Cosenza, uccisa a 15 anni Accoltellata e poi bruciata Il fidanzato confessa

La ragazzina era scomparsa al ritorno da scuola a Corigliano Calabro. Il cadavere carbonizzato trovato nelle campagne vicine

Cosenza, uccisa a 15 anni Accoltellata e poi bruciata Il fidanzato confessa

Dopo averla accoltellata, ha deciso di darle fuoco. Questa la sorte toccata a Fabiana Luzzi, che avrebbe compiuto 16 anni a luglio. La giovane era scomparsa venerdì da casa a Corigliano Calabro. Il suo cadavere carbonizzato è stato trovato in una zona di campagna della località del Cosentino.

Alla fine, il fidanzatino ha confessato. Il ragazzo, venerdì pomeriggio, si è presentato all'ospedale di Corigliano con delle ustioni al volto. In un primo momento non aveva voluto fornire una spiegazione, ma dietro le insistenze dei carabinieri, ai quali, nel frattempo, era giunta la denuncia di scomparsa della ragazza, aveva parlato di un'aggressione subita. Una versione che non ha convinto i carabinieri, che hanno continuato a sentirlo sino a quando, nella serata di ieri, ha fornito indicazioni per il ritrovamento del cadavere.

Il giovane avrebbe detto di avere accoltellato la fidanzatina al termine di una lite nata per il rapporto travagliato che esisteva tra loro. Un rapporto ripreso da poco e caratterizzato da gelosie reciproche. "L’ho uccisa perché ero geloso. Quando le ho dato fuoco era ancora viva", ha detto il ragazzo.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento