Coronavirus, morto il presidente Ordine dei Medici di Varese

Il dottor Roberto Stella, 67 anni, era stato ricoverato nei giorni scorsi all’ospedale di Como. Era risultato positivo al tampone

Un’altra vittima per coronavirus, si tratta del dottor Roberto Stella, presidente dell'Ordine dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Varese e responsabile area strategica formazione della Fnomceo. A dare la notizia è stato Filippo Anelli, presidente nazionale degli Ordini dei Medici. Stella, ricoverato lo scorso venerdì 6 marzo all’ospedale Sant’Anna di Como, a causa di una insufficienza respiratoria, è deceduto nella notte. Sottoposto al tampone, era risultato positivo al Covid-19.

Era stato ricoverato in rianimazione

Nel dare la tragica notizia, Anelli ha detto: "Oggi è un giorno estremamente triste. Il Coronavirus si è portato via in pochi giorni un amico, un collega, un presidente sempre pronto a spendersi per gli altri, senza risparmiarsi. Per i suoi pazienti, per tutti i medici e gli odontoiatri dei quali curava la formazione, in particolare quella Ecm. Purtroppo oggi è arrivata la notizia che temevamo e che nessuno avrebbe voluto sentire: Roberto Stella, da qualche giorno ricoverato in rianimazione, non ce l'ha fatta”. Il motivo del decesso dovrà comunque essere stabilito dall'Istituto superiore di sanità.

Stella, medico di medicina generale, operava in un poliambulatorio della città di Busto Arsizio, comune in provincia di Varese. Da quanto emerso durante il fine settimana, il professionista era rimasto contagiato insieme a un collega. Lo studio era stato sottoposto a sanificazione. Anelli, ricordando il collega e amico, ha proseguito sottolineando che “la professione paga un tributo altissimo all'epidemia di Covid-19. La perdita dell'amico Roberto è incommensurabile. Il Servizio sanitario nazionale, la medicina generale, la Fnomceo, l'Ordine e tutti gli iscritti perdono un professionista appassionato, pronto a mettersi a servizio dei colleghi; i suoi pazienti perdono, come detto nel ricordo del suo Ordine, un medico capace di curare e di prendersi cura senza limiti. Siamo vicini alla famiglia, cui ci stringiamo e offriamo, per tutto ciò che sarà possibile, il nostro supporto, e ai colleghi del Consiglio, che erano diventati per lui come una seconda famiglia”.

I familiari in isolamento per protocollo coronavirus

Un uomo di spicco il dottor Stella, che più volte era stato riconfermato presidente dell’Ordine di Varese, oltre a ricoprire il ruolo di responsabile dell'Area strategica comunicazione della Fnomceo e componente della Commissione nazionale per l'educazione continua in medicina. Nonché Presidente nazionale della Snamid, la società scientifica della Medicina generale. L’accertamento della morte è avvenuto questa mattina, alle prime ore dell’alba di mercoledì 11 marzo. Ieri sera le sue condizioni sembravo stabili, poi nella notte il peggioramento che ha portato al decesso. La moglie e i figli si trovano al momento in isolamento domiciliare, secondo quanto prevedono le misure precauzionali imposte dai protocolli di contenimento del contagio.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

SPADINO

Mer, 11/03/2020 - 13:52

OGNI DECESSO E' UNA TRAGEDIA

Ritratto di diplomatico

diplomatico

Mer, 11/03/2020 - 15:25

L'ennesimo ITALIANO DI VALORE che ci lascia, portato via da una malattia contro la quale il governo gioca in rincorsa anzichè in anticipo. La Lombardia soffre, ma si adegua con senso di responsabilità e operosità, e ne uscirà. Ad emergenza finita sapremo vaalutare l'operato del governo, e trarne le conseguenze. Un abbraccio ai miei corregionali. W la Lombardia!

ulio1974

Mer, 11/03/2020 - 16:47

non è stato specificato se soffriva già di qualcos'altro....spero di sì ( e non me ne abbiano i suoi cari ai quali vanno tutte le nostre più sentite condoglianze), perchè se così non fosse, vuol dire che non è assolutamente vero che è mortale solo per chi già soffe di altre cose, ma è letale anche per soggetti sani e realtivamente giovani.

investigator13

Mer, 11/03/2020 - 18:55

in Puglia un altro medico si è infettato. Nel mentre a Trani in un appartamento pieno di cinesi visti pipistrelli essiccare sul balcone, a sentire i residenti, colava sangue e hanno avvertito i carabinieri. roba da non crederci...