L'allarme Covid per gli occhi: ecco che cosa può fare il virus

Nuovi studi sul coronavirus dimostrano che il Covid-19 può introdursi nell'organismo attraverso gli occhi infettando le mucose del bulbo oculare

Il Covid-19 può introdursi nel corpo attraverso gli occhi. È quanto emerge da uno studio condotto da un team di ricercatori della Johns Hopkins University School of Medicine di Baltimora pubblicato sulla rivista di biologia bioRxiv e in attesa di revisione da parte della comunità scientifica.

Stando a quanto emerge dalla ricerca, il virus attecchirebbe agevolmente alla superficie oculare legandosi al recettore Ace2 e all'enzima proteasi della superficie cellulare TMPRSS2. Attraverso questi due coadiuvanti, la proteina spike del patogeno - quella responsabile del contagio, per intenderci - avrebbe accesso facilitato all'organismo ingenerando l'ormai nota infezione da Sars-Cov-2. Per questo motivo, suggeriscono gli esperti, è bene schermare gli occhi con apposite protezioni ed evitare di portare le mani al viso, specie se si è in luoghi pubblici.

Lo studio

Il team di ricercatori, guidati dal Lingli Zhou del Dipartimento di Oftalmologia, ha analizzato alcuni campioni di essudato congiuntivale (il liquido traslucido presente negli occhi) prelevato da pazienti deceduti. Dall'analisi delle secrezioni oculari, è emersa un'elevata concentrazione del recettore Ace2 e TMPRSS2, una proteasi associata alla superficie cellulare che facilita l'ingresso del patogeno nell'organismo attraverso la proteina Spike. Da qui, la deduzione che gli occhi siano molto più suscettibili al contagio di quanto non fosse stato appurato fino ad oggi. "La superficie oculare potrebbe potenzialmente fungere da portale di accesso attraverso l'esposizione a goccioline aerosolizzate o il contatto occhio-mano", spiegano gli autori dello studio.

Risultati

Attraverso l'analisi immunoistochimica (si tratta di una tecnica utilizzata nei laboratori di anatomia patologica), gli studiosi hanno notato una presenza distinta del recettore ACE2 sulla "congiuntiva, limbus e cornea". Inoltre, è stata rilevata una presenza prominente dell'enzima TMPRSS2 sulla congiuntiva superficiale e sulle superfici epiteliali della cornea. "Questi risultati indicano che le cellule della superficie oculare, inclusa la congiuntiva, sono suscettibili alle infezioni da SARS-CoV-2 - scrivono gli autori della ricerca - e potrebbero quindi fungere da portale di ingresso o da serbatoio per la trasmissione da persona a persona di questo virus".

Conclusioni

Alla luce di quanto è stato riscontrato, gli esperti suggeriscono l'utilizzo di visiere, maschere e protezioni schermanti per gli occhi:"È importante avviare pratiche di sicurezza nella comunità per prevenire l'infezione e la diffusione del contagio, anche anche attraverso contatto occhio-mano".

Altri studi

Uno studio analogo, condotto da un gruppo di esperti dell'Università di Singapore con a capo da Yuin-han Loh, è apparso sulla rivista medRxiv. L'indagine ha evidenziato un'elevata concentrazione del recettore Ace2 nelle cellule della cornea e della congiutiva. In Italia, già qualche settimana fa, i ricercatori dell'Istituto Nazionale di Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani avevano appurato la presenza del patogeno nelle secrezioni lacrimali e congiuntivali. Dunque, il virus sarebbe in grado di entrare nell'organismo mediante contatto diretto/indiretto con le mucose dell'occhio fino ad infettare le cellule della membrana che riveste il bulbo oculare.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di UnoNessunoCentomila

UnoNessunoCentomila

Gio, 14/05/2020 - 12:03

Andate al diavolo voi e il covid! Siete diventati peggio del fatto quotidiano, prima eravate una testata seria, adesso fate concorrenza a repubblica e al corriere!!

