La paura corre sulla Statale: un 86enne in contromano per 20 chilometri

All'uomo è stata ritirata la patente per aver viaggiato da Bellano a Lecco in controsenso. Aveva sbagliato strada e ha fatto inversione

Un uomo di 86 anni è stato fermato dalla Polizia stradale per aver guidato contromano per quasi 20 chilometri sulla Superstrada, la Statale 36. All’incauto conducente è stata ritirata la patente e data una salata sanzione. E’ stato fortunato, avrebbe potuto uccidere qualcuno, oltre a se stesso. Mercoledì sera, 31 luglio, l’86enne stava viaggiando sulla sua vecchia Alfa Romeo 147 quando ha imboccato la Superstrada verso Colico dirigendosi a Nord.

Poco dopo però si reso conto di aver sbagliato strada, e invece di uscire al primo svincolo e tornare indietro, all’altezza di Bellano ha pensato bene di frenare improvvisamente e invertire la marcia. Sempre restando sulla medesima carreggiata, questa volta però andando verso Sud. Come se nulla fosse. Merito degli altri automobilisti incrociati sulla sua traiettoria se non è successa una tragedia. Sono infatti stati tutti bravissimi a evitarlo, in modo da non creare incidenti anche gravi. Immediatamente i vari testimoni del suo assurdo gesto hanno avvertito del pericolo gli agenti della Polizia stradale.

Molti di loro hanno anche cercato di avvertire gli altri automobilisti denunciando il fatto sui Social. Qualcuno su Facebook ha scritto di aver incontrato un pazzo in contromano a Lierna. L’86enne si trovava ormai alle porte di Lecco e stava per entrare in città, quando è stato bloccato dagli agenti della Polizia Stradale, sulle sue tracce da qualche chilometro.

Aveva macinato quasi 20 chilometri, tutti contromano. L’anziano è stato fatto scendere immediatamente dalla vettura e, dopo aver controllato generalità e libretto, gli è stata ritirata la patente di circolazione. Oltre ovviamente a sanzionarlo con una multa decisamente salata per il gesto sconsiderato che aveva compiuto al volante della sua auto.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.