L'eredità e i carciofi: perché è scoppiata la lite della strage in famiglia

La contesa dei terreni adibiti alla coltivazione di carciofi sarebbe il motivo che ha portato Angelo Tardino ad uccidere la sua famiglia a Licata. Proseguono le indagini

L'eredità e i carciofi: perché è scoppiata la lite della strage in famiglia

Sarebbe di carattere economico il movente del quadruplice omicidio avvenuto questa mattina a Licata. Una famiglia devastata dalla furia omicida di un uomo, Angelo Tardino, 48enne, che ha fatto fuori a colpi di pistola (una calibro 9 legalmente detenuta), fratello, cognata e due nipoti di 11 e 15 anni. Una tragedia avvenuta a casa delle vittime, in via Riesi, centro popoloso della città. Sono stati momenti concitati quelli vissuti nelle prime ore della giornata nella provincia agrigentina. In primis le attività dei carabinieri sono state dirette alla ricerca del killer che, dopo essersi macchiato le mani di sangue, si è dato alla fuga. Ogni angolo della città è stato passato a setaccio dai militari alla ricerca dell’uomo che poi è stato raggiunto telefonicamente dai militari. Dopo un primo tentativo diretto a farlo costituire e che sembrava stesse andando a buon fine, l’esplosione dei colpi di pistola che, dall’altra parte del telefono, hanno fatto intendere il peggio.

L’assassino è stato ritrovato privo di sensi, in aperta strada di campagna, in contrada Safarello. Sembrava fosse deceduto sul colpo ed invece i sanitari che hanno prestato soccorso, ne hanno accertato la morte celebrale predisponendo il ricovero all’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta dove l'uomo è morto poco dopo.

Adesso è il tempo della ricostruzione dei fatti e delle dinamiche che hanno portato alla tragedia. Dalla pista che stanno seguendo gli inquirenti, sotto la direzione della procura di Agrigento, emerge una contesa sulla spartizione di terreni adibiti alla coltivazione di carciofi. Motivi questi, che avrebbero portato la famiglia a litigare da diverso tempo. I vicini di casa hanno infatti raccontato ai carabinieri che da quella casa sono spesso uscite fuori urla di furibondi litigi tra i fratelli. Licata è una zona di Agrigento, il cui paesaggio è caratterizzato da una grande piana, da diversi appezzamenti agricoli che incidono profondamente sulla ricchezza locale e sull’economia del territorio. Fra le varie coltivazioni, a garantire una redditività di non poco conto, è proprio quella dei carciofi. E questo spiegherebbe in un certo senso il perché la contesa fra i due fratelli si protraeva da tempo. Ma nulla avrebbe fatto pensare che la contesa potesse degenerare in questo modo.

Non è questa la prima volta che a Licata, come in altre città siciliane, avvengono tragedie familiari il cui movente scaturisce da un problema di questo tipo. La redditività di questi terreni è così alta, che spesse volte, il lume della ragione è venuto a mancare tragicamente. E così, sono diversi gli omicidi sfociati in ambito familiare e oggi si è aggiunto quello della famiglia Tardino.

Commenti