checciazzecca

Gio, 14/05/2020 - 13:52

sembra che il covid, sulla distanza, faccia ricrescere i capelli, fa diventare gli occhi blu ceruleo aumenta la statura e la massa muscolare, migliorando il carattere

agosvac

Gio, 14/05/2020 - 14:05

A questo punto qualcuno potrebbe pensare che questo non è un virus: si tratta di extra terrestri che , sotto forma di virus, stanno sferrando un feroce attacco ai terrestri.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 14/05/2020 - 14:15

...adesso anche visiere protettive!Il "coronavirus" ha infettato la paranoia,che ora è al massimo della sua potenzialità distruttrice!

titina

Gio, 14/05/2020 - 14:40

Con quali conseguenze per gli occhi?

Ritratto di Adespota

Adespota

Gio, 14/05/2020 - 14:42

Ma possibile che non vi siate accorti che ormai la notizia covid è stata cavalcata troppo e chi scrive ormai o non viene più letto o viene preso in giro ?

ilrompiballe

Gio, 14/05/2020 - 14:44

Gli unici che rispetto sono quei medici anonimi che, a contatto diretto quotidiano e notturno, hanno cercato, sperimentato e trovato il modo di curare i loro pazienti, evitando in tale modo l'esplosione delle terapie intensive. A loro, agli infermieri che li hanno assistiti e a tutto il personale ospedaliero va il nostro applauso. A quella banda, purtroppo numerosa, di altisonanti seminatori di terrore, sparsi tra televisioni e giornali, una colossale pernacchia. Ai giornalisti un suggerimento: a volte "un bel tacer non fu mai scritto".

Ritratto di asso_idefix

asso_idefix

Gio, 14/05/2020 - 14:45

ricordo la Redazioe che la zanzara tra malaria, febbre del Nilo, dengue e febbre gialla, fa 3 MILIONI DI MORTI ALL'ANNO e nessuno ne parla. Pensate cosa succederebbe se la zanzara non fosse mai esistita e se comparisse solo adesso come mutazione di un moscerino innocuo.... Dovremmo andare in giro vestiti col Burqua dei talebani? ma andiamo.... sto virus incomincia a scocciarmi. Stiamo un po' attenti, ok ma non facciamoci prendere dal panico altrimenti moriremo uccisi dalle nostre stesse paure

Popi46

Gio, 14/05/2020 - 15:21

Vecchio detto dei miei bei vent’anni andati: il medico tutto sa e niente può, il chirurgo niente sa e tutto può, l’anatomopatologo tutto sa e tutto può....,ma arriva sempre troppo tardi

frabelli1

Gio, 14/05/2020 - 15:57

Questo era già stato detto, all’inizio, quando la regione Lombardia voleva che ci fosse l’obbligo delle mascherine, guanti ed occhiali come protezioni, perché il virus poteva anche passare attraverso gli occhi. Nulla di nuovo. Solo che allora lo stato sbeffeggiò Fontana, prendendolo in giro per aver indossato la mascherina. Questo, ai governanti, bisogna ricordarlo molto bene.

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Gio, 14/05/2020 - 17:25

Se c’è un principio d’incendio arriva sempre un giornalista a gettare benzina sul fuoco.

Una-mattina-mi-...

Gio, 14/05/2020 - 17:35

ALLA VATTELAPESCA UNIVERSITY IL PROF. DE FUFFIS DICE CHE BISOGNA INDOSSARE LA MASCHERINA, I GUANTI, E QUINDI AVANZARE CON LE BRACCIA TESE E BRANCOLANTI IN AVANTI, A TENTONI, TENENDO GLI OCCHI DEL TUTTO CHIUSI PER PRECAUZIONE. IN QUESTO MODO SI RIDUCE LA PROBABILITA' DI PRENDERE IL FUFFAVIRUS, ANCHE SE AUMENTANO IN MODO ESPONENZIALE I BERNOCCOLI.

baio57

Gio, 14/05/2020 - 18:48

MA FINITELAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA