Desirée, parla l'avvocato: "Vogliamo il silenzio stampa"

“Io, insieme ai genitori, alla mamma, vogliamo il silenzio stampa. Vogliamo trattenere il nostro dolore. Occorre il rispetto della famiglia. Se vogliamo bene a Desirée e alla famiglia di Desirée lasciamoli in pace”

“Desirée la conoscevo. Non la descrivo come l’hanno descritta alcuni giornalisti". Così il legale della famiglia Mariottini, Valerio Masci, ha dichiarato a Storie Italiane di Eleonora Daniele su Rai1.

Durante il programma, l'avvocato ha chiarito: "Era una ragazza normale di sedici anni. Una ragazza molto ingenua. Magari, nell’ultimo periodo, poteva essere un po’ più esuberante, ma parlare di problemi così seri di droga, sinceramente, non me la sento proprio. Qualche piccolo cambiamento nell’ultimo periodo, nell’ultimo mese, c’era stato senza ombra di dubbio. Era molto più nervosa, un po’ più schiva: non era più precisa e puntuale”.

Una descrizione diversa quella data dal legale sulla ragazza di Cisterna Latina trovata morta in uno stabile abbandonato nel quartiere di San Lorenzo a Roma il 19 ottobre scorso: "Amava l'arte, amava i colori. Io sono l'avvocato ma anche un amico di famiglia e conoscevo abbastanza bene Desirée. La definivo quasi un'artistoide. Voleva iscriversi all'Istituto d'Arte. Non posso immaginare che stesse frequentando cattive compagnie però in realtà, poi, l'abbiamo trovata lì dentro e non sappiamo per quale motivo e quale ragione".

Anche sui problemi familiari emersi nelle ultime ore, Masci ha precisato: "Si tratta di una famiglia normalissima, che lavora. Una famiglia di professionisti che non ha nessun problema".

L'avvocato ha infine concluso con un appello rivolto ai cronisti per rispettare il dolore dei genitori della giovane vittima: “Io, insieme ai genitori, alla mamma, vogliamo il silenzio stampa. Vogliamo trattenere il nostro dolore. Occorre il rispetto della famiglia. Se vogliamo bene a Desirée e alla famiglia di Desirée lasciamoli in pace”.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.