Curva dei contagi in discesa, ma ancora boom di decessi

I morti tornano oltre quota 800. Rezza: "Ripresa dell'epidemia imponente". Record in Veneto: 165 decessi in 24 ore

Curva dei contagi in discesa, ma ancora boom di decessi

Sono 14.884 i nuovi contagi di martedì 15 dicembre, a fronte di 162.880 tamponi processati. In risalita i morti: sono 846, contro i 491 di ieri. Le terapie intensive calano di 92 unità (in totale ora sono 3.003), mentre i ricoveri in regime ordinario scendono di 423 unità (ora in totale sono 27.342). Il rapporto positivi/tamponi scende al 9,1%. "Purtroppo abbiamo un dato dei morti molto elevato, 846. Ieri erano 491, queste fluttuazioni sono dovute probabilmente anche a problemi di segnalazione più o meno tempestiva, ma 846 è un dato veramente ancora drammatico. Significa che il numero di persone infettate è veramente elevato in questi due tre mesi. C'è stata una ripresa
dell'epidemia veramente imponente". Lo ha detto il Direttore Generale della Prevenzione del Ministero della Salute, Gianni Rezza, nel punto stampa sull'analisi della situazione epidemiologica.

VALLE D'AOSTA

Venti nuovi contagi e tre decessi per il Covid nelle ultime 24 ore in Val d'Aosta. I casi positivi attuali sono, in calo, 527 e di questi 74 ricoverati e 6 in terapia intensiva. 356 i decessi dall'inizio della pandemia. I tamponi effettuati fino ad oggi sono 66.399.

ALTO ADIGE

Il bollettino quotidiano del Covid-19 in Alto Adige registra altri dieci decessi, con cui il bilancio totale dell'epidemia, dall'inizio dell'emergenza sanitaria, sale a 657. I laboratori dell'Azienda sanitaria provinciale hanno accertato anche 89 nuovi casi positivi sulla base di 1.079 test pcr, dei quali 252 nuovi. Il numero totale delle persone testate positive da Pcr al coronavirus è di 26.940. Altri 111 positivi sono stati rilevati a seguito di 3.333 test antigenici effettuati ieri. I pazienti Covid-19 ricoverati sono 24 in reparti di terapia intensiva, 208 nei normali reparti ospedalieri, 145 nelle strutture private convenzionate e 34 in isolamento nelle strutture di Colle Isarco e Sarnes. Le persone in isolamento domiciliare sono 6.010, mentre i guariti sono 15.653 (62 in più rispetto ad ieri) ai quali si aggiungono 1.460 persone (5 in più) che avevano un test dall'esito incerto o poco chiaro e che in seguito sono risultate negative al test.

LOMBARDIA

Sono 114 i morti registrati in Lombardia nelle ultime 24 ore a causa del coronavirus, facendo così salire a 23.991 il totale dei decessi dall'inizio della pandemia. Lo rende noto la Regione. Il numero dei tamponi effettuati è 27.676 (per un totale di 4.477.309) mentre i nuovi positivi sono 2.404 sono (di cui 133 'debolmente positivì) con un rapporto positivi/tamponi pari all'8,6%. I pazienti guariti/dimessi sono invece 347.130 (+4.721), di cui 4.542 dimessi e 342.588 guariti, mentre quelli ricoverati in terapia intensiva scendono a 656 (-29) e i ricoverati non in terapia intensiva calano a 4.996 (-57).

PIEMONTE

Oggi l'Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato 1.106 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19, pari al 6 % degli 18.330 tamponi eseguiti. Dei 1.106 nuovi casi, gli asintomatici sono 489, pari al 44,2%. Il totale dei casi positivi da inizio pandemia diventa quindi 187.172, così suddivisi su base provinciale: 98.807 Torino, 25.875 Cuneo, 16.486 Alessandria, 14.562 Novara, 9.074 Asti, 7.044 Vercelli, 6.479 Biella, 6.252 Verbano Cusio Ossola, oltre a 992 residenti fuori regione ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 1.601 sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale.

