella mattinata e nel tardo pomeriggio. Le attese sono maggiori nei super più grandi, da 40 minuti a oltre un'ora. In quelli del tipo «express» si entra con più facilità. Oggi è probabile che non andrà meglio: i punti vendita saranno aperti solo mezza giornata.
Anche il Carrefour h 24 di via Farini ha ridotto gli orari. La gente in fila ha carrelli e carrellini. C'è la spesa per la famiglia, molto cibo per animali, qualcuno si lamenta per il limite di due casse d'acqua a testa. Le scene si ripetono, con le code che fanno il giro dell'isolato, all'Esselunga di viale Jenner, dove vengono fatte entrare cinque persone ogni cinque minuti. A quella di viale Umbria, alla Coop lì a fianco, a quella di piazza Gae Aulenti, al Pam di viale Sabotino, al Carrefour di corso Lodi. In molti negozi può entrare un solo componente della famiglia. Carla e Luigi però sono venuti insieme, lui aspetta fuori. «Siamo anziani ma autosufficienti - sottolinea - Però non abbiamo la macchina e per portare tutta la spesa serviamo entrambi».
Le guardie giurate all'ingresso dirigono i flussi. «È così da stamattina all'apertura - dice un vigilante - Vediamo facce conosciute, molti erano qui anche ieri o al massimo l'altro ieri. Chissà dove stipano tutta questa roba...». Un uomo, forse ubriaco, dà fastidio e i due si spintonano. Addio distanza di sicurezza. Alessia, studentessa fuori sede rimasta a Milano, è un po' in imbarazzo: «Lo so che hanno detto che i supermercati non chiuderanno... Però hanno ridotto gli orari e potrebbero farlo ancora». Anche davanti a Eataly c'è una ventina di persone, l'attesa è accompagnata dalla musica jazz in sottofondo. Da Peck invece, gastronomia di alta gamma in centro, c'è la chiusura anticipata ma tutto scorre tranquillo. Nessuno fuori e otto-dieci clienti tra gli scaffali. È nato pure un sito con la mappa dei super della città e per ognuno, in tempo reale, le persone in fila e i minuti necessari per poter entrare. Anche se dalle verifiche fatte sul campo le indicazioni non risultano granché precise.
«Ribadiamo - precisa Esselunga - che non esistono problemi di rifornimento di alcun genere alimentare». La catena ha creato canali preferenziali per il personale sanitario e per i volontari di Comuni e associazioni che fanno la spesa per chi ne ha bisogno. Fino al 3 aprile in Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Veneto, Liguria e Toscana la chiusura sarà anticipata alle 20 nei giorni feriali e l'orario della domenica sarà 8-15. Orari ridotti in tutta Italia fino al 29 marzo anche per Carrefour (8.30-19 nei feriali e 8.30-15 la domenica), per garantire il servizio e insieme i turni di riposo dei dipendenti. «Ai quali - spiega una nota - verrà corrisposto nei prossimi giorni un premio economico a riconoscimento del loro prezioso contributo». A Milano potenziata in alcuni punti vendita la consegna della spesa a casa per gli over 60. Alle 14 all'Esselunga di via Losanna ci sono 102 persone in fila. Qualcuno si arrende e si rifugia nella panetteria dietro l'angolo. La ragazza dietro al banco sorride sotto la mascherina, la radio suona: «Sembra la fine del mondo, ma mi calma...».

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

ortensia

Dom, 22/03/2020 - 10:22

Code chilometriche, ore di attesa per entrare, e poi scaffali vuoti di alcuni generi essenziali. Questo succede a Bologna ipercoop. E Bonaccini ha fatto chiudere la domenica. Lunedi' venga con noi in fila a Borgo Panigale.Sembra che ci sara' anche maltempo. Tanti vecchietti si ammaleranno, tutto di guadagnato per l'inps.

Ritratto di Thorfigliodiodino

Thorfigliodiodino

Dom, 22/03/2020 - 10:40

Incompetenti, asini, incapaci.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 22/03/2020 - 10:46

Mi piace che vanno in macchina insieme ed uno attende fuori. Ma non possono prendere due carrelli separati? Mica gli fanno il terzo grado se sono coniugi. Ma poi il problema acqua,ma lo sanno che quella pubblica è più controllata di quella in bottiglia? ...e costa pure meno. A me fa rabbia che il Governo pensi alle famiglie, ma questi non pensano a risparmiare anche in tempo di crisi. Sono tutti sofistici.

Giorgio5819

Dom, 22/03/2020 - 10:49

L'ignoranza é un male incurabile.....

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 22/03/2020 - 10:50

Certo devono andare al loro supermercato preferito. Se andassero anche in altri discount, code ce n'è al lumicino, due minuti di attesa. Ma tanta carta igienica a cosa serve!? A già vi sta venendo la cagherella dalla paura.

Ritratto di H2SO4

H2SO4

Dom, 22/03/2020 - 10:52

Sono andato al supermercato Nessuna coda Scaffali pieni Le code dove ci sono si formano perché tutti i giorni qualcuno spaventa la popolazione e chiede nuove misure È più si chiude tutto e più la situazione peggiorerà

ortensia

Dom, 22/03/2020 - 11:08

@H2SO4 : sei fortunato, dacci l'indirizzo che veniamo anche noi.

Ritratto di onefirsttwo

onefirsttwo

Dom, 22/03/2020 - 11:11

Onefirsttwo(alias Tutankhamon da Hokkaido(JAPAN)) : Hi !!! STOP Mxxxxxa , che robe !!! STOP Cuose , cuose dell'altro mondo !!! STOP E ricordate : Una volta c'era Dracula , oggi c'è Giuseppi , il Cuonta mxxxxxate !!! STOP Yeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhh

claudioarmc

Dom, 22/03/2020 - 11:18

Non tutta l'Italia è uguale, a Milano anche l'acqua dell'acquedotto è bevibile ma per esempio a Bologna l'acqua fa schifo puzza come la varichina

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 22/03/2020 - 11:30

@do-ut-des - anche negli altri supermenrcati ora c'è coda (e meno cose acquistabili, con scaffali vuoti)

killkoms

Dom, 22/03/2020 - 12:01

@ortensia,un vero furbone bonaccini!

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Dom, 22/03/2020 - 14:12

Perché l'acqua del rubinetto fa così schifo?