Coronavirus, droni per controllare gli spostamenti dei cittadini

La nuova ordinanza dell'Enac autorizza il "monitoraggio degli spostamenti dei cittadini". Da Nord a Sud i droni sono già al lavoro per scoprire i furbetti

Negli ultimi giorni, le forze dell'ordine in diverse città italiane hanno iniziato ad usare i droni per controllare i movimenti delle persone. E ora arriva il via libera dell'Enac. Un'ordinanza dell'ente di controllo del volo spiega infatti che il "monitoraggio degli spostamenti dei cittadini potrà essere effettuato anche con i droni". Nella nota vengono anche fissate alcune regole: dal tipo di dispositivi che possono essere utilizzati alle modalità "per il contenimento dell'emergenza epidemiologica coronavirus".

Nella nota, come riporta il Corriere, viene specificato che "le operazioni condotte con sistemi aeromobili a pilotaggio remoto con mezzi aerei di massa operativa al decollo inferiore a 25 kg, nella disponibilità dei Comandi di Polizia Locale, potranno essere condotte in deroga ai requisiti di registrazione e di identificazione". L'Enac ha poi specificato che si potranno effettuare i controlli "anche su aree urbane dove vi è scarsa popolazione esposta al rischio di impatto" e dove "non sarà altresì necessario il rilascio di autorizzazione da parte di questo Ente e non sarà richiesto la rispondenza delle operazioni agli scenari standard".

Al fine di contrastare la diffusione del coronavirus quindi, fino al 3 aprile "si autorizzano tutti gli Enti di Stato di cui all'art 744 del Codice della Navigazione e delle Polizie Locali dei Comuni italiani, ad operare con propri 'aerei a pilotaggio remoto' se impiegati nell'ambito delle condizioni emergenziali dovute all'epidemia Covid-19, nelle aree prospicienti di tutti gli aeroporti civili e identificate come 'aree rosse', ad una quota massima di 15 metri". Dall'Enac si specifica infine che viene però "data sempre priorità al traffico degli aeromobili da/verso gli aeroporti e rimane in capo all’operatore del drone la responsabilità sia di dare precedenza agli aeromobili in volo sia di separarsi da questi ultimi".

In molti Comuni, da Nord a Sud, i droni sono già al lavoro per controllare i furbetti che non rispettano le misure di contenimento. Da Forlì a Bari, da Udine a Grosseto (per nominare solo alcune città), i piccoli sistemi aeromobili hanno preso quota per aiutare le forze dell'ordine a individuare i cittadini che escono ancora di casa. "La possibilità di intervenire anche attraverso ispezioni dall'alto su eventuali assembramenti dovrebbe aiutarci ad avere un deterrente. È necessario però fare appello alla responsabilità di ciascuno di noi", aveva dichiarato pochi giorni fa il sindaco di Bari e presidente dell'Anci Antonio Decaro.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

DRAGONI

Lun, 23/03/2020 - 18:41

CHE CONTROLLINO ANCHE IL RIPSTTO DEI LIMITI DI VELOCITA'.

graffio2018

Lun, 23/03/2020 - 18:58

come mai se c'era la possibilità di utilizzare questi droni, non sono mai stati impiegati per la lotta alla delinquenza?? per controllare il territorio e i ladri che entrano nelle abitazioni, ad esempio...o i corrieri che consegnano droga ecc???

westernspice

Lun, 23/03/2020 - 19:02

Certo, intanto i barconi di migranti ( potenzialmente portatori di corona virus) continuano ad arrivare in Italia E NESSUNO DICE NIENTE! RIDICOLI

trasparente

Lun, 23/03/2020 - 19:05

Temo che un giorno ci controlleranno anche quante volte andiamo in cesso.

Ritratto di Zvallid

Zvallid

Lun, 23/03/2020 - 19:07

Ma che controllino i ladri. La voglia di fare multe dei comuni italiani è incredibile

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Lun, 23/03/2020 - 19:28

Per la vostra sicurezza, naturalmente. Impronte digitali per la carta d'identità, taser, telecamere, droni. Poi toccherà al riconoscimento facciale, al "reato d'odio", all'abolizione dei contanti, ai campi di rieducazione. Solo per gli europei naturalmente, gli invasori sono esenti. Basterà il Covid19 o servirà il Covid20? O magari qualche altra ondata di "naufraghi" violenti? Un bello crollo delle borse? E lo spread, vogliamo mettere lo spread?

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Lun, 23/03/2020 - 19:53

Orwell AVEVA RAGIONE E' STATO PROFETICO MANCA LA PSICOPOLIZIA E L'ORA DELL'ODIO PIANO PIANO CI ARRIVERANNO

Andrea22

Lun, 23/03/2020 - 20:00

Ma siamo essere umani o no? Stanno esagerando adesso. Questo governo è da portare davanti alla Corte Costituzionale.

Ja'aqov

Lun, 23/03/2020 - 20:10

Non ho mai creduto a tutti quei sermoni sulla privacy nell'ambito virtuale:tuteliamo la tua privacy...leggi...accetta..i minori sono tutelati e bla bla bla.Dai Pc ai cellulari alle card alle tessere ecc.siamo iper-controllati;e non mi spiego come mai la delinquenza è in aumento.Ora siamo agli arresti domiciliari.Globalismo,multiculturalismo,Covid-19 in cambio di una libertà blindata e sempre meno diritti e più doveri...per gli onesti s'intende..della serie lavora consuma e crepa.

Pigi

Lun, 23/03/2020 - 20:15

Confermo: hanno perso la Trebisonda. Usciranno con un bel cappuccio in testa, la mascherina e gli occhiali da sole: non ero io, era il mio vicino. La nitidezza di una ripresa con un drone non arriva a quella necessaria ad identificare con certezza una persona, a meno che non arrivi a pochi metri. Ma allora costituisce un pericolo.