Corpo decapitato e bruciato: giallo in periferia a Milano

Il cadavere trovato carbonizzato e smembrato in un condominio di Quarto Oggiaro. La vittima potrebbe essere una donna

Giallo alla periferia nord di Milano: la polizia indaga per dare un nome al cadavere trovato carbonizzato, decapitato e smembrato in un condominio di Quarto Oggiaro. Il macabro ritrovamento è stato fatto dai Vigili del fuoco, intervenuti nella tarda serata di sabato su segnalazione di un condomino per un incendio di rifiuti con mobili e divani in fiamme. Il corpo aveva la testa e le braccia tagliate e le gambe segate all'altezza delle ginocchia. Tutte le parti amputate sono state trovate state trovate accanto al cadavere, vicino a un cassonetto e al gabbiotto per la raccolta della spazzatura, in un'area trasformata in discarica abusiva a cielo aperto. I vigili del fuoco, che hanno aiutato la polizia e il pm che indaga a mettere in sicurezza l'area data alle fiamme, hanno trovato anche una bombola di gas lasciata vicino al cadavere. Probabilmente doveva servire a occultarne ancor meglio l'identità con un'esplosione, ma è rimasta integra. Il condominio si trova in via Cascina dei Prati: il corpo mutilato si trovava sotto uno dei tre grossi edifici nel parco Chiari, vicino alla rotonda e al cavalcavia di via Bovisasca. L'allarme per l'incendio era stato dato alle 22,15.

"Ho visto il fuoco e ho chiamato i pompieri. L'incendio era sicuramente di origine dolosa. Evidentemente, è stato appiccato per cercare di coprire il cadavere", ha detto un testimone ai microfoni di SkyTg24. Secondo le prime indiscrezioni, il cadavere sarebbe quello di una donna. Si attende l'autopsia sui resti del corpo: l'analisi potrebbe avvenire tra oggi e domani mattina. Gli inquirenti sono alla ricerca di testimoni per risalire a chi ha portato i resti nel gabbiotto dei rifiuti condominiali per poi dargli fuoco.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

carpa1

Dom, 31/03/2019 - 15:47

Questo succede quando NON SI VUOLE tenere sotto controllo il territorio e lo si lascia in mano alla criminalità. Quando verrà messa in atto finalmente "tolleranza zero"? Magistratura e leggi vigenti non lo consentono? Il governo riformi la magistratura e cambi le leggi.

Razdecaz

Dom, 31/03/2019 - 19:25

Innocent Oseghale 2. Medesimo "trattamentto" riservato a Pamela Mastropietro. Mafia Nigeriana? Molto probabile, è nella loro "cultura".

Ritratto di onefirsttwo

onefirsttwo

Dom, 31/03/2019 - 22:53

Onefirsttwo dice : miinchia che robe !!! STOP Yeeeeeeeeeeeeeeeeeeeaaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh .

lafinedelmondo

Lun, 01/04/2019 - 17:30

CARPA1 NON POSSO CHE DARTI RAGIONE...E A MILANO SERVIREBBERO I MILITARI..LASCIA PERPLESSI LA MANCANZA DI CONTROLLO IN CAPOLUOGHI PIÙ PICCOLI DOVE LI VEDI E LI PUOI CONTARE SPACCIATORI CLANDESTINI E QUANT'ALTRO. LI VEDI GIRARE LIBERAMENTE I PIÙ TIMIDI PORTANO IL CAPPUCCIO TUTTO IL GIORNO E TUTTI I GIORNI MA TRANQUILLAMENTE SE NE STANNO DAVANTI AI SUPERMERCATI. BAH SI VEDE CHE IL CARTELLO "PREVENZIONE CRIMINI" IN CERTE INTERVISTE SE SO SCORDATI DI TOGLIERLO