Inizia la settimana decisiva: "Ecco quando arriverà il picco"

La previsione degli esperti sull'andamento del coronavirus: "Possibile discesa evidente alla fine di aprile. Ma la ripartenza non sarà istantanea"

L'Italia trattiene il fiato in attesa del famoso “picco”, cioè del momento in cui l'epidemia del nuovo coronavirus raggiungerà la fase peggiore del contagio prima di iniziare una graduale diminuzione d'intensità.

Come sottolinea Il Corriere della Sera, i primi segnali di una timida svolta non mancano. Le misure di contenimento attuate dal governo stanno lentamente avendo effetto, ma servirà avere ancora un po' di pazienza prima di poter vedere effetti ben più consistenti. Al momento, spiegano gli esperti, l'incremento percentuale giornaliero dei nuovi contagiati continua ad aumentare, anche se questa crescita sta rallentando giorno dopo giorno.

Scendendo nel dettaglio, il picco si verifica quando si raggiunge il valore massimo di nuovi casi registrati in una sola giornata. Dal giorno successivo, se di picco si è trattato, il valore deve scendere fino a che la curva epidemiologica non raggiunga un andamento piatto. Quando avverrà? Difficile dirlo, anche se è possibile azzardare qualche previsione. A questo proposito Fabrizio Pregliasco, virologo dell'Università degli Studi di Milano, è chiaro: potremmo assistere a una discesa evidente negli ultimi giorni di aprile.

Quello che abbiamo fatto con le restrizioni – spiega Pregliasco - è flettere la curva, cioè abbiamo fatto diventare la montagna una collina. Nei prossimi giorni ci dobbiamo aspettare un plateau, un altopiano. Attenzione, però, i nuovi casi per un po’ potrebbero anche non abbassarsi. Sarà dovuto al campionamento: quando i soggetti infetti sono meno, li si riesce a tracciare tutti”.

Dalla prossima settimana è possibile iniziare a vedere un calo. La conferma arriva anche da Walter Ricciardi, membro del Comitato esecutivo dell'Organizzazione mondiale della sanità e consigliere del ministro della Salute, Roberto Speranza: “Più che di picco si parla di appiattimento della curva epidemica e, se le misure saranno rispettate, abbiamo la ragionevole possibilità di avere invertito il trend”.

Discesa e stabilizzazione

Per quanto riguarda i morti, Pregliasco dice di aspettarsi “500-600 decessi quotidiani ancora per una settimana” dal momento che “il numero di vittime, inoltre, fotografa la situazione esistente una settimana prima, visto che il peggioramento delle condizioni dei pazienti di solito avviene dopo circa sette giorni di malattia”.

La riprova per esser certi di avere imboccato la strada corretta arriverà alla fine della prossima settimana. Se ci sarà un numero di casi minore rispetto a quelli del giorno prima, allora vorrà dire che tutto sta procedendo per il verso giusto. Non avrebbe senso fare previsioni più precise. “Nessuna istituzione seria vuole fare previsioni che non siano assolutamente certe”, aggiunge Ricciardi.

Nonostante la particolare situazione italiana, dove si sono create situazioni locali epidemiologiche cronologicamente sfasate, l'ipotesi più accreditata è che una discesa dei contagi chiara ed evidente possa avvenire a fine aprile.

Ma che cosa succederà a quel punto? “Chiaro che poi non sarà tutti al mare – conclude Pregliasco - dovremo mantenere un’attenzione elevata come stanno facendo a Wuhan, tenerci in casa mascherine e disinfettanti per le mani almeno per il prossimo anno (o due). La ripartenza non sarà istantanea: diverse pandemie hanno avuto ondate successive, anche se con meno casi complessivi”. La vera normalità arriverà soltanto quando ci sarà un vaccino o una cura specifica per contrastare il Covid-19.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Mborsa

Dom, 29/03/2020 - 12:23

Prima o poi si raggiungerà il picco dei contagi, ma ogni previsione è impossibile se non si fissano le condizioni per la esecuzione dei test. Prima i tamponi dovevano confermare la diagnosi clinica, poi isolare i possibili soggetti a rischio, poi individuare i portatori asintomatici: è come misurare la febbre su soggetti a caso!

necken

Dom, 29/03/2020 - 12:53

la sfera di cristallo non celà nessuno! chi vivrà vedrà, in bocca al lupo!

agosvac

Dom, 29/03/2020 - 13:18

Ma su che basi considerano un "contagio" effettivo senza fare un tampone di conferma? Da quanto si legge basta avere i sintomi per essere considerato "contagiato". Poi , si sa, ad alcuni fanno due o tre tamponi per avere certezze mentre di altri se ne fregano allegramente!!!

rasiera

Dom, 29/03/2020 - 13:37

Gli scienziati vogliono tutto chiuso perché pensano che i loro stipendi vengono pagati per magia. Renzi l'ha detta giusta per primo, riaprire please, con cortese sollecitudine. I contagi ci saranno anche a giugno, luglio, agosto e settembre, in mancanza di vaccino.

riccardo7567

Dom, 29/03/2020 - 14:40

Continuare a non produrre è impossibile, ma bisogna isolare i portatori asintomatici altrimenti non fermeremo la diffusione. Servono I TAMPONI, TANTI TAMPONI A TAPPETO, se possibile incrociati con i test sierologici sul sangue che costano meno e sono più facili da eseguire. Il modello sud corea è l'unico che costa tanto, ma salva l'economia.

alox

Dom, 29/03/2020 - 16:22

Finche' si ha il frigo pieno: rispettare il coprifuoco, ascoltare quello che dicono le istituzioni (anche se di opposta visione politica…) e' il meno peggio che si possa fare.

Savoiardo

Dom, 29/03/2020 - 17:43

Bisognerebbe meditare su questi numeri : morti da covi19 nel mondo 30.000,popolazione mondiale 7 MILIARDI di invidui. Ha senso il disastro economico creato dai Governi ?