Diego, morto per coronavirus e con l’assegno per infortunio sul lavoro

L’Inail riconosce una rendita alla famiglia del soccorritore Diego Bianco stroncato dall’epidemia a Bergamo. È morto in casa dopo sette giorni di febbre

La provincia di Bergamo è tra le zone più tartassate dal coronavirus. È lui è il primo morto ad avere l’assegno per infortunio sul lavoro. Aveva solo 46 anni. Si chiamava Diego Bianco e di lavoro faceva l’autista del 118. Era in servizio alla Soreu di Bergamo ed è morto il 13 marzo a causa del Covid-19. Diego Bianco, originario di Seriate, viveva con la famiglia a Montello, dove era a capo del nucleo comunale di protezione civile. Le ultime settimane le aveva passate al telefono nella centrale del 118. Turni sfiancanti nei concitati giorni in cui l’infezione aveva definitivamente preso piede. È morto in casa dopo sette giorni di febbre, stroncato da una grave crisi respiratoria.

L’Inail lo ha riconosciuto come il primo caduto sul lavoro da coronavirus. Per questo la moglie Maruska e il figlio Alessio, 8 anni appena, dovrebbero ricevere un assegno di rendita come qualsiasi vedova e orfano di una vittima del lavoro. Sono circa 20mila euro annui. L’assegnazione della rendita è possibile utilizzando l’articolo 42 del decreto "Cura Italia". Lo ha spiegato la responsabile di Inail Lombardia, Alessandra Lanza. L’articolo, infatti, prevede che i contagiati sul posto di lavoro abbiano diritto a un risarcimento che può diventare una rendita in caso di morte.

A dare notizia della morte è stato Riccardo Germani, di Adl Cobas Lombardia: "Non saranno ventimila euro l’anno a ridare al figlio e alla moglie il proprio padre e marito", commenta il portavoce dell’associazione in difesa dei lavoratori. "Anche se apprezziamo il gesto dovuto dell’Inail, che ha riconosciuto come morte sul lavoro quella di Diego, le condizioni di lavoro ci vedono ancora troppo esposti per la carenza di dispositivi di protezione individuale". Inoltre, "continuiamo a chiedere che venga reso obbligatorio a tutti gli operatori e le operatrici lo screening attraverso il tampone".

Diego, continua Germani, è morto per causa di servizio come i troppi colleghi medici, infermieri, Oss, autisti di ambulanze e soccorritori che lavorano in trincea come fossero carne da macello, subendo un abuso della loro passione e missione. Solo tra i medici sono una cinquantina in Italia. Almeno 15 in provincia di Bergamo, la più colpita dall’epidemia. Lo scrive Il Giorno.

"Onestamente fatico a entrare nel merito della vicenda", spiega il sindaco di Montello Diego Gatti. "Quel che so è che abbiamo perso un amico, un collaboratore preciso, laborioso e instancabile. Diego c’era sempre quando serviva decidere, quando serviva riunirsi e prendere decisioni. Era un uomo che non si sottraeva mai al suo ruolo. Sempre pronto a donarsi per gli altri. Sempre pronto a donare il suo aiuto per il bene del nostro paese".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mbferno

mbferno

Dom, 29/03/2020 - 10:09

Mi sembra abbastanza ovvia la cosa,almeno la povera donna e il piccolo potranno comunque vivere dignitosamente,anche se questo non gli restituirà lo sventurato medico.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 29/03/2020 - 11:34

@mbferno - certamente

mariolino50

Dom, 29/03/2020 - 11:51

Anche mio padre morì sul lavoro, e mia madre prese la pensione inail, mi sembra il minimo in casi del genere. Però dovrebbe essere dato anche ai volontari non pagati.