Coronavirus, a Caserta bus gratuiti per medici e infermieri

La Clp, azienda per il trasporto pubblico sita in Terra di Lavoro, ha attivato un servizio gratuito per medici e infermieri impegnati nell'emergenza coronavirus

La Clp, nota azienda per il trasporto pubblico della provincia di Caserta, ha messo a disposizione bus e servizi gratuiti per medici e infermieri che devono recarsi a lavoro. Ad annunciarlo, oltre alla stessa agenzia di trasporti, anche il primo cittadino di Caserta, Carlo Marino. Come si legge dall'agenzia Ansa, il servizio sarà a chiamata e consentirà gli spostamenti in qualsiasi momento della giornata per venire incontro ai bisogni ed alle necessità professionali di medici e paramedici impegnati in prima linea nella battaglia contro il coronavirus, i cui contagi in Campania hanno superato le 800 unità. Il sindaco Carlo Marino ha affermato: "Questa sinergia è indirizzata a favorire l'arrivo di medici ed infermieri sul proprio posto di lavoro e l'iniziativa osserverà scrupolosamente le direttive e le ordinanze nazionali e regionali che regolano lo spostamento delle persone". La Clp parla dell'iniziativa in questione come "un modo per mostrare vicinanza ad un settore che è in prima linea in questa difficile battaglia e per dare, in tal senso, un nostro piccolo contributo. Abbiamo chiesto al comune di Caserta di fare da ponte con le Asl ed i presidi ospedalieri territoriali".

Coronavirus, servizi di trasporto gratis per medici e infermieri casertani: l'iniziativa della Clp

Un'iniziativa utile ed umana arriva da Caserta nei confronti di medici e infermieri impegnati in una vera e propria guerra di trincea conto il coronavirus. Per tali categorie professionali gli autobus saranno gratuiti. Ad annunciarlo l'azienda di trasporto Clp e il sindaco di Caserta Carlo Marino. Tuttavia, le novità non finiscono qi: il servizio di trasporto sarà a chiamata, ovvero, medici e paramedici potranno chiederlo in qualsiasi momento. Il tutto per venire incontro a particolari esigenze di tali professionisti che ogni giorno rischiano la salute, se non la vita, per combattere in prima linea la pandemia da covid-19.

Proprio nella città di Caserta stanno aumentando inesorabilmente i casi di coronavirus. In data 22 marzo 2020 sono stati 4 i nuovi accertati sui 9 emersi nell'intera provincia. Tra i positivi nel capoluogo risultano esserci un bambino di 6 anni ed un giovane di 19. Gli altri due casi accertati riguardano due donne di 39 e 56 anni. A Caserta sono 10 i casi totali, tra cui si registra (purtroppo) il decesso di una donna di 52 anni, agente di polizia, che lavora presso la questura del capoluogo. Lo scrittore casertano Francesco Piccolo si è rivolto ai suoi concittadini con le seguenti parole: "Statevene a casa, passerà. È più difficile di quanto immaginavamo, ma passerà".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.