Il creatore del vaccino di Pfizer rivela: "Quando si tornerà alla normalità"

Il vaccino sarà a disposizione ma senza un'accurata analisi di quelli che potrebbero essere gli effetti collaterali a lungo termine. Tutto pronto dalla prossima estate secondo i progetti dei due colossi farmaceutici BioNTech e Pfizer

La possibilità di un intervento risolutivo di quello che dovrebbe essere il vaccino anti Coronavirus si verificherà non prima della prossima estate, mentre il ritorno alla normalità sarebbe da collocare entro l'inverno successivo.

Questo almeno, stando a quanto dichiarato nel corso di un'intervista concessa alla Bbc, è il pensiero del co-fondatore della BioNTech, ovvero l'azienda che unitamente a Pfizer sta lavorando alacremente per mettere il sigillo sul rimedio che, nelle intenzioni dei due colossi farmaceutici dovrebbe arrivare a debellare il patogeno. Secondo la tesi sostenuta dal professor Ugur Sahin, se la campagna di vaccinazione fosse avviata questo stesso inverno, l'antidoto non riuscirebbe a raggiungere risultati soddisfacenti sul numero di infezioni.

BioNTech e Pfizer (azienda statunitense che alle spalle non ha un passato proprio limpido) hanno rivelato di aver testato il vaccino coinvolgendo all'incirca 43mila persone e restano convinte del fatto che il rimedio antiCoronavirus, oramai in rampa di lancio, avrebbe un'efficacia del 90%.

Durante l'Andrew Marr Show, trasmissione in onda sulla Bbc, Ugur Sahin ha spiegato di essere convinto del fatto che il vaccino possa ridurre le possibilità di trasmissione del Covid e ridurre l'impatto dei sintomi su un paziente positivo."Sono molto fiducioso che la trasmissione tra le persone sarà ridotta da un vaccino così efficace, forse non del 90% ma del 50% . Tuttavia non dovremmo dimenticare che anche questo potrebbe comportare una drastica riduzione della diffusione della pandemia", ha aggiunto il co-fondatore di BioNTech.

Il procedimento, sperimentato in almeno sei paesi, prevede una somministrazione intramuscolare in due dosi, a tre settimane di distanza l'una dall'altra. L'obiettivo resta quello di fornire circa 300 milioni di dosi nel mondo entro il prossimo aprile, cosa che "potrebbe permetterci di iniziare solo ad avere un primo impatto", ha spiegato Ugur Sahin."L'estate ci aiuterà perché il tasso di infezione scenderà e ciò che è assolutamente essenziale è che otteniamo un alto tasso di vaccinazioni fino a prima dell'autunno / inverno del prossimo anno".

E gli effetti collaterali? Quelli osservati fino ad ora, spiega il co-fondatore del colosso farmaceutico, si ridurrebbero ad un moderato dolore nella zona dell'iniezione, accompagnato da una febbre lieve/moderata. "Non abbiamo riscontrato altri gravi effetti collaterali che avrebbero portato alla sospensione o all'arresto dello studio", ha aggiunto, anche se per quelli a lungo termine bisognerà attendere: "Continueremo a raccogliere dati per più di due anni, per accertare gli effetti a lungo termine, non solo quelli a breve e medio termine".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Una-mattina-mi-...

Dom, 15/11/2020 - 17:15

A ME SEMBRA UNA BELLA PRESA PER I FONDELLI: SE IL VACCINO DA IMMUNITA' AL 90%, E IL SISTEMA IMMUNITARIO, COME CI INFORMANO (LO DIMOSTRANO LE PERCENTUALI DEGLI ASINTOMATICI-PAUCI SINTOMATICI) FUNZIONA AL 90%... MA DI CHE COSA VANEGGIANO? MAGARI SONO LO STESSO IDENTICO 90%, MENTRE LO STESSO IDENTICO 10% SI AMMALA PIU' O MENO SERIAMENTE...

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 15/11/2020 - 17:35

...la normalità,intesa prima del covid,dopo il TERRORISMO sparso in quantità industriale,non torna più!!...Sarà sostituita dalla "nuova normalità"!!!

cgf

Dom, 15/11/2020 - 17:57

@Una-mattina-mi-... Sapeva che l’efficacia generale del vaccino antinfluenzale è del 36 % , che significa che in una persona vaccinata il rischio di ammalarsi di influenza è ridotto di circa un terzo? Il morbillo arriva al 95%, ma la varicella al 74%. Il 90% per il vaccino euro/americano e 92% per quello russo è una percentuale altissima. Avere la kasko non significa evitare di andare in carrozzeria.