Coronavirus, ecco come fare una donazione agli ospedali

Il sistema sanitario nazionale è allo stremo delle forze causa pandemia e ha bisogno di un aiuto. Sono molte le iniziative solidali di crowdfunding nate per raccogliere donazioni da destinare alle strutture e agli operatori che affrontano il Covid-19. Eccole

La solidarietà come antivirus. E su questo versante il popolo italiano si è confermato essere ancora una volta assai generoso. Da settimane, infatti, sono nate numerose campagne di crowdfunding per raccogliere donazioni da destinare agli ospedali del Paese, impegnati notte e giorno a fronteggiare il coronavirus.

Il sistema sanitario rischia il collasso a causa della pandemia da Covid-19 e nelle scorse settimane, online, sono partite svariate iniziative – per mano di comuni cittadini e personaggi pubblici –, perché ognuno, in questa emergenza nazionale, vuole fare la sua parte. Ogni singolo euro può essere prezioso per permettere ai nosocomi di rafforzare i reparti di rianimazione e terapia intensiva, attualmente allo stremo delle forze per l'alto numero di persone ricoverate

Per chi volesse partecipare alla "gara di solidarietà", ecco tutte le indicazioni utili per donare. Lo strumento più utilizzato per raccogliere fondi è GoFundMe, la piattaforma di crowdfunding leader mondiale che permette, sia a privati cittadini che ad associazione, di imbastire campagne. Il sito pullula di iniziative solidali in favore di ospedali, della croce rossa e dalla protezione civile.

Il nostro consiglio è quello di optare per raccolte fondi certificate – come quelle che trovate appunto su GoFundMe, ma ci sono anche altri canali – oppure di affidarvi al canale istituzionale della realtà che volete sovvenzionare. Perché, purtroppo, gli sciacalli e i truffatori non mancano mai, nemmeno nel bel mezzo della pandemia da coronavirus.

Per donare, basta raggiungere il sito della piattaforma e scegliere quale iniziativa sostenere. Per esempio, potreste cercare l’ospedale della vostra città e donare la cifra che desiderate con la carta di credito, oppure vedere se la propria regione di appartenenza ha aperto un conto a sostegno delle proprie aziende ospedaliere. O ancora, optare per altre campagne, come quelle in supporto della protezione civile e della croce rossa. Quest'ultima, peraltro, ha creato una sezione per le donazioni sul proprio sito istituzionale: eccola.

Come donare agli ospedali: i link utili

Spallanzani, Sacco, Policlinico, San Raffaele, Niguarda, Papa Giovanni XXIII, giusto per citarne qualcuno, sono solo alcuni degli ospedali dello Stivale, ma sono forse i più significativi in questa delicata fase. Il primo è l'Istituto Nazionale di Malattie Infettive (dove sono stati ricoverati i primi contagiati in Italia dal coronavirus), ed è in prima linea nella ricerca di un vaccino. Sul proprio sito ha attivato una pagina destinata alle donazioni. Lo stesso hanno fatto i quattro nosocomi di Milano e quello di Bergamo, che si trovano nella situazione più critica per l'altissimo numero di infetti in Lombardia. Ma come dicevano, potete andare su GoFundMe e decidere a quale progetto di solidarietà partecipare, scegliendo magari di aderire all'iniziativa a voi geograficamente o emotivamente più vicina. Per ricordare ancora una volta – anche se non ce n'è bisogno – che la solidarietà è un gran bell'antivirus.

Di seguito, a mo' di utile esempio, i riferimenti per fare una donazione ad alcuni ospedali lombardi:

- Dona al Sacco:
- Dona al Policninico
- Dona al San Raffaele
- Dona al Niguarda
- Donada al Papa Giovanni XXIII

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di filospinato

filospinato

Mar, 17/03/2020 - 15:41

il dono di 1/3 della paghetta arriverà sicuramente da tutti i politici e servitori dello Stato che percepiscono più di 5000€ al mese (i politici in quarantena spalmati sul divano di casa a 10.000€/mese doneranno sicuramente 1/2)

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 17/03/2020 - 16:36

Fatto

Thunder6508

Mer, 18/03/2020 - 14:03

Se deputati e senatori mettono 1000 € a testa fanno 900.000 € da destinare agli ospedali delle regioni di provenienza ... Se aggiungiamo 500 € da uscieri e commissari di Camera e Senato + 500 € dei portaborse dei vari deputati e senatori ... Beh, di soldini mi sembra ne escano un bel po' ...