Coronavirus, deputato del Gruppo misto risultato positivo

Claudio Pedrazzini, del Gruppo misto, è il primo deputato italiano che è risultato positivo al coronavirus. L'onorevole ha fatto sapere di stare bene

Il deputato Claudio Pedrazzini, che appartiene che al Gruppo misto e che ha aderito a Cambiamo, la formazione politica guidata dal presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, è risultato positivo al test per il coronavirus. Si tratta del primo caso di positività riguardante un parlamentare italiano.

Claudio Pedrazzini, però, non è il primo esponente politico ad essersi sottoposto al tampone. Nicola Zingaretti, presidente della Regione Lazio e segretario del Partito Democratico, è risultato positivo a sua volta. Altri, come il premier Giuseppe Conte, sono risultati invece negativi. La diffusione del contagio interessa così, da questa sera, anche i palazzi del Parlamento. Possibile che nelle prossime ore la politica ed i suoi esponenti siano costretti a prendere qualche contromisura. Ma bisognerà vedere se e quali provvedimenti verranno adottati.

L'onorevole interessato dal caso è originario di Lodi. Stando a quanto riportato dall'Adnkronos, l'esponente del centrodestra ha già commentato la notizia, rassicurando tutti: "Sto bene, solo qualche linea di febbre", ha fatto sapere il deputato. Pedrazzini siede alla Camera dei Deputati a partire dalle elezioni politiche che si sono svolte nel maggio del 2018.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Thorfigliodiodino

Thorfigliodiodino

Mer, 11/03/2020 - 10:10

Questi individui, del resto inutili e dediti a fare i propri interessi, ma votati più o meno consapevolmente dalla gente ignorante o indifferente, popolano la scena politica e sono tutti uguali, ma proprio uguali come se fossero fatti tutti col medesimo stampino. Chissà quale grande contributo avrà mai dato all'Italia anche costui! Fu negli anni 90, quando si sperava di cambiare l' Italia e spedire a casa i comunisti, che vidi di che pasta era fatta tanta gente come lui, tutti uguali, tutti furbi e messi lì per via di amicizie e raccomandazioni, per far capire che niente sarebbe mai cambiato...a meno di una vera rivoluzione.