Donne sposate nell'hotel: i profughi si fanno spostare

Appena arrivati si rifiutano di scendere dal pulmino: non volevano stare in un hotel dove erano già state donne sposate

Donne sposate nell'hotel: i profughi si fanno spostare

L'hotel disposto dalla prefettura proprio non gli andava giù e sono riusciti a farsi spostare. Alcuni immigrati africani, trasferiti oggi dalla Sicilia alla Toscana e destinati alla provincia di Livorno, hanno fatto i diavoli a quattro perché non gradivano la sistemazione nell'albergo di Campiglia Marittima ottenendo così di essere sistemati in mini-appartamenti che solitamente sono usati per le vacanze estive. I motivi della protesta? Svariati e abbastanza fantasiosi. Tra questi anche la presenza in hotel didonne sposate.

Non appena sono scesi dal pullman, gli immigrati (tutti ragazzi di età compresa tra i 20 e i 25 anni e provenienti da Gambia, Ghana, Zimbabwe e Kenya) hanno iniziato ad avanzare un'infinità di pretese. Tra queste l'inopportunità, per motivi etnico-religiosi, di alloggiare in una struttura dove sono presenti donne sposate che fanno parte di un altro gruppo di clandestini arrivati in precedenza. Una prossimità che la loro religione non consente. Ma a invastitire gli africani ci sarebbero anche il peggioramento della logistica e degli spazi: "Non abbiamo uno spazio dove cucinare autonomamente". Cosa che evidentemente erano abituati a fare quando si trovavano in Sicilia.

La discussione si è fatta subito incandescente. Gli immigrati sono addirittura arrivati a chiedere alla polizia di poter tornare in Sicilia dove sono stati già ospitati un anno e mezzo. Alla fine è stata trovata la soluzione e il gruppo è stato sistemato in quattro mini-appartamenti di una struttura turistica situata a poca distanza. Nella decisione le autorità italiane hanno dovuto anche tenere conto di potenziali dissidi che si possono creare fra etnie diverse.

Commenti