Coronavirus in Lombardia: 25mila positivi e 546 morti in un solo giorno

Gallera: "Dati in forte crescita ma che non ci devono gettare nello sconforto". Nel milanese i pazienti positivi al coronavirus sono 4.672 (+868), a Milano 1.829

Continuano a crescere i numeri in Lombardia. E oggi i dati fanno davvero paura. Soprattutto quelli dei decessi, mai così tanti in regione dall'inizio della diffusione del virus cinese: 546 solo nelle ultime 24 ore per un totale di 3.095. "È il dato che ci fa più male", ha commentato l'assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera nel corso del punto giornaliero sull'emergenza coronavirus.

"I pazienti positivi sono 25.515, 3.251 in più rispetto a ieri - ha continuato -, i ricoverati sono 8.258 (+523), a cui vanno aggiunte 1.093 persone ricoverate in terapia intensiva, con spazi sempre meno capienti. Ci sono anche le buone notizie con 2.139 pazienti dimessi, guariti clinicamente. E il 20% di chi va in terapia intensiva ne esce in maniera positiva". "I dati sono in forte crescita e gli esperti avevano ragione quando dicevano che i giorni più duri sarebbero stati questo sabato e domani, il tredicesimo e quattordicesimo giorno dal lunedì dell'introduzione delle misure di contenimento", ha spiegato Gallera nella speranza che "tra domani e lunedì i numeri comincino ad abbassarsi come conseguenza dei provvedimenti presi".

Nonostante i dati in crescita, Gallera ha invitato i cittadini a continuare la battaglia: "Non sono dati che ci devono buttare nello sconforto ma portare a una ancora più forte determinazione. Fontana sta ragionando sulle mosse da fare, ma quello che possono fare i cittadini è più importante di un'ordinanza o di un decreto. Non possiamo accettare che il coronavirus pieghi la Lombardia e il nostro Paese", ha dichiarato l'assessore.

Le province lombarde più colpite restano Bergamo con 5.869 contagi (715 più di ieri) e Brescia con 5.028 (380 più di ieri). La situazione è grave anche a Cremona, dove i casi riscontrati sono arrivati a 2.733, con un incremento di 341 nuovi contagi. A Lodi, provincia dove si è sviluppato il primo focolaio in Italia e dove è stata istituita la prima zona rossa, i casi sono 1.693, 96 più di ieri. Seguono Como con 452 casi (+72), Lecco con 818 casi (+142) e Monza Brianza, dove la crescita registrata è stata di 268 nuovi contagi. "Ma è nella provincia di Milano l'incremento maggiore, con 868 casi positivi più di ieri che portano il totale a 4.672", ha continuato l'assessore al Welfare specificando che a Milano città i casi positivi sono 1.829, 279 più di rispetto a venerdì, un incremento leggermente inferiore a quello di ieri.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.