Dopo il demagogo arriva sempre il competente

Perché nei momenti del pericolo, quando devono essere prese delle decisioni gravi e definitive, spesso vanno al potere degli uomini squilibrati, ignoranti, violenti o addirittura fanatici?

Perché nei momenti del pericolo, quando devono essere prese delle decisioni gravi e definitive, spesso vanno al potere degli uomini squilibrati, ignoranti, violenti o addirittura fanatici? Nel pericolo il popolo dovrebbe agire razionalmente e scegliere quelli che hanno una visione più lucida delle cose. Invece prevalgono le emozioni, la collera, il desiderio di vendetta e vengono seguiti i demagoghi che promettono una soluzione miracolosa.

Prendiamo il caso della rivoluzione russa. Nicola II era uno zar mediocre, ossessionato dalla malattia del figlio emofiliaco e assediato da Rasputin nella sua stessa corte. Poi sono arrivati i rivoluzionari distruttori. Qualcosa di più modesto ma analogo è avvenuto anche in Italia con l'ascesa del Movimento grillino. Esso è esploso dopo il 2008, con la prima recessione. Per Grillo e Casaleggio l'élite politico-culturale andava annientata, al potere dovevano andare cittadini qualsiasi scelti a caso su Rousseau. Di fatto parlamentari e ministri sono stati selezionati così. E il parlamento a trazione grillina ha espresso due governi incapaci in un momento in cui sarebbe stato necessario un governo di altissima qualità. Un fenomeno analogo agli Usa, dove sull'onda popolare è andato al potere Trump, poi travolto dall'epidemia.

Per fortuna dopo il trionfo dei demagoghi distruttori emergono nuove élites capaci di fare scelte razionali e porsi grandi obiettivi. Anche in Italia l'elettorato ha incominciato ad abbandonare i partiti populisti più beceri per tornare ad aver fiducia in forze politiche che conoscono il Paese e sono in condizione di preparare un programma di rinascita.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

apostata

Lun, 11/01/2021 - 12:06

La vicenda di trump non può essere paragonata a quella dei 5s. Difficile conoscere il tracollo di trump, ma è facile vedere dietro la vittoria di biden il compattamento dei poteri forti e radicalchic, della tradizione billyana, baraccana e ora hillaryana. L’ascesa dei 5s è dovuta ad un gioco demagogico incosciente di stampa e televisioni che hanno fatto vedere nell’antipolitica la soluzione di tutti i mali. Certo, i 5s hanno deluso, ma non sappiamo che verrà dopo. La politica non sarà determinata dalla scelta popolare, il popolo italiano è troppo immaturo per dettare una linea e per scegliere rappresentanti capaci di attuarla. La politica italiana è condizionata da magistratura, burocrazia, rai, clero e cultura veterocomunista che sopravvive malgrado la caduta del muro di berlino.