Cosa c'è dietro il conflitto tra Stato e Regioni

n Italia è in atto un violento e decisivo conflitto costituzionale di cui nessuno parla volentieri ed anzi molti negano.

In Italia è in atto un violento e decisivo conflitto costituzionale di cui nessuno parla volentieri ed anzi molti negano. Il nostro Paese per più di un millennio è stato diviso in numerosi stati e, nel Risorgimento, molti patrioti fra cui Cattaneo e perfino Cavour avrebbero voluto farne uno Stato federale, conservando le diversità culturali e gli autogoverni locali. Ma i poteri forti che si sono succeduti (la monarchia, piemontese, il fascismo, la Dc, oggi Pd e grillini) hanno sempre imposto il centralismo. Anche i partiti sono sempre stati nazionali, e perfino la Lega con Salvini da movimento regionalista si è trasformato in partito nazionale. Recentemente però ci si è accorti che l'economia perdeva terreno a causa della arretratezza dello Stato centrale, del suo pesante apparato fiscale, burocratico e giuridico. In compenso, riuscivano meglio alcune realtà locali. Poi lo Stato non ha capito che il virus cinese era già penetrato da mesi in Italia. Cosi nelle Regioni più colpite di colpo si sono riempiti gli ospedali, non c'erano respiratori, mancavano i tamponi, le mascherine di protezione. E migliaia di persone in pochi giorni sono morte di polmonite. Sono state le Regioni in cui la gente moriva ad approntare i primi rimedi, anche facendo errori, mentre lo Stato centrale è arrivato in ritardo ed i partiti non si ponevano nemmeno il problema. A questo punto un organismo sonnolento come la conferenza Stato-Regioni è diventato il luogo in cui i presidenti delle Regioni che conoscevano i problemi locali discutevano con lo Stato centrale. La gente allora ha incominciato a cercare nelle Regioni un potere più vicino, più attento ai suoi drammi reali. Se le Regioni si fossero coordinate e confederate si sarebbe così potuto avviare, a poco a poco, a quello che tutti vogliono: uno Stato più moderno e dinamico, tipo quello tedesco (e americano) con una Camera elettiva nazionale (Bundestag) ed una Senato elettivo regionale (Bundesrat). Ma Pd e grillini arroccati nel potere centrale si sono subito scatenati, chiedendo di modificare la costituzione per schiacciare le Regioni. E il centrodestra non sembra avere idee chiare su cosa fare.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

DAPO

Dom, 08/11/2020 - 17:49

L'accentramento è la prerogativa degli incompetenti e di chi non ha mai gestito aziende. Tutte le nazioni europee sono divise in province. L'Italia dovrebbe ritornare ad essere come è sempre stata nella storia, suddivisa in province confederate. Le attuali regioni hanno dimostrato il fallimento organizzativo e gestionale perchè troppo grandi e con popolazioni con tradizioni diverse. I problemi si risolvono sempre sul territorio. Nessuno partito comunque ha capito questo sistema di gestione di Stato. I nostri governanti vogliono persino esautorare il poco potere delle regioni. Confermo incompetenti e ambizioni che ci porteranno alla rovina. Continui Professore ad insistere sulle confederazioni, mi sembra il solo che scrive e propone cose saggie dettate dalla Sua grande esperienza. Saluti e grazie dei suoi articoli.