Coronavirus, donna positiva partorisce bimbo sano a Piacenza

Donna incinta, positiva al coronavirus, partorisce bimbo sano all'ospedale di Piacenza. Il presidente della Società italiana di Neonatologia: "Non c'è trasmissione verticale del virus"

Era risultata positiva ai test del coronavirus ma, nonostante l'infezione, è riuscita a dare alla luce un bambino sano. Una gravidanza a lieto fine quella di una donna lombarda contagiata dal Covid-19 che, nella giornata del 26 febbraio, ha partorito un neonato in perfetta salute all'ospedale di Piacenza.

Una notizia di cui rallegrarsi in un paese piegato dall'emergenza sanitaria dell'epidemia del nuovo virus. In barba ai pronostici e alle più catastrofiche previsioni, nel sangue del piccolo non è stata rilevata alcuna traccia di contagio. Così la neomamma, costretta all'isolamento, ha finalmente potuto tirare un sospiro di sollievo dopo lunghe ore di patimento e trepidante attesa.

A dare comunicazione del lieto evento è stato l'assessore regionale alla Sanità dell'Emilia-Romagna Sergio Venturi che, nel corso della conferenza stampa di questo pomeriggio, ha rallegrato i presenti all'assemblea. "Si tratta di una signara lombarda - ha spiegato l'Assessore - proveniente dal Basso Lodigiano che è stata seguita nella gravidanza all'ospedale di Piacenza, dove aveva programmato il parto. Una notizia molto bella, quasi commovente in giornate così difficili". La neomamma, della quale per ragioni di privacy non è stata diffusa l'identità, era ricoverata già in reparto quando è stata sottoposta al tampone faringeo che ha evidenziato la positività al coronavirus. Il neonato gode di ottima salute ma resterà in osservazione nel nosocomio locale fino a precise disposizioni.

"In tutti i reparti di ostetricia italiani siamo attrezzati per far fronte alla nascita di un neaonato la cui mamma è positiva al Covid-19", spiega il presidente della Società italiana di neonatologia (Sin) Fabio Mosca all'agenzia stampa Adnkronos. "La trasmissione verticale del coronavirus sembra non avvenire. Insomma, il bimbo non si ammala - continua - Il personale viene protetto con tutte le mascherine ad hoc: camici impermeabili, guanti, lavaggi delle mani e mascherine filtranti. Serve prudenza ma non dobbiamo fare troppi drammi. Occorre solo attenzione".

Non è la prima volta che una donna incinta, positiva al nuovo virus, dia alla luce un bimbo sano. In Cina, durante il picco dell'epidemia, numerose neomamme hanno partorito bimbi in piena salute. Un dato sicuramente incoraggiate per i più piccini. "I neonati sembrano essere molto preservati. - spiega il dottore -Ma la mamma deve mettere in atto tutte le misure di prevenzione". Quanto all'allattamento, infine: "Occorre valutare caso per caso. - conclude Mosca - Se la mamma è in buone condizioni generali di salute può anche allattare. Altrimenti, è meglio evitare".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Civis

Civis

Mer, 26/02/2020 - 22:39

Complimenti e auguri a mamma e bambino e un grazie a medici e infiermieri.