Coronavirus, virologo Burioni: "Non mandate bimbi a scuola"

Il virologo Roberto Burioni ha commentato le misure di sicurezza messe in atto dal Governo sottolineando l'importanza di fare fronte comune per contrastare l'epidemia

"Non è il momento di fare polemiche o speculazioni sulla pelle della gente". A dirlo è il virologo Roberto Burioni che, in una breve intervista rilasciata ai microfoni di Adnkronos, sottolinea l'importanza di una collaborazione tra le forze politiche in opposizione chiamate a fare fronte comune per arginare la diffusione repentina del coronavirus.

Schizza alle stelle la stima dei contagiati in Italia con 112 episodi infettivi, dei quali, ben 89 solo in Lombardia. In previsione di una risalita rapida dei casi, il Governo centrale ha deciso di attuare un "decreto emergenza" volto ad assicurare l'incolumità della popolazione. Posti di blocco intorno ai paesi focolai del virus, corridoi sterili per garantire agli abitanti delle cittadine coinvolte l'approviggionamento dei generi alimentari e sospensione di eventi aggregativi quali partite di calcio e celebrazioni del carnevale. Misure di sicurezza che, per quanto drasticamente restrittive, risultano necessarie se non addirittura imprescindibili in questo momento di incertezza.

"Credo che il governo abbia fatto molto bene a prendere delle decisioni anche dolorose ma importanti - afferma Burioni - Questo non è il momenti delle polemiche, e anche le speculazioni politiche sarebbero odiose se fatte sulla pelle della gente. Ora occorre prendere coscienza del problema e affrontarlo. Lo ribadisco: non è il momento di fare polemiche".

L'esperto aveva già predetto, in tempi non sospetti, che l'epidemia sarebbe approdata dentro i confini del nostro paese e che, se non fosse stata attuata una profilassi preventiva per evitare un "effetto domino" dei contagi, l'Italia avrebbe rischiato di ingenerare una vera e propria pandemia. Ora che i fatti comprovano le sue previsioni, Burioni sottolinea l'importanza di tutela i più piccoli, esposti inevitabilmente al rischio di contrarre l'infenzione o di trasmetterla agli adulti. "I bambini possono essere un importante veicolo di trasmissione. - continua - Fortunatamente si ammalano molto di meno rispetto agli adulti, ma possono infettarsi e trasmettere" il coronavirus "ai loro genitori. Sarebbe dunque opportuno valutare di chiudere tutte le scuole in Lombardia e in Veneto per questa settimana di Carnevale".

Infine, il virologo chiosa l'intervista con un appello accorato alla popolazione affinché si eviti il collasso dei Pronto Soccorso, già saturi di richieste: "Ogni italiano faccia la sua parte, non intasate gli ospedali.Siamo passati dalla fase in cui dovevamo impedire l'ingresso del nuovo coronavirus in Italia - evidenzia - alla fase, importantissima, in cui dobbiamo contenerlo. Dobbiamo impegnare tutte le nostre energie affinché questo avvenga e ognuno di noi deve fare la propria parte con senso di responsabilità", conclude.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

ST6

Dom, 23/02/2020 - 12:34

E mentre Burioni parlava, in Veneto si taceva di fatti gravissimi: https://corrierealpi.gelocal.it/regione/2020/02/22/news/coronavirus-in-veneto-scienziati-inascoltati-il-contagio-si-poteva-evitare-1.38503022/amp/

Ritratto di filospinato

filospinato

Dom, 23/02/2020 - 12:48

La lezione delle lezioni.

ruggerobarretti

Dom, 23/02/2020 - 13:06

Beh certo dare credito alle speculazioni politiche di un cinque stelle è il massimo della serietà. D'altronde se lo tira fuori un energumeno che si contraddistingue per le tonnellate di merda che riversa in questo forum!!!

oracolodidelfo

Dom, 23/02/2020 - 13:14

ST06 12,34 - per fortuna esiste il web che permette di smascherare i mistificatori come lei. Non le è giunta la notizia che i Governatori (anche quello Veneto) che avevano proposto la quarantena ed il tampone almeno per i bambini in età scolare di ritorno dalla Cina, sono stati duramente criticati dai soloni sinistroidi che adesso non anno più a che Santo votarsi? Illustre, se lei scrive qui con il solo scopo di scatenare indignate repliche ai suoi commenti, non è il momento e le suggerisco di desistere per lasciare lo spazio a commenti di persone responsabili e sincere. Chiaro?

oracolodidelfo

Dom, 23/02/2020 - 13:16

St6 - la informo che ieri è stato confermato il contagio di una persona a 2 km. da casa mia. Venga a trovarmi, illustre, che l'accompagno a fare una passeggiata in quella direzione!

