Coronavirus, ecco chi (e perché) può uscire di casa

Le misure di contenimento contro il coronavirus limitando gli spostamenti delle persone. Ecco quando e perché si può uscire di casa

Chi può uscire di casa? Quando e perché? Sono forse questi gli interrogativi imperanti che riecheggiano nelle case degli italiani. Come noto, per ridurre al massimo il contagio, il governo ha varato un decreto che contiene le misure di contenimento contro il coronavirus, limitando – di molto – gli spostamenti delle persone e concedendo la possibilità di scendere per strada solo in alcuni casi.

Quali? Presto detti. Come ricorda il ministero della salute sul proprio sito istituzionale, è permesso uscire di casa solo per esigenze lavorative, motivi di salute e di necessità. In tutti e tre i casi il cittadino è chiamato ad accertare la ragione della propria uscita servendosi del modulo di autocertificazione, qualora venisse fermato per un controllo dalle forze dell'ordine.

Quindi, lavoro, urgenze sanitarie e necessità. È bene chiarire cosa rientri nei motivi di necessità: ovviamente, è garantita la possibilità di andare a fare la spesa (anche per il proprio animale domestico), così come la benzina, e l'acquisto di medicine in farmacia. Inoltre, si può andare in edicola a comprare il giornale, al tabaccaio e al veterinario, se il proprio animale domestico ne ha bisogno. Per essere ancora più chiari, ecco l'elenco completo delle categorie di cittadini che possono uscire di casa, rispettando sempre le misure di prevenzione raccomandate, come il mantenimento della distanza minima di sicurezza

Coronavirus: la lista di chi può uscire di casa

  • Chi ha "urgenze" sanitarie
  • Chi va a lavoro
  • Chi va a fare la spesa (per se stesso, i propri cari o il proprio animale)
  • Chi va in farmacia
  • Chi va a fare benzina
  • Chi va a comprare il giornale
  • Chi va dal tabaccaio
  • Chi ha voglia di allenarsi all'aria aperta da solo e non in gruppo (vietato). Questo rappresenta però un comportamento da evitare; non è ancora arrivato il divieto, ma presto potrebbe arrivare
  • Chi va a trovare i propri genitori solamente nel caso in cui sono anziani o malati o non autosufficienti e necessitano così di un aiuto (soprattutto nel caso in cui fossero sprovvisti di una badante)
  • Chi va a trovare i propri figli minorenni se separato o divorziato, secondo le modalità previste dal giudice con i provvedimenti di separazione o divorzio.
  • Chi va in bicicletta (ma lo stesso vale per l'auto e la moto) per ragioni di lavoro, necessità salute, ma non solo, visto che il governo ha specificato che “È consentito svolgere attività sportiva o motoria all'aperto anche in bicicletta, purché sia osservata una distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro”.
  • Chi va a gettare la spazzatura seguendo le normali regole già in vigore in ogni Comune (Ciò detto, proseguono normalmente le attività di raccolta, gestione e smaltimento dei rifiuti)

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

SPADINO

Ven, 20/03/2020 - 16:02

CIOE' TUTTI. BASTA BUFFONATE. BISOGNA CHIUDERE 1 MESE INTERO "TUTTO". E POI SI LAVORERA' AD AGOSTO. ORMAI BISOGNA FARSENE UNA RAGIONE. TUTTO IL RESTO SONO TRAGICHE BUFFONATE.

mifra77

Ven, 20/03/2020 - 16:41

E mentre se hai un cane da accudire o da portare a spasso, sei autorizzato ad uscire di casa o spostarti, …. se hai voglia di fumare, trovi il tabaccaio aperto e puoi andare a comprare sigarette e così pure il giornalaio ti aspetta per gli ultimi pettegolezzi da sfogliare, ...nessuno politico si è preoccupato di pensare a due genitori che non sono stati autorizzati dalle aziende di appartenenza ad interrompere il lavoro, i cui figli minori magari vengono accuditi normalmente a turno, da nonni e parenti che si alternano in funzione di propri turni di lavoro. Sono gli stessi che prelevavano solitamente i bimbi da scuola e che se abitano a qualche chilometro dal domicilio del minore in necessità, non vengono contemplati nel novero delle esigenze primarie. In conclusione: cani si, fumo si, giornali si, bimbi nooo?

paco51

Ven, 20/03/2020 - 17:21

spadino: sei un pubblico dipendente? non mi sembri una partita IVA qui se dura ancora 30 gg chiudiamo per sempre"! comunque rispetto le regole ma il virus è una probabilità la chiusura una certezza.

Ritratto di ELBALIBERA

ELBALIBERA

Ven, 20/03/2020 - 17:59

Soltanto i 249 medici ed infermieri del Cardarelli hanno scrupolosamente le direttive.Sono rimasti a casa. BRAVI

jaguar

Ven, 20/03/2020 - 18:06

Si deve chiudere tutto, ma a chi ha la partita Iva non resta che piangere.

MellontaTauta

Ven, 20/03/2020 - 18:07

Quindi tutti quelli che stanno sempre in giro col cane non potrebbero?

anita_mueller

Ven, 20/03/2020 - 18:08

Preferisco il sistema olandese che non impone dall'alto nessuna restrizione o eliminazione delle libertà personali ma lascia alla responsabilità dei singoli cittadini il fatto di restare in casa o meno. L'Olanda è sempre stato un paese più libero dell'Italia.

gianf54

Ven, 20/03/2020 - 18:10

Perchè gli extracomunitari, sedicenti "migranti", continuano ad uscire come se le ordinanze non li riguardassero?

mifra77

Ven, 20/03/2020 - 18:21

Il vero problema sta sul decreto PcM che definisce le categorie a cui è consentito ed auspicato di continuare l'attività, limitatamente a Generi alimentari e Farmacie. Niente di più falso! in realtà l'apertura al pubblico è consentita a tutte le attività artigiane e commercianti tranne che a parrucchieri ed estetisti. Non possiamo quindi, lamentarci, se poi la gente non capisce. Non possiamo lamentarci, soprattutto se un governo parla in un modo e razzola peggio di tutti i più menefreghisti cittadini. La verità è che con un governo non all'altezza e più interessato a comparire che a fare, i governatori delle regioni più colpite, non potranno fare altro che tenere il conto dei poveri ammalati e deceduti, sbraitare e disperarsi. Cos'hanno gli altri stati più di noi? Un governo all'altezza.

Ritratto di sekhmet

sekhmet

Ven, 20/03/2020 - 19:07

Sig. mifra77, a che pro consentire l'apertura ad un'attività terziaria non essenziale, quando ai possibili clienti ne è precluso l'accesso? Strozzando la domanda, soffoca anche l'offerta, leggasi artigiani, professionisti, commercianti, cioè le partite IVA. Sekhmet.

bistecca

Ven, 20/03/2020 - 19:09

anita_mueller. Sarà per quello che dei cittadini olandesi si sono sentiti liberi di imbrattare la Barcaccia e l'Olanda si è sentita libera di rifiutare di pagare i danni? E' questa la tua libertà?

POKER70

Sab, 21/03/2020 - 12:18

Si certo chiudiamo tutto un mese poi il disastro economico che ne conseguirà farà piu morti del virus... Lavoreremo ad Agosto...la superficialità delle menti semmplici non finirà mai di sorprendermi. Aveva ragione Orwell.