Coronavirus, è il giorno con più vittime: 627 morti in 24 ore

L'ultimo bollettino della Protezione civile: 37.860 malati in Italia (+4.670). I decessi salgono a 4.032, i guariti 5.129 (+689)

È il giorno con più vittime. 627 in un giorno. Un dato che fa salire il numero dei morti a 4.032. Continua a salire il numero di casi di coronavirus nel nostro Paese: sono 4.670 nuovi casi positivi da ieri per un totale di 37.860. Sale anche il numero dei guariti, arrivati a 5.129 con un incremento su ieri di 689 unità. Dall'inizio della diffusione del virus cinese, 47.021 persone hanno contratto il Covid-19 (compresi morti e guariti), con un'impennata di 5.986 nuovi casi in un solo giorno.

I pazienti ricoverati con sintomi sono 16.020; 2.655 sono in terapia intensiva, mentre 19.185 sono in isolamento domiciliare fiduciario. I dati sono stati resi noti dal capo della Protezione civile, Angelo Borrelli, nel corso della conferenza stampa quotidiana sull'emergenza coronavirus. Per quanto riguarda le terapie intensive, "siamo partiti a inizio emergenza da 5.400 posti di terapia intensiva, siamo arrivati intorno agli 8.000 e stanno ancora crescendo - ha spiegato Borrelli -. Sono cresciuti anche i posti nei reparti specializzati, c'è un'attività di potenziamento richiesta dal ministero della Salute e messa in atto dalle Regioni".

"Ho firmato un'ordinanza di Protezione civile che consente il pagamento anticipato delle pensioni negli uffici postali e nelle banche. Non sarà più in un solo giorno ma dal 26 di marzo al 31, e così accadrà anche per aprile e per i mesi a venire", ha annunciato Borrelli che ha poi tuonato contro le fake news che circolano nel paese: "Voglio smentire seccamente che il dipartimento di Protezione civile si starebbe preparando per dichiarare condizioni di biocontenimento in tutto il Paese tra qualche giorno. Sono fake news che vanno punite. E non abbiamo avuto problemi di posti negli ospedali".

Dopo le dichiarazioni sul possibile picco dei contagi, Borrelli ha specificato che "ho evidenziato una cosa che mi è stata detta sul picco, non sapremo mai quando sarà. Si parlava ragionevolmente della settimana prossima o di quella successiva, ma non c'è un dato scientifico, ci sono delle valutazioni che devono trovare riscontri oggettivi". "Le misure messe in campo hanno dato dei risultati - ha continuato -, credo che il numero di positivi sia il frutto di una circolazione precedente alla stretta, che ci auguriamo tutti ci permetterà di fermare la diffusione del virus".

Roberto Bernabei, ordinario di Geriatria dell'università Cattolica di Roma, ha fatto poi il punto sui decessi. "Sulle cartelle del primi 355 deceduti sono emersi dati importanti: solo tre persone, lo 0,8%, non avevano altre patologie. Gli altri avevano due o più patologie. Il fattore di rischio vero non è avere solo un'età anziana, ma avere patologie concomitanti. Noi siamo il Paese più vecchio la mondo. L'età media degli infettati in Italia è di 63 anni contro i 46 dei cinesi. Meno del 10 per cento di mortalità è sotto i 60 anni, tutto il resto dai 60 in su", ha dichiarato Bernabei. A spiegare la differenza nella percentuale di mortalità con Covid-19 tra l'Italia e, ad esempio, la Germania, può essere anche il criterio utilizzato nei diversi Paesi. Il nodo è "chi è che viene definito morto per coronavirus: se in Germania si definisce fra le vittime solo il 28enne morto per polmonite interstiziale e non magari l'anziano con molte patologie che quando è morto era positivo al Covid-19 è chiaro che i dati saranno inferiori".

"Il decreto ha dieci giorni, serve aspettare almeno un paio di settimane per vedere i risultati delle misure adottate", ha detto Bernabei. Quanto al rischio di nuovi focolai, Bernabei ha replicato: "L'idea che ci possano essere degli spot nei prossimi giorni è possibile, ma non mi sconvolge. La cosa fondamentale è che vengano presi subito dei provvedimenti per cercare di restringerli". L'epidemia finirà entro l'estate? "Tutto è possibile, ancora non lo sappiamo - ha spiegato Bernabei -. E fino a quando non avremo la valutazione del picco, non potremo fare questi calcoli ulteriori".

Lombardia

"Dopo un mese siamo qui. È cambiata la nostra Regione, è cambiato il nostro modo di vivere. È stata una grande corsa e giorno per giorno questa strada la stiamo percorrendo tutti. Medici e infermieri: grandi eroi. I cittadini sempre più protagonisti di questa battaglia. Il virus si nutre del corpo dell'uomo, se lo trova si nutre di questo, altrimenti muore. Questa è la battaglia degli italiani, questa è la battaglia dei lombardi". Con queste parole l'assessore al Welfare Giulio Gallera ha ricordato che la lotta contro il virus continua da un mese. "Il 20 febbraio alle ore 21 arrivava sul mio cellulare la telefonata del primo caso positivo, un minuto dopo ho avvisato il presidente Fontana. Il sistema sanitario ha agito immediatamente".

