Costi della politica: in Sicilia sono i più alti d'Europa

L'allarme delle Corte dei Conti su sprechi e malaffare: "Le assunzioni di personale nella pubblica amministrazione sono pratiche condizionate da eccessi ed abusi"

Va alla Sicilia la medaglia d'oro dei costi della politica europea. È la Corte dei Conti a riconoscere all'isola il primato negativo, tirando uno schiaffo alla casta. In più, le assunzioni di personale nella pubblica amministrazione sono pratiche condizionate da eccessi ed abusi.

Una denuncia contenuta nella relazione annuale di Giuseppe Aloisio, procuratore regionale dell'organo statale: la politica sicula mantiene standard di spese superiori a quelli di tutti gli altri Paesi europei. Sotto accusa i rimborsi, le indennità, i vitalizi, peraltro già al centro di varie inchiestre della magistratura. Due fulgidi esempi sono l'ex Provincia di Catania e i gruppi parlamentari dell'Assemblea regionale siciliana. Al presidente del consiglio provinciale e alla quasi totalità dei consiglieri della città dell'elefante è contestato un danno di 450 mila euro per spese di missione e di funzionamento non compatibili con le esigenze istituzionali. Per quanto riguarda invece l'Ars, sette capigruppo parlamentari sono finito sotto giudizio per uso "non istituzionale" dei fondi per un danno totale di quasi 2 milioni di euro (per la precisione, il buco è di 1.925.496 euro). Soldi scialacquati in cene, regali e servizi personali.

E il problema non è circoscritto alla sola classe politica. I giudici contabili segnalano anche lo sperpero di soldi pubblici ad opera della Pa, che assume personale in maniera bulimica e che riconosce qualifiche o livelli superiori ai dipendenti della società partecipate della Regione.

"I disagi economici e sociali determinati dalla persistente congiuntura della Sicilia risultano aggravati da una gestione delle risorse pubbliche spesso non rispondente agli interessi della collettività. In tale contesto, assumono particolare rilievo le questioni attinenti i costi della politica, oggetto di molteplici indagini e di diverse citazioni" sottolinea Giuseppe Aloisio, che punta infine il dito contro la corruzione e le frodi, che rappresentano un "indubbi fattori di un allarme sociale ineludibile e senza precedenti, anche per il rilevante danno d'immagine causato alla pubblica amministrazione per vicende corruttive".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Aristofane etneo

Sab, 28/02/2015 - 18:11

Lo Statuto Speciale per la Sicilia si è rivelato il sistema istituzionale più corrotto, parassitario e devastante, che la Sicilia abbia mai subito nei millenni. Ha ragione Buttafuoco che sull'argomento ci ha scritto "Buttanissima Sicilia"

Ritratto di tomari

tomari

Sab, 28/02/2015 - 18:25

Perchè? Qualcuno aveva dei dubbi?

Aristofane etneo

Sab, 28/02/2015 - 19:36

... e fino a quando ci sarà l'art. 67 della Costituzione italiana - la più bella del Mondo - tutti i paraculi, i parassiti, i ladri, i "cosa fitusa" (fetenti) della Terra si prenderanno gioco di noi, Siciliani e Italiani.

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Sab, 28/02/2015 - 21:53

Ma Crocetta non è lo stesso Signore che ha versato lacrime di coccodrillo a Quinta Colonna??? Non è la stessa persona che urlava contro Salvini che dichiarava il vero?? ' sempre lui??? SI VERGOGNI, è un bravo attore oo comico. SI VERGOGNI, VADA VIA e con Lei tutti quei collusi, corrotti e mafiosi che stanno distrugendo una Regione d'iTALIA MERAVIGLIOSA. FATE SCHIFO!!!

Ritratto di HEINZVONMARKEN

HEINZVONMARKEN

Dom, 01/03/2015 - 08:34

UAHUHSUHA

sbrigati

Dom, 01/03/2015 - 08:45

Che strano, con un governatore preparato come Crocetta non l'avrei mai creduto!

Kerenkeren

Dom, 01/03/2015 - 10:08

Ma va? non avrei mai immaginato, penso sia la notizia più clamorosa del secolo ,ringraziamo la Corte dei Conti che e' giunta a questa incredibile notizia .Finalmente e,inaspettatamente, gli Italiani sanno che in Sicilia si spreca denaro pubblico,ma sicuramente da domani saranno presi provvedimenti drastici per stroncare il fenomeno come in uso in Italia e sopratutto in Sicilia .Vai Crocetta e' il tuo momento,fai vedere cosa sai fare .Noi Italiani aspettiamo.

Kerenkeren

Dom, 01/03/2015 - 10:16

Ma va? E' una notizia incredibile e inaspettata,mai avremmo mai immaginato una cosa del genere.Grazie alla corte dei conti ora Crocetta & Co. prenderanno dei seri provvedimento come accade regolarmente e,puntualmente in Italia ,figuriamoci in Sicilia .Vai Crocetta e Luca tutti i Siciliani confidano in Voi.