Ecco il video su Renzi delle Iene bloccato per la par condicio

Il video de Le Iene su Renzi che non è andato in onda ieri sera durante il programma di prima serata è stato postato sul profilo Facebook della trasmissione

Il video de Le Iene su Renzi che non è andato in onda ieri sera durante il programma di prima serata è stato postato sul profilo Facebook della trasmissione (Clicca qui per vedere il video). Sul profilo del programma appare una didascalia la video: "Ecco il tanto discusso servizio di Filippo Roma sul premier Matteo Renzi e i diritti negati ai disabili, che per motivi di par condicio prima del referendum non ci lasciano trasmettere questa sera in tv. Dopo 17 anni di imperdonabile ritardo da parte dello Stato, Matteo Renzi ha mantenuto la promessa fatta ai disabili italiani 2 anni fa e fino ad oggi disattesa?". Intanto sulla clip bloccata per la par condicio si sono scatenate alcune polemiche.

Ci risiamo. Prima un servizio tv sulle spese pazze del premier bloccato da Palazzo Chigi e mai andato in onda, oggi un'altra inchiesta delle Iene che mette a nudo le inadempienze del governo sul rinnovo del nomenclatore tariffario, cioè l'elenco degli ausili rimborsabili per i disabili, censurata da un intervento dell'Agcom, che considero gravissimo". Lo afferma la senatrice Laura Bottici. "Ancor più gravi sono però le motivazioni alla base dello stop, che l'Autorità giustifica con un rispetto della par condicio. Ma cosa c'entrano i problemi dei disabili con il referendum costituzionale? Perché l'Agcom tace di fronte alla frenetica presenza del premier in ogni talk e si erge persino a censore quando, invece, si diffonde un servizio che denuncia una questione di importanza vitale per centinaia di migliaia di disabili? Considerano articolo 21 carta straccia? È bene che l'Autorità chiarisca", conclude.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Sognatore_a_oltranza

Lun, 14/11/2016 - 12:25

Renzi, vergognati. Vattene. Mandiamolo a casa, ormai non c'è più tempo: o lo mandiamo a casa a ci rovinerà definitivamente.

Ritratto di gianpiz47

gianpiz47

Lun, 14/11/2016 - 12:30

Non esiste nessun termine nella Treccani per commentare. Createlo voi, ma che non sia petaloso.

Angel59

Lun, 14/11/2016 - 12:31

Dire faccia di bronzo a costui è fargli un complimento!

orsobepi

Lun, 14/11/2016 - 13:25

Concordo Angel59, il bello è che è talmente arrogante da non rendersi conto di essere ridicolo e con lui tutti i suoi amichetti di merende

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Lun, 14/11/2016 - 15:12

Questa volta FB farà un servizio utile di informazione, quindi zappa sui piedi per Renzi che ha molto probabilmente voluto la non trasmissione del servizio in tv.

nunavut

Lun, 14/11/2016 - 22:10

Cmq. all'inizio si vede benissimo che non sapeva più che pesci pigliare.Poi tutti quelli che si credono importanti che si prestano ingenuamente a certe pagliacciate (l'acqua sulla testa)essendo pure ricchi dovrebbero mettere le mani ai loro portafogli e senza tanta pubblicità,quelli al gov. che si applichino a varare le leggi che vanno strombettando per migliorare la vita di queste persone.

contractor

Mar, 15/11/2016 - 05:56

si la "testa" delle iene è anche quella che considera un pakistano profugo di GUERRA...(NB che il Pakistan ospitando 1.600.000 rifugiati..dovrebbe essere ben sicuro)per la serie: "diritti per tutti".Ed invece la coperta è quella e non la puoi dividere in milioni di parti.Certo che vedere il profugo con mazza da cricket sulla spalla andare a giocare mentre ci sono degli italiani abbandonati urla rabbia e dispetto.

Ritratto di Beppe58

Beppe58

Mar, 15/11/2016 - 06:53

Una parola c'è. Tristezza. Vedere il paese ostaggio di persone squallide, senza anima, né cultura, né senso dello stato o del ridicolo provoca indignazione prima e rabbia poi. Sciascia sarebbe molto in difficoltà se dovesse scegliere un termine appropriato per definirli. I disabili non portano voti, non sono una lobby, non sono gli amici degli amici, sono vuoti a perdere. E nel nostro paese vige la legge del "do ut des". E poi, amici, che cosa vi aspettate da un ministro della Sanità sprovvisto di laurea? Non sa nemmeno di che cosa si sta parlando.

leo_polemico

Gio, 17/11/2016 - 22:21

Agcom è "emanazione" del governo: vuoi che non difenda "Frottolo"?