Date, regole e obblighi in spiaggia: come e quando andare al mare

Sulle vacanze esiste pende ancora il punto di domanda, ma alcune regioni hanno già provveduto a regolare il mondo balneare con alcune ordinanze che stabiliscono le riaperture. Ecco tutte le indicazioni per la spiaggia

Cosa ne sarà della nostra estate? È forse questo l’interrogativo che va per la maggiore in questi giorni, visto l’avvicinarsi della stagione estiva. Difficile formulare una risposta certa, dal momento che – nonostante le rassicurazioni del governo e dello stesso premier Giuseppe Conte, che ha peraltro invitato la popolazione a fare le vacanze in Italia – non è ancora chiaro se, dove e come potremo godere le ferie. Visto che estate spesso fa rima con mare e spiaggia, le regioni dello Stivale bagnate dall’acqua marina stanno provando a regolare il mondo balneare e i flussi turisti in arrivo sulle spiagge de Belpaese, sulla base delle linee guida varate dal governo.

Da lunedì 18 maggio, infatti, l’esecutivo ha dato il "la" alla stagione, statuendo che per ogni ombrellone deve essere garantito uno spazio di dieci metri quadrati, così da mantenere la distanza minima di sicurezza dai vicini (o meglio "lontani") di posto. Però, attenzione: fino a mercoledì 3 giugno si può andare al mare solo se questo è all’interno della propria regione di residenza.

Inoltre, gli stabilimenti dovranno contingentare gli ingressi, misurare la temperatura corporea dei clienti all’ingresso, predisporre i dispenser di gel igienizzante qua e là, vietare attività ludiche e sportive di gruppo che possono creare assembramenti, provvedere alla sanificazione delle aree comuni, dotare il personale dei dispositivi di protezione individuale e possibilmente organizzare i flussi in entrate e in uscita con due percorsi separati

Ciò detto, al "la" dato da Roma, i governi regionali hanno dovuto dare seguito, organizzando i propri litorali e non in tutte le regioni italiane gli stabilimenti hanno aperto i battenti; non tutte infatti, come sottolineato da MondoBalneare hanno emesse un’ordinanza per regolamentare la questione.

Le spiagge: le date da nord a sud

Veneto: sul mare Adriatico in terra veneta i bagni sono aperti da lunedì 18 maggio, ma non tutti gli stabilimenti sono operativi, dal momento che spesso e volentieri devono completare l’allestimento della struttura e degli ombrelloni. La regione governata da Luca Zaia non ha modificato la distanza di 10 metri quadri tra ogni ombrellone.

Liguria: dal mare Adriatico a quello Ligure, dove la spiaggia è aperta dal 18 ma con in Veneto non tutti gli stabilimenti sono operativi. Il presidente Giovanni Toti ha recepito i 10 metri quadri senza cambiarli e in più ha posticipato dal primo al quindici giugno l’obbligo di riapertura degli stabilimenti. Qui, viste le dimensioni ridotte delle coste liguri, gli ombrelloni saranno pochi e nelle spiagge libera si rischieranno assembramenti.

Toscana: confinante con la Liguria, anche in Toscana i bagni sono aperti dal 18 maggio e la distanza di sicurezza tra gli ombrelloni sarà di 10 metri quadri.

Emilia-Romagna: sulla riviera romagnola il discorso è diverso: il presidente dem Stefano Bonaccini ha riaperto le spiagge sabato 23 maggio e ha deciso di aumentare la distanza tra gli ombrelloni, visto che la profondità del litorale romagnolo; qui, infatti, la spazio cuscinetto sarà di 12 metri quadri.

Marche: procedendo verso Sud sul litorale Adriatico, nelle Marche il mondo della spieggia è riaprirà venerdì 29 maggio e l’area minima di sicurezza è stata accresciuta di qualche centimetro, fino a 10,5 metri quadri.