"I numeri di oggi confermano una crescita costante: i positivi sono saliti a 22.264 (+2.380), gli ospedalizzati sono 7.735 (+348), in terapia intesiva 1.050 persone (+44). I decessi sono 2.549 (+381): crescono in maniera importante. 4.235 le persone dimesse e guarite", ha spiegato Gallera.

In Lombardia è sempre Bergamo la provincia di più colpita dal coronavirus, con 5.154 casi (509 in più rispetto a ieri) seguita da Brescia 4.648 (+401). A Milano città sono 1.550 i contagi, nella città metropolitana sono 3.804, 526 più di ieri con una crescita inferiore rispetto al dato precedente. Gallera ha poi sottolineato che questo incremento è "figlio di quel folle weekend dell'8 marzo in cui tutti erano ancora in giro non rendendosi conto del pericolo", e che per questo, visti i tempi di incubazione, l'auspicio è che invece le cose migliorino nei prossimi giorni.

L'assessore si è poi detto felice per la notizia del "bimbo di 40 giorni di Lecco guarito dal coronavirus", per l'assunzione di molti specializzandi e perché "stanno rispondendo all'appello i medici pensionati". "Ognuno deve combattere questa battaglia sapendo che è il protagonista e che la vinciamo se ognuno di noi la vive e la combatte con grande determinazione", ha affermato Gallera.

Lazio

"Oggi registriamo un dato con una crescita importante legato anche ai casi delle 59 religiose risultate positive che fanno balzare a 185 i casi di positività e a oltre mille i casi totali. In assenza di questa peculiarità il trend sarebbe stato di un incremento del 13% in linea con quello degli ultimi giorni". Lo ha annunciato l'assessore alla Sanità e l'Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D'Amato. "Sono rilevanti - ha aggiunto - anche i dati dell'aumento dei guariti: nove nelle ultime 24 ore e degli usciti dalla sorveglianza che sono 3.064. Cinque i decessi".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

jaguar

Ven, 20/03/2020 - 18:29

Resta il fatto che gli altri paesi non tengono conto dei decessi con coronavirus. Comunque sia è una catastrofe.

Ritratto di Skapestrato

Skapestrato

Ven, 20/03/2020 - 18:32

Qui se nn si chiude tutto subito, arriveremo a 20000 morti. Conte svegliati !

Ritratto di filospinato

filospinato

Ven, 20/03/2020 - 18:35

mi vengono i brividi al pensiero che questa strage sia frutto di negligenza, imperizia e imprudenza

Ritratto di mbferno

mbferno

Ven, 20/03/2020 - 18:49

Temo che siamo lontani dal picco. La diffusione capillare al centro-sud,ancora marginale rispetto al nord Italia,non può che tragicamente far aumentare le cifre di contagio e decessi.

Lugar

Ven, 20/03/2020 - 18:49

Se si va avanti così la mortalità è quasi il 50%. E' opportuno verificare il sistema di contagio, con la quarantena i casi non diminuiscono, quindi potrebbe esserci un'altro veicolo.

Ritratto di BoycottPoliticalCorrectness

BoycottPolitica...

Ven, 20/03/2020 - 18:49

Ma dai?!? Il governo vuole inasprire ulteriormente il decreto, qualcuno comincia (finalmente) a lamentarsi di questa surreale situazione e cosa succede giusto in tempo? Morti su morti. Le combinazioni, a volte...

Ritratto di ConteRaffaelloMascetti

ConteRaffaelloM...

Ven, 20/03/2020 - 18:54

La gente deve rispettare i decreti di Conte ma purtroppo il 90% degli italiani ha allergia alle regole e non riesce a starsene in casa. Forse in quanto molti under 70 non rischiano loro personalmente ma in tal modo espongono al pericolo i loro genitori e nonni.

lavitaebreve

Ven, 20/03/2020 - 18:58

UNA PERSONA DI CENTO ANNI CON 100 MALATTIE , POI DECEDUTA PERCHÉ È ARRIVATO IL CORONAVIRUS , LA COLPA È DEL CORONAVIRUS.

Ritratto di mbferno

mbferno

Ven, 20/03/2020 - 19:01

Questo è il frutto della negligenza ed incapacità di chi governa,tendendo a sottovalutare certe situazioni,ignorare certi allarmi con la comoda frase "niente allarmismi",il tutto condito da una buona dose di arroganza e menefreghismo. Salvo poi,a danno fatto,correre ai ripari. E,come se non bastasse questo,ci sono ancora personaggi che reclamano apertura dei porti,spargimento di clandestini di cui nulla si sa su tutto il territorio nazionale,e ancora più posti per i migranti. Con queste premesse,o si sveglia il governo,seriamente,o si sveglia il popolo,altrimenti è la fine.

jaguar

Ven, 20/03/2020 - 19:11

ConteRaffaelloM, gli italiani non riescono a stare a casa, però dobbiamo considerare anche tutte le persone che continuano a lavorare, nessuna azienda è immune al virus.

