Virus, tensione tra le Regioni. Scatta la guerra del lockdown

Con il boom di contagi torna il pericolo blocchi. De Luca vuole chiudere la Campania. Bonaccini e Toti non ci stanno

Il nuovo aumento dei positivi degli ultimi giorni ha allarmato non poco Vincenzo De Luca, il governatore della Campania, che ha ipotizzato di chiedere entro fine mese al governo di poter chiudere nuovamente i confini della Regione. Immediate le repliche di altri presidenti, primi tra i quali quello dell’Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, e quello della Liguria, Giovanni Toti. Entrambi si sono detti contrari alla proposta campana.

In fatto di prossima riapertura delle strutture scolastiche, De Luca ha anche fatto sapere che stanno “verificando con l’Unità di Crisi e con i responsabili della Pubblica Istruzione di prevedere in vista della riapertura delle scuole il controllo della temperatura corporea all’interno degli stessi istituti, ritenendo irrealistica la previsione nazionale del monitoraggio effettuato a casa. È in corso un monitoraggio delle tipologie di classi e degli stessi istituti, sapendo che un alunno con febbre potrebbe avere un effetto a catena difficilmente gestibile”.

I dati preoccupano De Luca

Nella giornata di ieri, venerdì 21 agosto, in Campania sono stati registrati 68 nuovi contagi. Il governatore ha così riassunto: “14 a Napoli: 3 dall’estero, 6 provenienti da strutture turistiche della Sardegna e 5 residenti. A Caserta contagi provenienti da Spagna e Sardegna. Anche a Salerno contagi provenienti dall’estero. Quando siamo di fronte a questi dati bisogna bloccare i viaggi dall’estero”. Ha inoltre fatto sapere che a fine mese verrà deciso se chiedere o meno al governo di limitare la mobilità tra le regioni. In quanto, come sottolineato da De Luca, nell’ultimo mese si sono verificati sia un allentamento delle regole di sicurezza che vari assembramenti di migliaia di giovani. Il presidente ha poi incolpato il governo di aver fatto la scelta sbagliata “di apertura totale delle frontiere in uscita e in entrata senza nessun controllo. Credo che questa scelta abbia penalizzato il nostro Paese”.

La replica di Bonaccini e Toti

Le sue parole non hanno però trovato il consenso unanime da parte degli altri governatori. In particolare, Bonaccini e Toti si sono detti contrari a un’altra eventuale chiusura dei confini regionali. Il presidente dell’Emilia Romagna ha spiegato che “si segue sempre l’evoluzione del virus e poi si discute tra Regioni e Governo. Bisogna sempre tenere monitorata la situazione perché quelli che parlano il giorno dopo mi hanno sempre fatto abbastanza pena”. Anche Toti non vede la necessità in questo momento di pensare a una nuova chiusura, in quanto non vi è una emergenza clinico-sanitaria preoccupante. “Stiamo attenti, teniamo la mascherina, facciamo tutto quello che dobbiamo fare ma evitiamo di tornare a terrorizzare questo Paese che non ne ha bisogno” ha commentato il governatore della Liguria, regione messa in ginocchio non solo dal Covid ma anche dalla mal gestione della rete autostradale.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Ilsabbatico

Sab, 22/08/2020 - 15:48

Come molti commentatori di questo giornale sanno, io sono uno di quelli che vive all'estero da tanti anni. Ogni giorno mi leggo i miei giornali locali e tutti i giorni leggo pure i giornali italiani.... Credetemi quando dico che tutto questo "marasma di incompetenze, scarico di responsabilità, mal gestione e problematiche oramai incancrenite e irrisolvibili oltre a una netta e chiara intenzione di terrorizzare il popolo" lo vedo solo in italia....me ne dispiace ma è così. D'altra parte è anche un paese dove la maggioranza è di destra ma la sinistra non permette le elezioni, è l'unico paese al mondo dove le scuole non sono state riaperte e nessuno sa quando le riapriranno, i clandestini arrivano e non solo non vengono rimpatriati ma vengono pure ben accolti.....boh!!! Credetemi, all'estero si ride di questa situazione tutta italiana.

