Coronavirus, celebrano battesimo: denunciate 5 persone nel Napoletano

Numerose le persone denunciate per violazione delle disposizioni del Dpcm sul coronavirus. Il governatore della Lombardia Fontana chiede norme più forti

Nonostante gli avvisi, in Italia sono ancora tante le persone che non stanno rispettando le norme emesse dal governo per contenere l’epidemia di coronavirus.

A San Gennaro Vesuviano, in provincia di Napoli, un sacerdote e altre quattro persone sono state denunciate dai carabinieri della locale stazione. I militari si sono recati presso una chiesa dove hanno trovato il parroco stava celebrando il battesimo di un bambino. Gli uomini dell’Arma hanno denunciato anche il padrino, il fotografo e i genitori del piccino.

Cinque persone residenti nel comune di Acerra, nel Napoletano, sono state sorprese dalla polizia mentre stavano giocando a carte in un casolare di campagna, in barba alle disposizioni governative. Le forze dell’ordine hanno denunciato altri cinque cittadini che non hanno saputo motivare il proprio allontanamento dalle rispettive abitazioni.

Altre tre persone, invece, sono finite nei guati a Maratea, in Basilicata. I trasgressori sono giunti nel comune lucano in barca a vela da La Spezia. I tre, che nei giorni scorsi erano anche sbarcati a Ischia, si sono giustificati con la polizia dichiarando che quello non era un viaggio di piacere ma dovevano accompagnare il proprietario che sarebbe malato di cuore a trasferire l'imbarcazione acquistata da poco. Le persone denunciate, in buone condizioni di salute, sono stati aiutati da un'associazione locale della Protezione civile per un rifornimento di viveri.

Cambia la Regione ma non l’infrazione. Quattro coppie di turisti siciliani provenienti da Noto, in provincia di Siracusa, sono stati fermati dalla polizia a Sant’Isidoro, in Salento. Nei confronti delle otto persone, quasi tutte pregiudicate, oltre alla denuncia per inosservanza dei provvedimenti dell'autorità è stata avviata la procedura del foglio di via obbligatorio con il divieto di ritorno nella città di Lecce.

Un caso anche in Toscana. Un uomo di 76 anni è stato sorpreso dalla polizia mentre stava fumando un sigaro seduto su una panchina in piazza Napoleone a Lucca. L’anziano è stato invitato a tornare nella propria abitazione ma poco dopo è stato individuato dagli stessi agenti tranquillamente seduto al Parco della Pace a San Concordio.

Intanto è sempre più probabile l’adozione di nuove misure ancora più forti per combattere l’epidemia di coronavirus Il governatore della Lombardia, Attilio Fontana, prevede che le misure più restrittive possano arrivare entro il weekend. "E' una decisione che va presa entro fine settimana anche perché scade il Dpcm precedente", ha affermato Fontana a Mattino Cinque, parlando in particolare della possibilità di avere l'esercito per le strade della Regione.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

casela

Ven, 20/03/2020 - 16:18

La gente,ancora non capisce che ci sono state, ci sono e ci saranno due Italie.