lion

Ven, 20/03/2020 - 19:15

Premesso che si muore sempre per arresto cardiaco, anche se ti sparano muori per arresto cardiaco, se si ha un tumore si muore per arresto cardiaco e cosi via, per cui basta con la presa in giro che i morti sono morti perché avevano altre patologie (ipertensione, cardiopatie, diabete ecc.) sono tutti morti per COVID 19. Il fatto che poi erano anziani, non rileva. Quasi tutti gli anziani soffrono di qualcosa ma quasi sempre con farmaci tengono sotto controllo la patologia (es. ipertensione), senza il COVID 19 molti di loro avrebbero vissuto molti altri anni. Sono stati ammazzati dal COVID e forse anche dalla dissenta politica di tagli sulla sanità praticata negli ultimi 10 anni.

rokko

Ven, 20/03/2020 - 19:18

jaguar, una domanda che faccio a te, ma potrei fare a chiunque parla dell'argomento. Ma è così fondamentale che contiamo i morti in maniera omogenea noi e gli altri paesi? Io non credo. I numeri importanti sono quelli dei ricoveri, specie in terapia intensiva, sono quelli che scarseggiano.

Ritratto di filospinato

filospinato

Ven, 20/03/2020 - 19:21

Lugar la letalità è il rapporto morti/malati e per conoscere tale rapporto devi conoscere quanti sono i malati - in Italia i tamponi dovrebbero farli a tutti e invece non si può perchè li abbiamo inviati agli americani, per qualche buon motivo che solo loro conoscono

Ilsabbatico

Ven, 20/03/2020 - 19:22

Odio i "regimi" e non mi piace questo governo, ma questa volta ci vuole un regime e bisogna obbligare gli italiani a starsene a casa....sono il popolo più "indisciplinato e furbetto dell'europa"...

Ritratto di Joyforall

Joyforall

Ven, 20/03/2020 - 19:22

C'è gente che esce 4 volte al giorno. Ci stiamo amazzando l'un l'altro. mancanza di senso civico all'ennesima Potenza.

Ritratto di illuso

illuso

Ven, 20/03/2020 - 19:31

La vedo brutta... non dimentichiamo che oltre il corona-virus abbiamo molte altre malattie che purtroppo in questo periodo vengono messe in secondo piano.

Ritratto di etasrl

etasrl

Ven, 20/03/2020 - 19:43

chiedo tre minuti d'attenzione : se tutti indossiamo quanto prima la tenuta dei chirurghi (costo max €25/cad comprensivo di mascherina chirurgica) riduciamo ad un centesimo il rischio di contagio (dato ricavato dalle statistiche della Cina) e contemporaneamente ricominciamo a fare,così protetti,quello che ognuno faceva prima dell'arrivo del nuovo virus ,salvando così le nostre vite e tutti gli equilibri mentali,sociali ed economici ora tragicamente compromessi. dobbiamo TUTTI RITORNARE IMMEDIATAMENTE ALLA VITA NORMALE un pò intabarrati ma infinitamente più sereni e dopo pochi giorni infinitamente orgogliosi di esserne venuti fuori al costo di €25,00 riportando serenità,etc. a ferragosto recupereremo ,se sarà necessario il tempo perso magari dividendolo su più ferragosto senza fretta ....

steluc

Ven, 20/03/2020 - 19:47

È tutto sbagliato, i numeri hanno la testa dura, dall approccio tardivo alla mobilitazione delle forze , probabilmente a protocolli non validi che non permettono ai medici di muoversi con efficacia. Ci dicono solo state in casa lavatevi le mani, ok, ma si possono dare anche consigli di prevenzione alla popolazione. Siamo nei guai fino al collo.

Ritratto di Joyforall

Joyforall

Ven, 20/03/2020 - 19:49

@mbferno commnento valido ma strabico che guarda solo ad una direzione. Il Governo ha detto cosa fare. Il Cittadino può anche capire da se cosa va fatto. Purtroppo ancora non capiamo che finiremo in una povertà senza precedenti. Non mi dica di non avere ancora sentito dire: ...non sono un ultra settantenne, bla bla bla. E' vergognoso.

Ritratto di WjnnEx

WjnnEx

Ven, 20/03/2020 - 19:51

@Skapestrato potrebbe urlarlo alla confindustria di Bergamo e Brescia che in occasione dei primi interventi ululavano che bisognava continuare a produrre!!!!

antonmessina

Ven, 20/03/2020 - 19:52

sul totale infettati e morti si possono sapere i numeri dei portatori di nuove abitudini che presto saranno le nostre nonche pagatori delle nostre pensioni?

Zara2175

Ven, 20/03/2020 - 20:00

Sbaglio o ogni giorno é il giorno con più vittime? Non sarà che anche domani sarà il giorno con più vittime? A cosa servono questi "aggiornamenti"? Nella misura in cui sono regolari e meccanicamente ripetitivi e direi predicibili non divengono irrilevanti? Qualcuno mi sa aggiornare sul numero di soggetti sani, e delle loro famiglie, che si stanno ammalando senza rimedio a causa delle misure messe in atto dai governi? Cordialmente.