Coronavirus, l'appello di Fontana a medici e infermieri: "Dateci una mano"

Il governatore della Lombardia ha chiesto aiuto a chi è in pensione o lavora in strutture private. Poi ha tuonato: "Restate a casa o misure più rigorose"

"Devo lanciare un appello accorato". Apre così il governatore Attilio Fontana la conferenza per fare il punto sull'emergenza coronavirus in Lombardia. "A tutti i medici e a tutti gli infermieri che magari sono andati in pensione negli ultimi due anni o che svolgono il loro lavoro in strutture private - ha continuato -, l'appello è a mettersi a disposizione per darci una mano in questi giorni difficili, per poter dare risposte più importanti e anche per realizzare i progetti di cui si è parlato in questi giorni. Per fortuna qualcosa comincia a muoversi sul fronte dei ventilatori e dei respiratori, che cominciano ad arrivare. Ora abbiamo bisogno si personale qualificato".

Il governatore ha parlato poi del nuovo ospedale in Fiera. "Stiamo apportando delle modifiche - ha spiegato -, il lavoro sta andando bene e la speranza di riuscire ad arrivare a breve alla realizzazione di questo grande ospedale è sempre più concreta. Voglio ribadire che comunque stiamo continuando a rinforzare anche le rianimazioni dei singoli ospedali. I respiratori per il nuovo ospedale non verranno sottratti ai vecchi ospedali, come qualcuno ha detto. Quando arriveranno la Regione provvederà a distribuirli agli ospedali che ne hanno più necessità".

Fontana ha poi rinnovato l'invito dei cittadini a restare a casa. "È un appello che rifaccio tutti i giorni, lo sto dicendo in modo educato, ma fra un po' cambieranno anche i toni perché se non la capite con le buone bisogna essere un poco più aggressivi: non dovete uscire, dovete stare a casa", ha ripetuto il governatore. Sono infatti ancora troppe le persone che escono dalle proprie abitazione. Ieri, in conferenza stampa, il vicepresidente della Regione, Fabrizio Sala, aveva spiegato che oltre il 40% delle persone esce ancora di casa: "Il 40% non è un dato sufficiente per dirci che possiamo contenere nel miglior modo possibile il virus. Vi controlliamo attraverso le celle telefoniche, non uscite di casa".

"Purtroppo - ha aggiunto Fontana - i numeri del contagio non si riducono, continuano ad essere alti, fra poco non saremo più nelle condizioni di dare risposte a chi si ammala. Stiamo chiedendo un sacrificio per salvare delle vite umane. Ogni uscita di casa è un rischio per voi e per altri". Il governatore ha poi concluso: "Per adesso ve lo chiediamo, se si dovesse andare avanti così chiederemo al governo di emanare provvedimenti ancora più rigorosi".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

amicomuffo

Mer, 18/03/2020 - 14:36

questi sono le conseguenze della facoltà di medicina a numero chiuso! Quanto siamo tafazziani noi italiani! Ci facciamo male da soli! Il sistema si trova....basta che gli esami del primo anno vengano dati in un certo lasso di tempo, se no sei fuori! Semplice no? Il problema è che i docenti universitari, vogliono la botte piena e la moglie ubriaca....Pochi studenti vuol dire anche sessioni d'esami meno caotiche...

morello

Mer, 18/03/2020 - 14:46

Ho accolto da tempo il suo appello ,adesso Lei e Salvini guardate i risultati delle Vostre ( meglio ancora : SUE ) decisioni ne faccia tesoro se è ancora in tempo: Lombardia :51 % dei contagi e 65,5 % dei decessi .Tasso letalità grezzo 10,1 % !!!Fate i tamponi ormai solo ai MORIBONDI !E cio', nonostante molti virologi sostengano che " rendere più facili e veloci i test diagnostici, aiuterebbe non poco sia a contenere l’epidemia che a TRATTARE più velocemente i pazienti evitandogli l'evolversi negativo della malattia "

bernardo47

Mer, 18/03/2020 - 15:35

Potrei dire che con quota cento, specie i medici, ma pure infermieri e tecnici sanitari, li abbiamo mandati a casa e ora li rivorremmo. Però è un pensiero che tengo per me.

Mr Blonde

Mer, 18/03/2020 - 15:56

A NAPOLI INVECE al cardarelli 249 medici si danno malati, DOV'E' SALVINI??? perchè solo coi neri che non votano alziamo la voce???

necken

Mer, 18/03/2020 - 15:58

forse col senno di poi anche la Lega (on. Fontana) conviene che quota 100 non fosse mai andata in vigore?!

maurizio-macold

Mer, 18/03/2020 - 16:00

@ BERNARDO47 (15:35): i danni del governo Conte & Salnini & Di Maio li stiamo pagando cari, ed alla pazzia della legge quota 100 aggiungo anche la pazzia del reddito di cittadinanza.

fabrivfr

Mer, 18/03/2020 - 16:21

Fontana, chieda a Salvini ed a quelli che hanno spinto la scellerata "Quota 100" se può venire a dare una mano in corsia.

Ritratto di VittorioDettoToi

VittorioDettoToi

Mer, 18/03/2020 - 16:43

Caro Dr Fontana chi va a giro e' definibile solo come "Scemo" che si cerca rogne, e li sembra che ce ne siano parecchi..... Vittorio in Lucca

tonino88

Mer, 18/03/2020 - 17:45

amicomuffo il numero chiuso non c'entra una beata mazza, ci sono migliaia e migliaia di medici precari a cui il sistema di specializzazione ha negato di poter continuare la formazione. Servono più borse per la specializzazione, non altri medici da inserire nell'imbuto formativo.

Enric75

Ven, 20/03/2020 - 12:29

Allora cari Sigg.ri il problema non è stato la quota cento ma come è stata applicata praticamente ne dovevano uscire 10 ed entrare 13/15 ma così non è stato! Pensiamo a noi che forse in pensione non c'andremo o vi piaceva la legge di quella gran sig.ra della Fornero? che in pensione andavi forse dopo morto? Pensateci a chi critica la quota 100 ...... Se mi dite che è stata mal gestita tanto di cappello, ma che è il problema dei nostri mali non l'accetto! al presidente Fontana gli consiglierei di fare tante assunzioni tramite selexioni, prove ecc.., di personale nuovo che ce n'è tanto disoccupato, vedete che risolve prima di subito!