Coronavirus, escono da zona rossa per andare in vacanza: denunciati

Nonostante il decreto sull’emergenza coronavirus, i ragazzi di 20 e 25 anni da Parma stavano raggiungendo l’aeroporto di Bologna per prendere un volo verso Madrid

Nonostante i sempre più numerosi inviti a restare in casa e a limitare i contatti sociali per contenere l’epidemia di coronavirus, qualcuno in modo del tutto irresponsabile non si arrende e continua a condurre uno stile di vita che oggi, a causa dell’emergenza, non è più tollerata.

Se ieri in diverse zone d’Italia si sono segnalate persone che come se nulla fosse continuavano ad affollare bar, ristoranti e discoteche, come a Roma dove dieci gestori sono stati denunciati per inottemperanza alla chiusura oppure per il mancato rispetto dell'obbligo di distanza interpersonale di un metro tra i clienti, ancora peggio se possibile hanno fatto due ragazzi di Parma.

I giovani, di 20 e 25 anni, sono stati fermati dai carabinieri e denunciati perché hanno lasciato la zona rossa per andare a Madrid. I due sono stati fermati dai carabinieri della sezione Radiomobile della Compagnia di Borgo Panigale, in provincia di Bologna, mentre si stavano dirigendo in auto verso l’aeroporto della città emiliana.

Alla richiesta da parte degli uomini dell’Arma di specificare il motivo per cui si trovavano fuori dalla loro provincia, i ragazzi hanno risposto senza batter ciglio che si stavano recando nello scalo per prendere un aereo per raggiungere la capitale spagnola per trascorrere alcuni giorni di vacanza.

Per questo motivo i due sono stati denunciati per la violazione del decreto del Consiglio dei ministri dell’8 marzo 2020 che, per contrastare la diffusione del Coronavirus, ha ampliato le zone rosse dalle quali non si può entrare e uscire se non per motivi di lavoro o di urgenza. La polizia potrà fermare i cittadini e chiedere loro perché si stiano spostando. Il decreto firmato ieri ha allargato le zone rosse anche ad alcune province dell’Emilia-Romagna tra cui la stessa Parma, ma anche Modena, Piacenza, Reggio Emilia e Rimini.

In questi territorio, ad esempio, fino al 3 aprile saranno limitati i movimenti, salva la possibilità di rientrare a casa propria. Inoltre i bar e i ristoranti dovranno chiudere alle 18 e per il resto della giornata garantire distanze di almeno un metro. Le persone che hanno 37,5 di febbre sono invitati a restare a casa, mentre chi è in quarantena ha il divieto assoluto di uscire. I due ragazzi sorpresi fuori dalla zona rossa, oltre a dover rispondere delle loro azioni avventate, sono stati invitati dai carabinieri a fare immediato rientro nella loro provincia.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Adespota

Adespota

Lun, 09/03/2020 - 13:52

Sono ragazzi ! Conoscono bene i propri diritti, decisamente meno i doveri,.

ROUTE66

Lun, 09/03/2020 - 14:09

SI SI VOLEVA UNA PROVA DI QUANTO SIA INUTILE CERCARE DI GOVERNARE GLI ITALIANI ECCOCI SERVITI

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 09/03/2020 - 14:14

@Adespota...aggiungerei che,essendo di Bologna,al 99% sono ROSSI,notoriamente poco inclini al rispetto delle regole,delle divise e,come dice lei,ai doveri.

ulio1974

Lun, 09/03/2020 - 14:43

...io li avrei lasciati andare: avrebero passato 2 belle settimane di ferie in quarantena a madrid.

Melquiade

Lun, 09/03/2020 - 14:53

Saranno sardine, esemplari del pensiero debole!

Oscar.fost

Lun, 09/03/2020 - 14:58

Sardine?

dredd

Lun, 09/03/2020 - 15:10

Alla loro età io sapevo leggere

nerinaneri

Lun, 09/03/2020 - 15:56

mbferno: se fossero di parma (come sono) che percentuale di komunismo?...

Bruno Pamfili

Lun, 09/03/2020 - 16:15

Purtroppo non e` l'unico caso. Mi dicono che un gruppo nutrito di sciatori che causa chiusura impianti a Livinio non poteva divertirsi laggiu`nella struttura locale del Club Mediteranne, sono stati trasferiti nella analoga struttura di Pra` Gelato (TO) con forti possibilita` di infezione per i locali frequentatori delle piste di Sestrieres.

beppechi

Lun, 09/03/2020 - 16:48

ma alla fine sono partiti o no? perchè ti possono chiedere dove vai, ti possono multare ma non possono impedirti di andare

SPADINO

Lun, 09/03/2020 - 16:54

ABITUATI A NON RISPETTARE LE REGOLE ANCHE IN MOMENTI GRAVI. LA DENUNCIA E SUCCESSIVA CONDANNA DEVE APPARIRE SUL CASELLARIO.

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 09/03/2020 - 16:56

@nerinaneri....anche Parma è ROSSA,quindi diciamo 95%. Contenta?

fabriziokk

Lun, 09/03/2020 - 18:37

xnerinaneri..io questa mica l'ho capita sa?!?..Cosa c'entra il colore politico nel comportamento di questi ragazzi?!?..Ce lo spieghi bene..capisco che non abbia argomenti..e quindi...doveva scrivere questa bella panzana..cmq le ricordo che sono più di 20 anni esattamente dal 1998 che Parma NON ha sindaci di sinistra..la saluto!

marco m

Lun, 09/03/2020 - 18:39

@mbferno, sono tanto di Bologna che l'articolo dice chiaramente che son di Parma e che erano usciti dalla zona rossa (che Bologna non e'). Te devi essere quello sveglio di casa..

nerinaneri

Mar, 10/03/2020 - 10:15

fabriziokk: la spiegherei volentieri, ma mi sa che non sia il caso...