VENETO

Nelle ultime 24 ore in Veneto sono stati trovati 3.320 nuovi positivi al coronavirus, con oltre 52.000 tamponi effettuati e un'incidenza di positivi per tamponi che è quindi del 6,3%. I soggetti attualmente positivi sono al momento 92.690, I pazienti ricoverati sono 3.324, di cui 373 in terapia intensiva. Questi i dati diffusi oggi in conferenza stampa dal presidente della Regione Veneto Luca Zaia. Il Veneto oggi registra 165 decessi in
24 ore, un record per la seconda ondata della pandemia. Il presidente Zaia ammette che si tratta di "un dato alto" ma spiega che a questa triste cifra si arriva conteggiando anche i decessi di ieri. "Ho l'obbligo di dirvi che ieri avevamo solo 25 decessi e non era possibile - spiega - . Lo dico perchè sono stati caricati i dati di ieri su oggi, lo dico per correttezza". Oggi ci "Sono 165 morti" dunque, "ma devo avere l'onestà di dire che abbiamo dati caricati tardivamente".

LIGURIA

In Liguria si sono registrati altri 20 decessi di persone positive al coronavirus: è il dato emerso dal nuovo bollettino diffuso dalla Regione. Si tratta di persone tra i 64 e i 91 anni, morte tra il 28 novembre e il 14 dicembre. Le vittime, da inizio emergenza, sono salite a 2.694. Scende il numero dei ricoverati in ospedale: sono ad oggi 839, 14 in meno di ieri. Di questi, 71 sono in terapia intensiva. L'ultimo report registra anche 202 nuovi positivi; nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 3.899 tamponi molecolari, 655.617 da inizio emergenza. Effettuati in un giorno anche 2.639 tamponi antigenici rapidi, 117.938 dal 2 novembre scorso.

EMILIA ROMAGNA

In Emilia Romagna sono stati 1.238 i nuovi positivi, di cui 632 asintomatici, su un totale di 15.770 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti quasi si dimezza, scendendo al 7,8%. Si contano 74 nuovi decessi. In calo i ricoveri: i pazienti in terapia intensiva sono 214 (-8 rispetto a ieri), 2.797 quelli negli altri reparti Covid (-34). Dall'inizio dell'epidemia da coronavirus, si sono registrati 147.558 casi di positività. Questi i principali dati sull'emergenza sanitaria da Covid-19 forniti dalla Regione. Le persone complessivamente guarite, sono 1.511 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 76.205. I casi attivi, cioè i malati effettivi, a oggi sono 64.634 (-347 rispetto a ieri).

TOSCANA

In Toscana sono 332 i positivi al coronavirus in più rispetto a ieri, su un totale, da inizio epidemia, pari a 113.121 unità. I nuovi casi sono lo 0,3% in più rispetto al totale del giorno precedente. L'età mediana dei 332 casi odierni è di 46 anni circa (l'11% ha meno di 20 anni, il 30% tra 20 e 39 anni, il 30% tra 40 e 59 anni, il 20% tra 60 e 79 anni, il 9% ha 80 anni o più).I guariti crescono dell'1,6% e raggiungono quota 93.619 (82,8% dei casi totali). I tamponi eseguiti hanno raggiunto quota 1.733.863, 8.572 in più rispetto a ieri, di cui il 3,9% positivo. Sono, invece, 2.765 i soggetti testati oggi (escludendo i tamponi di controllo), di cui il 12% è risultato positivo. A questi si aggiungono i 4.135 tamponi antigenici rapidi eseguiti oggi. Gli attualmente positivi sono oggi 16.264, -7% rispetto a ieri. I ricoverati sono 1.370 (33 in meno rispetto a ieri), di cui 214 in terapia intensiva (4 in più). Oggi si registrano 45 nuovi decessi: 25 uomini e 20 donne con un'età media di 82,3 anni. Questi i dati - accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste della Protezione Civile Nazionale - relativi all'andamento dell'epidemia in regione.