Abruzzo: scendendo verso il tacco dello Stivale, l’Abruzzo è più prudente. Qui la giunta regionale ha deciso di creare piazzole delimitate anche con il nastro e l’obbligo di prenotazione degli ombrelloni (quindi non solo consigliata), a distanza di 10 mq. Via libera dal primo giugno

Puglia: la regione di Michele Emiliano ha aperto le spiagge lunedì 25 maggio, accogliendo la distanza di 10 metri quadri

Basilicata: come la Puglia, la spiaggia della Basilicata riaprirà lunedì 25 maggio 2020 con la distanza tra gli ombrelloni di 10 metri quadri

Calabria: la governatrice Jole Santelli ha concesso la riapertura già il 20 maggio, adottando le linee guida nazionale e la distanza dei canonici 10mq.

Sicilia: Nello Musumeci ha deciso che la stagione balneare inizierà il 6 giugno adottando le indicazioni del governo e dunque i 10 metri quadri.

Campania: tornando sulla terra ferma, Vincenzo De Luca ha dato il "la" agli stabilimenti e alla spiaggia da sabato 23 maggio, recependo i 10 mq di distanza tra gli ombrelloni.

Lazio: infine, Nicola Zingaretti ha deliberato la riapertura fissandola per venerdì 29 maggio dicendo sì ai 10 metri quadri.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di RobyPer

RobyPer

Mar, 26/05/2020 - 11:07

Dite al giornalista per cortesia che pure il Friuli Venezia Giulia ha il mare!

Ritratto di filospinato

filospinato

Mar, 26/05/2020 - 11:08

Le elezioni sono l'ultima spiaggia per salvarsi da un mare di guai.

Una-mattina-mi-...

Mar, 26/05/2020 - 11:38

QUALCUNO AVVERTA I BOIARDI CHE IL RAFFREDDORE NON C'E' PIU', E CHE IL FUFFAVIRUS E' MORTO

jaguar

Mar, 26/05/2020 - 11:57

La distanza tra ombrelloni va bene, ma alla gente interessa sapere se l'uso della mascherina sarà o no obbligatorio. Se rimanesse l'obbligo dubito che al mare la stagione decolli.

epc

Mar, 26/05/2020 - 12:25

Se all'esame di Fisica 1 (sostenuto ormai 25 anni fa....) avessi detto "la distanza di 10 metri quadri" mi avrebbero bocciato all'istante…..

Ritratto di Flex

Flex

Mar, 26/05/2020 - 12:44

Andare al mare in quelle condizioni, NO grazie.

ulio1974

Mar, 26/05/2020 - 12:56

...ottima la nuova unità di misura per distanze inventata dal buon giornalista Fabio Franchini misurata in metri quadrati. A perte questo, come stiamo a Sardegna e Friuli??

agosvac

Mar, 26/05/2020 - 13:55

Altro che proibizioni per chi va al mare a prendere il Sole ed a farsi il bagno, dovrebbe essere reso obbligatorio per tutti. Infatti le proprietà terapeutiche dell'acqua di mare e del Sole sono riconosciute anche dai medici più scadenti, uno scienziato , se scienziato, non dovrebbe disconoscerle. Purtroppo chi si occupa di questo virus oltre a non essere scienziato non è neanche un medico come ne esistevano una volta. Ricordo, come fosse ieri, che, quand'ero bambino e stavo poco bene i miei chiudevano tutto. Poi arrivava il nostro medico e , indignato, faceva aprire tutte le finestre per fare entrare il Sole. Il fatto che sono ancora vivo anche se piuttosto anziano, depone a suo favore. Ma quando mai il Sole ha fatto male???????????

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 26/05/2020 - 14:13

@epc - è un refuso, può capitare, intendeva dire la zona occupata di 10 m². Io di esam idi Fisica ne ho dati 3 alla facoltà di ingegneria, dal 74 al 77, ma ci arrivo a capire dove ci sia stata uan svista.

Calmapiatta

Mar, 26/05/2020 - 14:25

Regole in spiaggia? Ovvero il luogo dove l'italiano generico medio esprime al massimo la propria maleducazione?

pv

Mar, 26/05/2020 - 15:15

Ma invece che pensare a LAVORARE ad agosto, pensate agli ombrelloni? E poi chiedete l' elemosina all' Europa?

ziobeppe1951

Mar, 26/05/2020 - 15:53

pv...15.15...è il tuo governo di inetti che manda gli italiani in vacanza

Ritratto di tomari

tomari

Mar, 26/05/2020 - 16:42

Non me ne frega. Io amo la montagna!