Crotone, afghano in manette dopo aver minacciato un cittadino pakistano

Aveva chiesto 500 euro per restituirgli il permesso di soggiorno

Un'altra storia, drammatica, di cui immigrazione e violenza rappresentano il doloroso segno distintivo. Mohammad Lall, afghano, classe 1990, è finito in manette per una storia di minacce. A darne notizia la stampa locale. L'arresto è scattato per l'accusa di estorsione ai danni di un altro immigrato di origine pakistana.
Il fatto è accaduto a Crotone. Le manette sono scattate dopo una denuncia da parte della vittima, in possesso di un permesso di soggiorno per motivi di asilo politico che aveva smarrito pochi giorni fa.

Lall, secondo le forze dell'ordine, avrebbe minacciato il cittadino pakistano, chiedendogli di consegnargli una somma di 500 euro in cambio del documento ritrovato.
L'uomo è stato fermato dalla polizia durante l'appuntamento che la vittima, in accordo con gli agenti, aveva dato a Mohammad nella piazza centrale della città.

Se accertata, l'ipotesi che più immigrati possano aver minacciato il cittadino pakistano deve far riflettere sulla mancanza di solidarietà che può sfociare in simili episodi.