LAZIO

Nel Lazio diminuisce il numero dei nuovi positivi. "Oggi, su oltre 15mila tamponi, si registrano 1.159 casi", rende noto l'assessore alla Sanità regionale, Alessio D'Amato. Ieri i nuovi positivi erano stati 1.315 su oltre 13mila tamponi eseguiti. Nelle ultime 24 ore si registra tuttavia un significativo incremento dei decessi: sono 83 a fronte dei 38 di ieri. I guariti oggi sono 2.704. Calano i casi, i ricoveri e le terapie intensive - aggiunge l'assessore - Roma città rimane sotto ai 600 casi (578)".

ABRUZZO

Sono complessivamente 32375 i casi positivi al Covid 19 registrati in Abruzzo dall'inizio dell'emergenza. Rispetto a ieri si registrano 100 nuovi casi (di età compresa tra 1 e 98 anni). I positivi con età inferiore ai 19 anni sono 8. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 15 nuovi casi e sale a 1072 (di età compresa tra 54 e 89 anni). Del totale odierno, un caso riguarda un decesso dei giorni scorsi e comunicato solo oggi dalla Asl. Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 16836 dimessi/guariti (+500 rispetto a ieri). Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 14467 (-415 rispetto a ieri). Dall'inizio dell'emergenza Coronavirus, sono stati eseguiti complessivamente 467336 test (+1917 rispetto a ieri). 601 pazienti (-29 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva; 59 (-5 rispetto a ieri con 3 nuovi ricoveri) in terapia intensiva, mentre gli altri 13807 (-381 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl. Lo comunica l'Assessorato regionale alla Sanità.

CAMPANIA

L'unità di crisi della regione Campania ha reso noto che i positivi di oggi sono 647 di cui asintomatici: 579 e sintomatici: 68 su 8.441 tanponi. Il totale dei positivi è 175.700 su 1.830.136 tamponi. I decessi sono 50 (22 deceduti nelle ultime 48 ore e 28 deceduti in precedenza ma registrati ieri) che fanno salire il numero a 2.390. I guariti sono 3.025 e quelli complessivi 83.068. Posti letto di terapia intensiva disponibili: 656; occupati: 123; Posti letto di degenza disponibili: 3.160; occupati: 1.720

BASILICATA

Sono stati 64 i tamponi positivi sui 922 esaminati in Basilicata nelle ultime 24 ore, a conferma che la seconda ondata del virus ha ormai smesso di crescere: lo ha reso noto la task force regionale, spiegando che dei nuovi positivi 60 sono residenti in Basilicata dove, comunque, sono morte altre cinque persone.
Nelle ultime 24 ore, inoltre, sono guarite dal covid 46 persone, portando il totale a 3.112 (i morti sono stati finora 209). I lucani "attualmente positivi" sono 5.975, dei quali 5.858 sono in isolamento domiciliare. Le persone ricoverate in ospedale sono 117: undici sono in terapia intensiva. Dall'inizio dell'emergenza, in Basilicata sono stati analizzati 168.405 tamponi, 156.791 dei quali sono risultati negativi.

PUGLIA

Su 10.163 test per l'infezione da coronavirus eseguiti oggi in Puglia sono stati registrati 1.023 casi positivi e 54 decessi. Il tasso di positività è al 10,06% rispetto al 13,44 di ieri. Sono 52.275 i casi attualmente positivi.

SARDEGNA

Sono saliti a 600 i morti in Sardegna dall'inizio dell'emergenza Covid. Oggi l'Unità di crisi regionale registra altre 12 vittime: i nuovi casi sono 231 e portano a 26.737 il numero complessivo da marzo. In totale sono stati eseguiti 426.556 tamponi, con un incremento di 3.604 test. Sono 570 i ricoverati in ospedale in reparti non intensivi (dieci in meno rispetto al dato di ieri), ai quali si aggiungono 58 (+1) in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 14.756. Il dato progressivo dei casi positivi comprende 10.595 (+190) pazienti guariti, più altri 158 guariti clinicamente.

Commenti

Grazie per il tuo commento