"Covid-19 si sta indebolendo: così diminuisce la carica virale"

Un virus non è debole o forte, ma più o meno virulento. La carica virale è diminuita, ma non è mutato

Andrea Crisanti, direttore Microbiologia e Virologia - A.O. Università di Padova, durante in collegamento con la trasmissione televisiva Agorà su Rai3, ha fatto il punto sulla situazione attualmente in atto nel nostro paese. Sul fatto che il coronavirus sia indebolito, non vi sarebbe al momento alcuna evidenza sperimentale.

Un virus non è debole o forte

Crisanti ha tenuto anche a fare chiarezza su alcune notizie che girano nelle ultime settimane, precisando che ““un virus non è debole, forte, buono o cattivo, un virus è più o meno virulento e ha una capacità di trasmissione che si può misurare. Il resto sono stupidaggini". L’esperto ha poi spiegato che, quando il virus riesce a entrare in una nicchia ecologica, come la nostra, la sua virulenza generalmente aumenta e non diminuisce. Questa affermazione si basa su evidenze sperimentali fatte su grandi modelli.

Ma come è possibile allora che nelle ultime settimane i casi risultino meno gravi e vi siano sempre meno soggetti positivi che richiedono il ricovero nei reparti di terapia intensiva? Oltre alla diminuzione evidente dei decessi. Tutto sarebbe dovuto a due ragioni principali: da una parte la diminuzione della carica virale del Covid-19 e dall’altra, in gran parte anche all’utilizzo che stiamo facendo delle mascherine. Come spiegato da Crisanti, “se io uso la mascherina, il mio interlocutore usa la mascherina, la quantità di virus che ci trasmettiamo è molto più bassa. La carica virale ha un impatto gigantesco sull'evoluzione della malattia. Se uno si infetta con molti virus o con pochi, si ha un decorso completamente diverso".

Meno casi gravi grazie all'uso delle mascherine

Nei giorni scorsi aveva inoltre detto che il virus non è mutato, ma è solo diminuita la sua carica infettiva. Non ci sono infatti evidenze che sia diminuita la virulenza, ribadendo inoltre che la sequenza dell'infezione è cambiata molto poco. Ciò che è mutata è la carica virale trasmessa durante i contatti tra le persone, che ha quindi un impatto sul decorso della malattia. L’utilizzo continuo della mascherina è quindi fondamentale. Mentre, per quanto riguarda il distanziamento sociale, Crisanti ha spiegato che “non ci sono dati scientifici che stabiliscono quale sia la distanza assoluta di sicurezza, si tratta di distanze empiriche, chiaramente più si sta distanti più diminuisce la possibilità di contagio". Sull’uso dell’idrossiclorochina in via preventiva, l’esperto non ha dubbi asserendo che lui stesso non la prende e che le persone intelligenti dovrebbero fare altrettanto. Non vi è infatti alcuna prova scientifica che attesti una sua efficacia in fatto di prevenzione.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

detto-fra-noi

Ven, 22/05/2020 - 12:03

OGNI GIORNO CANBIANO VERSIONE

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 22/05/2020 - 12:36

patetici ! ridicoli! molto meglio un governo di centrodestra! hanno sempre saputo fare qualcosa di meglio rispetto ad altri!!!

Ritratto di jonny$xx

jonny$xx

Ven, 22/05/2020 - 13:35

LE MASCHERINE SONO IL VERO BUSINESS I QUESTO MALEDETTO PERIODO

agosvac

Ven, 22/05/2020 - 13:45

Mi sembra notare una certa contraddizione su quanto dice Crisanti. Prima dice che il virus ha la stessa virulenza di prima, poi dice che chi si infetta oggi ha meno rischi perché la carica virale è inferiore. Forse dovrebbe decidersi.

titina

Ven, 22/05/2020 - 14:23

Ormai non credo a quello che dicono i vari virologi, contraddicendosi. Osserviamo le regole e ... che Dio ci aiuti.

Ritratto di ANGELO LIBERO 70

ANGELO LIBERO 70

Ven, 22/05/2020 - 14:26

@mortimermouse... dimmi la verità: tu sei Emilio Fede.

buonaparte

Ven, 22/05/2020 - 14:30

con il caldo il virus è meno forte e noi siamo piu forti a livello polmonare ed oggi abbiamo imparato a conoscerlo e a usare le mascherine e tenere alte le difese e le distanze. e BASTA CHIAMARLO DISTANZIAMENTO SOCIALE ,MA BISOGNA CHIAMARLE DISTANZE DI SICUREZZA ......

ruggerobarretti

Ven, 22/05/2020 - 16:45

L'idrossiclorochina non si usa preventivamente, chi sostiene cio'??? L'uso che se fa in ambito medico e' solamente curativo e le sperimentazioni del Professor Raoul a Marsiglia sono condotte in tal senso. Raoult non e' proprio un carneade, anzi risulta tra i piu' quotati virologi dalla cd. comunita' scientifica mondiale ed i risultati li ha ottenuti eccome. Molti medici in Italia hanno utilizzato in questa fase questo prodotto ottenendo risultati piu' che soddisfacenti. Che poi al sistema capitanato da Big Pharma non piaccia questo medicinale e' altro discorso, d'altronde grande business non ci puo' fare.