Ritratto di fergo01

fergo01

Sab, 22/08/2020 - 16:28

ILSABBATICO stanco dell'italia, pure io da un paio d'anni mi sono trasferito all'estero e confermo al 100% ciò che hai scritto: qui dove sono io la gente esce, protesta comunque (altre sono le colpe dell'attuale governo locale) e nessuno pensa di andare a dire loro "niente assembramenti" perché riceverebbero una milionata di pernacchie. non solo: ridono della situazione italiana. i contagi ci sono? e allora? in italia si sono mai controllati gli attuali positivi prima che andassero in vacanza? no, e questo fa comodo a chi vuole un lockdown per non andare a votare.... italiani, se magari più del calcio e del grande fratello, qualcosa vi interessa del vostro paese, scendete in piazza ma non contro l'opposizione, ma tutti uniti contro questa manica di incapaci che vi sta manipolando per il loro puro interesse di poltrona

lai.rinaldo

Sab, 22/08/2020 - 16:33

Ilsabbatico,non è esattamente cosi ,le scuole in germania vanno nuovamente verso la chiusura dopo appena 2 settimane che sono aperte.leggo anche io i giornali esteri sono stato per 18 anni all'estero e se anche tu leggi la stampa internazionale non e che siano messi molto meglio dell'italia,guarda i nuovi casi di covid in spagna,francia e germania giusto per citarne alcuni,anche li i contagi hanno ripreso piede molto più che in Italia.

cir

Sab, 22/08/2020 - 16:35

Ilsabbatico Sab, 22/08/2020 - 15:48 il tuo banale e insensato parere interessa a nessuno .

mariobaffo

Sab, 22/08/2020 - 16:37

De Luca il Totò della Campania vuole fare teatro.

Ritratto di ex finiano

ex finiano

Sab, 22/08/2020 - 16:48

Iniziamo a respingere i clandestini.

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Sab, 22/08/2020 - 16:50

Basta con il terrorismo. shalòm.

jaguar

Sab, 22/08/2020 - 17:04

cir, invece pensi che a qualcuno interessi il tuo parere?

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Sab, 22/08/2020 - 17:05

Ilsabbatico Sab, 22/08/2020 - 15:48 Dice bene! Solo in Italia si continua con questo tam tam quotidiano di terrore mediatico che considerano i positivi ammalati e untori! Una campagna mediatica del terrore promossa dai giornalisti delle varie testate che cerca di assoggettare le menti dei più deboli in modo da assere assuefatte al nuovo ordine di cose improntato sulla paura. Ed è proprio quello che sta facendo l'attuale governo:disabituare i cittadini ad andare presso i pubblici servizi optando per i servizi on-line.Ti dirò di più,gli uffici pubblici sono stati sigillati lo scorso marzo.Quali sono i motivi per una chiusura così prolungata nel tempo al pubblico? Io avrei una risposta in merito,il governo sta cercando di fare abituare i cittadini italiani a richiedere i servizi on line direttamente da casa,promuovendo lo smartworking. In questo modo lo Stato risparmi una mole di denaro enorme a scapito dei cittadini costretti a subire disservizi.

Ritratto di pipporm

pipporm

Sab, 22/08/2020 - 17:09

Italia patria di pensatori

marzo94

Sab, 22/08/2020 - 17:22

Caro Sabbatico, purtroppo hai ragione piena. Chi è causa del suo mal... Siamo un paese abituato da decenni di cattodemocristinanismi a vivere di concessioni ed elemosine, più che di diritti, ormai far valere le proprie ragioni (dovunque : alla posta, in municipio, di fronte ad un vigile urbano) ci sembra un atto di eroismo invece che un sacrosanto diritto. La protesta è sussurrata e per passaparola, abbiamo lasciato troppo spazio al potere costituito, che se lo sta prendendo tutto. Perfino il lockdown mortale che ci hanno imposto è passato quasi inosservato , qualche mugugno e poco più, mentre incredibilmente vigili e sbirri martirizzavano la popolazione (e continuano anche oggi!!!) con multe assurde e prevaricazioni varie. Se non impariamo a ribellarci (anche con le elezioni, e non solo col mugugno) e partecipare diventeremo un popolo di rane bollite a fuoco lento.