Ritratto di pulicit

pulicit

Dom, 23/02/2020 - 14:54

Questo governo prende tutto alla leggera come sempre. Sveglia Giuseppi. Regards

Altoviti

Dom, 23/02/2020 - 15:07

D'accordissimo con "oracolodidelfo"!

jaguar

Dom, 23/02/2020 - 15:45

Ma figuriamoci, non lo hanno preso in considerazione quando ancora non c'era l'epidemia.

d'annunzianof

Dom, 23/02/2020 - 16:54

Contenere l'ingresso??! Ma siete pazzi?! E rischiare di fare la figura dei razzisti xenofobi impauriti?! Assolutamente no! I bambini teneteli a casa ma continuate a farli giocare con i loro amichetti cinesi; non vogliamo dare l'idea sbagliata

Tara

Dom, 23/02/2020 - 18:34

Dovevano far restare a casa tutti i bambini cinesi, non solo quelli di ritorno dalla Cina. Come si fa a sapere se hanno parenti o amici tornati dalla Cina? Anche se non ci sono stati loro possono essere contagiati da altri.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Dom, 23/02/2020 - 19:02

Eppure rimane il sospetto che si tratti di un'epidemia mediatica per compattare l'elettorato intorno al potere costituito, perché gli ultrasettantenni sono sempre morti, anche senza il Corona-Virus.

Redfrank

Dom, 23/02/2020 - 19:13

Str....ma niente meno....siete in 6

ST6

Dom, 23/02/2020 - 19:57

https://m.facebook.com/mattinodipadova/posts/10157073801985003 Si doveva fare La Cosa Giusta.

ST6

Dom, 23/02/2020 - 20:12

Ladies and gentlemen, il signor Mantoan: https://www.vicenzapiu.com/leggi/incidente-auto-blu-col-dg-sanita-veneta-e-aifa-domenico-mantoan-il-figlio-delluomo-morto-parla-a-selvaggia-lucarelli-sul-fatto/

Korgek

Dom, 23/02/2020 - 20:25

@Oracolodidelfo, lasci stare, alla fine ST6 è una sorta di virus informatico iniettato dagli hacker del PD, penso dobbiamo tenercelo fino a quando verrà fatta pulizia.

killkoms

Dom, 23/02/2020 - 22:07

@st6,zaia,e anche fontana,chiedevano quarantena e controlli per chi rientrava dalla cina,(anche a chi è in età scolare) ma sono stati tacciati del solito razzismo!

penelope68

Dom, 23/02/2020 - 23:04

Non serviva bubu per predire che il virus sarebbe approdato anche in italia, con la massa di deficienti che che ci governa...era scontato!!

Cavaliere71

Lun, 24/02/2020 - 09:24

Non mi è chiara una cosa. Il Signore di 38 anni di Codogno e di Lodi e si è infettato con un altro italiano che proveniva dalla Cina. Forse dovevano essere bloccati e messi in quarantena tutti quelli tornati dalla Cina e non solo i cinesi che magari in Cina non ci sono mai stati

nerinaneri

Lun, 24/02/2020 - 09:49

...e i bambini non vaccinati a scuola? chi era quel ministro a favore di una deroga?...

Manlio

Lun, 24/02/2020 - 10:04

Quando si è suggerito di mantenere i bimbi cinesi che rientravano con i genitori dalla Cina, in quarantena: tutti hanno gridato al razzista. Così la sinistra diffonde odio e disprezzo.

Ritratto di Civis

Civis

Lun, 24/02/2020 - 10:37

Zaia, nelle interviste che ho sentito, ha sottovalutato la pericolosità di questo virus. E mi è sembrato strano.

Reip

Lun, 24/02/2020 - 10:38

Decisione saggia e giusta, tuttavia si tratta di una INFLUENZA, molto grave e in fase di studio, della quale non esiste ancora il vaccino, ma resta pur sempre una INFLUENZA! Secondo il maggiore studio epidemiologico realizzato su oltre 44 mila casi di nuovo coronavirus in Cina, pubblicato dal Chinese Journal of Epidemiology, il numero più alto di decessi per Covid-19 c'è stato tra persone anziane prossime agli 80 anni. Un altro fattore di rischio è la presenza di malattie preesistenti, specie quelle cardiovascolari, diabete, insufficienza respiratoria cronica e ipertensione. Anche in Italia i decessi interessano soggetti ANZIANI. Un uomo di 78 anni deceduto in Veneto, una donna di 77 anni, a Casalpusterlengo, un altra donna di 68 anni già ricoverata in oncologia all’ospedale di Crema perché aveva una diagnosi di TUMORE ma anche di coronavirus e poco prima aveva subito un attacco cardiaco, poi l’anziano di 84 enni di Bergamo, gia’ con patologie pregresse.

anita_mueller

Lun, 24/02/2020 - 10:59

Non aprite quella porta..................................ahhhhhhhh...................

Mr Blonde

Lun, 24/02/2020 - 11:15

Ma basta ma andate a lavorare...in Francia non hanno neanche tamponi ma vi pare che solo da noi c'è il virus?!? Camionisti manager dipendenti sfilano in padania in migliaia ogni giorno, ma qualcuno sa di controlli all'estero negli aereoporti?