Ilsabbatico

Sab, 22/08/2020 - 17:22

cir 16:35 vedi perché l'Italia va male? Perché è piena di individui come lei, che si spacciano per democratici ma che in realtà si arrogano il diritto di decidere e giudicare per gli altri. ...di una pochezza estrema. Stia bene e passi un buon weekend!

kayak65

Sab, 22/08/2020 - 17:23

d'accordo con de Luca. Chiudi la Campania...per sempre sia in entrata che uscita anche se i veri campani non meritano un figuro incapace e spavaldo come governatore

Ilsabbatico

Sab, 22/08/2020 - 17:33

lai.rinaldo 16:33 Io non sto mettendo in dubbio o facendo dei confronti numerici sui positivi di covid e tantomeno su quanto rimarranno aperte le scuole rispetto all'Italia dove l'istruzione non è neanche ripartita, il mio discorso è un po' più ampio e in merito alla gestione del paese stesso. In Italia è sempre tutto complicato, mal gestito ed è evidente una disomogeneità di idee e di pensiero da parte dei governanti. ....oltre anche da parte dei cittadini.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Sab, 22/08/2020 - 17:35

cir Sab, 22/08/2020 - 16:35 E lei pensa veramente che il suo parere possa interessare?

Ritratto di giangol

giangol

Sab, 22/08/2020 - 17:38

per bloccare gli italiani non vi fate nessun problema ( e scommetto pure che ci provate gusto) invece per bloccare ai finti naufraghi guai

Pigi

Sab, 22/08/2020 - 17:39

Almeno abbiamo capito che non c'è niente da fare, che il lockdown non è servito a sconfiggere il virus, ma a sconfiggere la nostra economia. Bisogna scegliere tra i domiciliari a vita e un minimo rischio di ammalarci, con un rischio di defungere al livello di defungere per un incidente stradale.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Sab, 22/08/2020 - 17:58

giangol Sab, 22/08/2020 - 17:38 Esattamente!

steluc

Sab, 22/08/2020 - 17:58

L’Oms parla di due anni , fra due anni con questi chiari di luna saremo pieni di debiti, fame, poliziotti che ci tracciano e multano e clandestini che scorrazzano impuniti. Votate sempre quelli, mi raccomando.

pinosala

Sab, 22/08/2020 - 17:59

Ma quale "boom dei contagi". Se anche fossero 1000 al giorno, in un anno sarebbe contagiata si e no lo 0,6% della popolazione italiana; ma intanto molti guarirebbero (se mai fossero stati ammalati).

GPTalamo

Sab, 22/08/2020 - 18:01

Non conosco i dati precisi di morti per COVID in Italia (magari qualche lettore puo' delucidarmi), ma negli USA sono abbastanza chiari: 173.000 morti su una popolazione di 320 milioni di abitanti. Se non mi sbaglio a fare i calcoli matematici, mi sembra che ci sia stato (piu' o meno) un morto su ogni 200.000 persone. Cioe', in una citta' come Reggio Calabria, un solo morto. Una malattia naturale, come le altre. Dove e' tutta questa emergenza per cui il popolo deve essere bombardato quotidinamente da media e governi?

cir

Dom, 23/08/2020 - 11:06

Ilsabbatico Sab, 22/08/2020 - 17:22 : non cominciamo cl le offese. democratico sarai tu !!

GPTalamo

Dom, 23/08/2020 - 14:53

Scusate, ho fatto un errore grossolano: un morto ogni 2000 persone. In Italia, sembra che siano morti 35000 su una popolazione di 60 milioni, quindi una persona su 1700 abitanti, piu' o meno. Mi scuso dell'errore madornale.